POLITICA Letto 2856  |    Stampa articolo

Asp di Cosenza, Sapia (M5S) mette in discussione la posizione del referente degli infermieri del 118, "è anche sindacalista e presiede un Consiglio comunale

Foto © Acri In Rete
Emiliano Morrone
Il deputato M5s Francesco Sapia, della commissione Sanità, torna con una richiesta formale sulla gestione dell'Asp di Cosenza, stavolta a proposito dell'incarico di referente degli infermieri del Suem 118 svolto da Mario Fusaro, che è anche presidente del Consiglio comunale di Acri (Cs) e tra gli eletti nella rappresentanza sindacale unitaria della stessa Asp.
«Il parlamentare 5stelle – si legge in una nota – ha scritto al direttore generale dell'Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, al responsabile aziendale dell'Anticorruzione, Francesco Laviola, e all'omologo del Comune di Acri, cioè il segretario generale dell'ente, Cosimo Straface».
«Pur non essendo prevista – è precisato nella missiva – tale figura del referente nell'ordinamento legislativo e contrattuale che regola i rapporti in ambito del Servizio sanitario nazionale, è chiaro, in ogni caso, che il dipendente in oggetto, sottoscrivendo i turni di servizio del personale afferente al Suem 118, esercita di fattouna funzione apicale e sovraordinata. Sotto tale profilo, si sostanzia nel caso di specie l'incompatibilità di cui agli articoli 11 e 12 del decreto legislativo in materia di anticorruzione.
Difatti, gli articoli in menzione introducono una incompatibilità generale riservata ai soli uffici apicali dell'amministrazione, lasciando del tutto immutato il regime ex articolo 53 del Testo unico sul pubblico impiego
».
Pertanto il deputato 5stelle ha chiesto «di ricevere copia dell'atto di conferimento dell'incarico di cui si tratta» e invitato i destinatari della sua missiva «all'attivazione delle verifiche di competenza in ordine al ruolo effettivamente svolto in seno all'Asp di Cosenza dall'inteso dipendente, in rapporto alla concomitante presidenza del Consiglio comunale di Acri, ad oggi in capo al medesimo», pure sindacalista della rsu aziendale.
Così Sapia ha responsabilizzato Mauro, Laviola e Straface, sul principio che «nessuno, tanto più nel settore pubblico, può stare con un piede in tre scarpe».

PUBBLICATO 25/10/2018





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 971  
L'unica vera emergenza è la cattiva politica
Il naturale decorrere delle stagioni ed i relativi mutamenti climatici che ne conseguono determinano una vera e propria sciagura per il territorio di Acri e per i suoi abitanti. Eventi fisiologici ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 416  
Due gite al Siluna fest. Occorre la prenotazione
Nel programma del Siluna fest sono previste 2 gite fuori porta: - sabato 3 agosto ,in Sila per passeggiata, presentazione Opera Terzo Paradiso, Drum Circle con 50 percussioni, pranzo comunitario pr ...
Leggi tutto

Ambiente  |  LETTO 2082  
Viabilità, supercarcere, ecodistretto
La giunta comunale, guidata da Pino Capalbo, ed il consiglio comunale, ovvero gli organi istituzionali più importanti....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2490  
Mobilità per polizia municipale e ufficio tecnico. Pubblicata la graduatoria provvisoria.
Il responsabile del settore risorse umane, Giovanni Cofone, ha provveduto a stilare la graduatoria provvisoria riguardante....
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2398  
Morrone: San Giacomo è una priorità
Il mio impulso per gli interventi sulla viabilità della Frazione San Giacomo sta portando gli opportuni frutti e ne sono davvero lieto: nonostante le difficoltà perduranti della situazione finanziar ...
Leggi tutto