OPINIONE Letto 1741  |    Stampa articolo

A proposito del PD

Foto © Acri In Rete
Vincenzo Rizzuto
Non si capisce, dopo le innumerevoli ‘debacles’ collezionate , perché il signor Renzi, ma soprattutto la sua nutrita ‘corte dei miracoli’ cresciuta all’ombra del berlusconismo, non sia stata ancora sconfessata da quel che rimane del popolo della sinistra in Italia.
Possibile che si stia a guardare dalla finestra o, ancora peggio, si tenti a contrastare La deriva autoritaria attraverso la costituzione di vecchi piccoli santuari intorno a cui si riuniscono pochi ‘saggi’ per rilanciare vecchi, impotenti ‘eserciti di Franceschiello’, già inutilmente mandati allo sbaraglio nei decenni passati!
Credo proprio che sia ora di rimboccarsi le maniche e riguadagnare il pensiero di sinistra di genesi italiana, attraverso il recupero non solo dell’idea socialista: quella di Turati, di Rosselli, di Matteotti fino allo stesso Gramsci, finora demonizzata e fatta fuori dalla cecità di logiche lobbistiche, che da decenni governano i palazzi del potere a soli fini personali, ritagliandosi grandi privilegi, che nemmeno imperatori come Carlo V hanno mai avuto.
A questo tipo di socialismo, è necessario oggi affiancare anche il pensiero democratico-liberale, recuperando l’opera di intellettuali dello spessore di Piero Gobetti e Salvemini.
E tutto questo perché dobbiamo ormai capire che l’Italia è un paese di moderati; ma questo non può autorizzare nessuno a consegnarsi mani e piedi alla destra più retrograda e pericolosa come avviene periodica-mente, ora con la sagra populista di Berlusconi che è durata oltre un ventennio come quello fascista; ora con la Lega, che con il suo populismo di pancia, alimentato dal coacervo di forze variopinte dei Pentastellati in continua ricerca di identità; pena la scomparsa totale, come sta paurosamente avvenendo mentre noi parliamo, di ogni barlume di una società capace di assicurare a tutti il diritto ad una esistenza dignitosa; ad una società in cui non ci siano milioni di persone che muoiono letteralmente di fame, magari perché il Governo possa organizzare spedizioni militari in nome di “guerre giuste”, che costano fiumi di miliardi, guerre che continuano ad essere sostenute anche dall’attuale maggioranza e che nel solo 2017 sono costate ben 25 miliardi di euro!
Ecco, il pensiero e l’utopia socialista o di sinistra democratica, allora, deve nascere sulla base di questi principi, che sono da sempre inderogabili per tutte le latitudini dell’universo mondo, come dimostrano anche da millenni gli stessi fondamenti più autentici del Cristianesimo.
Perciò è urgente oggi azzerare il PD ormai cotto e decotto, il cui stesso nome produce purtroppo presso l’immaginario collettivo sentimenti di sistematica ripulsa non solo nelle strade, ma anche nelle varie tornate elettorali, perché evoca scelte di campo in gran parte contrarie proprio a quei principi sopra sinteticamente elencati.
Il sacco pieno, si proceda dunque al più presto ad una ‘convencion’ di rilancio del pensiero di sinistra, discutendone in tutte le sedi, in mezzo alla gente, di cui spesso il politichese parla senza conoscerla, facendosi alla fine incoronare nella sagra dei ‘gazebo’, autentico ‘loco’ in cui i nuovi mandarini della patria utilizzano il populismo più becero.

PUBBLICATO 29/06/2018





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1078  
Morte Toscano. Condannato il Comune. Risarcimenti per due milioni
La vicenda risale al 2004, quando Luigi Toscano, trentenne, muore a seguito di un incidente sul lavoro al di fuori dello stadio comunale di via Seggio, oggetto di lavori appaltati dal Comune....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 5077  
Robur vicit?
Chi, nella propria araldica, ha il riferimento al termine ‘forza’ prova ad attribuirsi la legittimità della supponenza. Ci sarà riuscito? La previsione - fatta mesi addietro - che ad Ac ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 708  
Politica. Quegli screzi tra maggioranza e opposizione che non interessano a nessuno.
Scriviamolo subito. A noi, intesi come singoli esponenti di una comunità, non interessa nulla di cosa si occupano, fuori da palazzo Gencarelli, i diciassette consiglieri comunali....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1647  
Soddisfazioni
Sono giornate queste di grande fermento nella politica locale. Cambiano gli assetti nella maggioranza che guida il Comune. Nella stessa infatti si registrano movimenti sia in uscita che in entrata. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1520  
Consapevolezza del proprio ruolo e funzioni
Il consigliere Emilio Turano convinto che per sentirsi coscientemente apposto con i propri elettori piuttosto che con l’intera Città di Acri; che per risolvere problemi che vengono da lontano, che s ...
Leggi tutto