POLITICA Letto 6893  |    Stampa articolo

Processo Acheruntia. Gencarelli non e’ mafioso, Acri non e’ mafiosa

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Angelo Gencarelli, 61 anni, già consigliere comunale, non è un mafioso. Questo è un dato di fatto alla conclusione del processo di 1° grado, denominato Acheruntia, che si sta tenendo al tribunale di Cosenza.
Ma noi ci sentiamo di scrivere che anche Acri non è una città mafiosa. Per la città, per la comunità, per le istituzioni ma soprattutto per le persone coinvolte è una bella notizia.
Volutamente, finora, non abbiamo scritto nulla sulle tappe del processo scaturito dall’inchiesta Acheruntia, coordinata dalla Dda di Catanzaro, sulla presunta presenza sul territorio di un’associazione mafiosa (416 bis del codice penale)  riconducibile al clan Lanzino di Cosenza. 
L’inchiesta, come risaputo, ha portato, nel luglio 2015, all’arresto di sette persone e ad una serie di indagati eccellenti.
Quella mattina di luglio, la città si sentì incredula e ferita, ancora di più all’ora di pranzo quando venne dipinta, senza sconti, anche da tutti i Tg nazionali come “centro mafioso”.
Oggi, a distanza di poco più di due anni, vogliamo scrivere che Acri non è terra di e per clan ‘ndranghetisti, che questo non è un territorio per appalti milionari ed appetibili dalla malavita, non è un centro di malaffare, non è un crocevia per affari tra delinquenti e politici. Non lo è mai stato. Tutte le Amministrazioni che si sono succedute negli anni, si sono distinte per onestà, trasparenza, moralità. Acri non è una città infestata dalla mafia.
Di contro, è nota per essere una città onesta, laboriosa, ospitale che vive di artigianato, agricoltura e piccole e medie imprese.
Possiamo scrivere che esistono politici con grossi limiti e scarse vedute ma che sicuramente non sono mafiosi, che la città abbia perso grosse occasioni di sviluppo e proprio per questo, forse, non è criminale.
Negli ultimi anni, l’ultimo “grosso” appalto gestito dal Comune, è stato quello relativo alla costruzione del palazzetto dello sport (2004).
L’intreccio tra mafia, politica ed imprenditori, soprattutto nel business dei boschi, non è chiaro.
Ma anche in questa sede preferiamo essere cronisti e non giudici ed attendiamo gli eventi.
Il terzo ed ultimo filone processuale, è previsto per il prossimo mese di novembre. Al centro dell’attenzione la concussione e la corruzione, cose ben diverse dall’associazione mafiosa (416 bis del C.P.) 

PUBBLICATO 30/09/2017





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1584  
Regionali 2020. Raffronti, vincitori, vinti, flop, curiosità
Hanno votato 8792 elettori, ovvero il 42,7%, nel 2014 andarono a votare circa 10mila elettori ovvero il 48%. Partiti; il centro destra si afferma grazie ad oltre il 40%, tiene il Pd che raccoglie 13 ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2653  
Regionali 2020. I candidati e le liste più votate sezione per sezione
Nelle prossime ore faremo dei riscontri con le elezioni passate, in questa sede vi rendiamo conto dei candidati e delle liste più votate. Candidati a governatore; Jole Santelli ha ottenuto 4004 voti ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2047  
Elezioni Regionali. I dati definitivi
Regionali 2020. I risultati definitivi dei candidati a presidente e delle liste nelle 35 sezioni.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 571  
Notte del Liceo. Rappresentazioni, musica, balletti, esperimenti, letture e grande partecipazione
Anche il liceo classico-scientifico “Julia”, diretto da Maria Brunetti, ha aderito all’edizione 2020 de “la notte del liceo.” Dalle 19 alle 24 letture, esposizioni, installazioni, mostre, balli, mus ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 407  
Il punto sulla Promozione. Il Belvedere vince a tavolino, l’Acri batte il San Fili
Quarta giornata di ritorno. Il Belvedere sempre più solo, San Marco nei guai, La Rossanese non molla, Schiavonea e Garibaldina fuori dalla zona rossa. Ben quattro le vittorie esterne.
Leggi tutto