NEWS Letto 1992  |    Stampa articolo

Morte fusaro. La procura chiede il rinvio a giudizio di Ezio Micalizzi

Foto © Acri In Rete
Redazione
La Procura della Repubblica di Novara chiede la parziale archiviazione del procedimento penale nei confronti dell'equipe cardiochirurgia, limitandola ai soli Daniele Pierelli e Barbara Giamundo (cardio-anestesisti), Mario Commodo e Marco Lanfranchi (secondo e terzo operatore), Mauro Rinaldi (Proctor).
La Procura si appresta a chiedere il rinvio a giudizio di Ezio Micalizzi, primo operatore, affermando che "ritiene questo Ufficio che all'esito delle indagini preliminari sia possibile individuare una serie di errori certamente rilevanti, attribuibili al primo operatore e capo equipe dott. Micalizzi, in termini se non esclusivi sicuramente assorbenti rispetto a quelli commessi dai rimanenti componenti dell'equipe impegnata.
Gli errori commessi dal dott. Micalizzi, paiono, in questa fase, sussistere ed assumere rilevanza causale penalmente rilevante rispetto all'evento letale, quanto meno in termini meritevoli, di un approfondimento dibattimentale
.”
“Il Pubblico Ministero, afferma il legale dei familiari di Antonio Fusaro, Mario Murano, ha compiuto un'analisi approfondita della vicenda ed ha ricostruito i numerosi errori che hanno portato alla morte del paziente anche se ritiene che le condotte colpose del dott. Micalizzi sono di gravità tale da assorbire anche gli errori commessi dagli altri componenti del team operatorio.
Valuteremo se proporre opposizione alla richiesta di archiviazione nei confronti di alcuni indagati ed in particolare del prof. Mauro Rinaldi, direttore della cardiochirurgia delle Molinette, alla luce degli stessi rilievi che muove il Pm. In ogni caso siamo soddisfatti per l'epilogo che, finalmente, ha intrapreso la vicenda con la imminente formulazione dell'imputazione di omicidio colposo nei confronti del primo operatore, Ezio Micalizzi.
Al predetto si contesta di avere intrapreso una nuova tecnica operatoria, quella della chirurgia mininvasiva, in ordine alla quale aveva appena incominciato la curva di apprendimento, di avere prolungato i tempi di esecuzione dell'intervento oltre i limiti consentiti per la sopravvivenza del muscolo cardiaco e di avere mantenuto una temperatura corporea elevata sin dall'inizio dell'intervento con conseguente aumento del fabbisogno di ossigeno durante il tempo di ischemia.   
Finalmente l'inchiesta giudiziaria, continua Murano, ha escluso che la morte di Antonio possa essere derivata da mera causalità, da noi esclusa sin dal primo momento alla luce delle preesistenti condizioni di salute del paziente.
Resta l'amarezza per questa tragedia che poteva essere evitata se il povero Antonio non fosse stato dirottato verso un centro di chirurgia cardiaca capace di compiere grossolani errori di approccio ed esecuzione chirurgica, nonché di violazione di regole basilari di protezione miocardica.
Questa immane tragedia, in cui ha perso la vita un giovane benvoluto da tutta la comunità
, aggiunge Murano, valga come raccomandazione a chiunque si appresti ad intraprendere un simile viaggio della speranza in lontane strutture sanitarie ad informarsi bene dove si va e sull'idoneità dei chirurghi  che dovranno procedere ad un intervento cardiochirurgico e, quindi, a non fidarsi di possibili procacciatori di pazienti, magari per consentire di accreditare nuove tecniche operatorie.
Impegneremo tutte le forze al fine di rendere giustizia alla povera vittima ed ai suoi familiari
, conclude Murano, che soffrono silenziosamente tutto il loro dolore, specie ora alla luce dell'emersione dei gravi errori commessi in quella sala operatoria di Novara.”
Dopo venti giorni dall’intervento, Antonio Fusaro decedette ma la sorella, Annunziata, decise di intraprendere le vie giudiziarie per fare chiarezza.
Fusaro, 43 anni, era affetto da una malformazione alla valvola mitralica.
Dopo l’intervento, non essendosi risvegliato, fu trasportato in coma farmacologico all’ospedale Molinette di Torino dove, purtroppo, morì.

PUBBLICATO 29/11/2018





Ultime Notizie

RECENSIONE  |  LETTO 96  
Giuseppe Scaramuzzo presenta il suo nuovo libro, "Gli emigrati acresi nelle Americhe e nella Grande Guerra"
Il libro ricostruisce la storia dell’emigrazione acrese nelle Americhe tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento ed, in particolare, quella dei circa 1.300 giovani chiamati alle armi per ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 74  
Comune. Cavallotti, massima fiducia a Fusaro che non è incompatibile
“Contro Mario Fusaro, presidente del consiglio comunale, è in atto un vero e proprio accanimento ingiustificato portato avanti addirittura da alti esponenti politici.”
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1277  
La verità, solo la verità
Apprendo dalla stampa (essendo fuori per impegni istituzionali) che gli attivisti a cinque stelle ha posto delle questioni sul sottoscritto e sulle mie attività, a loro dire, improprie.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 974  
Ad Acri, tuttappostu!
Questo verrebbe da dire sentendo alcune dichiarazioni esternate nell’ultimo consiglio comunale da parte di consiglieri di maggioranza. Un consiglio comunale in cui ci si poteva aspettare un passo i ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3581  
Acri cambiabuca
Che il Comune di Acri sia un ente in stato di dissesto finanziario è cosa ormai nota a tutti i concittadini. Che il dissesto sia una situazione che durerà ancora qualche altro anno è un dato certo e ...
Leggi tutto