OPINIONE Letto 1082  |    Stampa articolo

Lsu-Lpu, il loro ruolo importante anche nelle scuole

Foto © Acri In Rete
Veronica Capitano
Sono un’insegnante di sostegno in servizio presso il Liceo Classico “V. Julia” di Acri. In questi giorni in cui stiamo assistendo alla vibrata protesta dei lavoratori precari Lsu-Lpu calabresi, da anni in attesa della agognata stabilizzazione, mi voglio soffermare sul ruolo e sull’apporto prezioso di alcuni di questi utilizzati all’interno delle istituzioni scolastiche.
Mi riferisco, in particolare, ai cosiddetti “assistenti alla persona”, rientranti nella categoria degli Lsu e impegnati in tutte quelle attività di “assistenza”, appunto, agli alunni diversamente abili non autosufficienti.
Un compito delicato e complesso che, nonostante la ormai annosa condizione di precarietà, questi lavoratori portano avanti quotidianamente con grande professionalità e spirito di abnegazione.
Credo di parlare a nome di tutti i docenti di sostegno e di tutto il personale scolastico, poiché gli alunni diversamente abili sono risorsa e parte integrante di tutta la scuola, quando affermo che è proprio grazie al contributo straordinario degli assistenti alla persona che si riescono a garantire le attività didattiche e formative in maniera paritaria a tutti gli alunni.
È grazie agli assistenti alla persona che gli studenti diversamente abili non autosufficienti possono sentirsi parte integrante della classe e della scuola, consentendo in tal modo al personale docente, e non solo, di proseguire quel percorso di istruzione, educazione e formazione globale che segna la crescita di ogni singolo alunno.
Siamo ormai abituati, e il rischio è quello di rassegnarci, a queste sacche storiche di precariato un po’ in tutti in settori della nostra società.
Forse ci soffermiamo poco a riflettere sul ruolo e sulle funzioni reali di questi lavoratori, sul loro contributo fondamentale nell’ambito dell’erogazione di servizi spesso essenziali.
Pensiamo un po’ a cosa accadrebbe se queste figure venissero a mancare all’interno dei vari enti utilizzatori, pensiamo a cosa significherebbe perdere queste garanzie anche in termini di diritti, auspico che questa vicenda si concluda al più presto in modo positivo con il pieno riconoscimento dei diritti acquisiti di questi lavoratori, (circa 25 anni di precariato forzato), attraverso la loro stabilizzazione e che si interrompa definitivamente questo stato di ostaggio nel quale una becera politica li ha costretti finora.

PUBBLICATO 06/12/2018





Ultime Notizie

RECENSIONE  |  LETTO 54  
Giuseppe Scaramuzzo presenta il suo nuovo libro, "Gli emigrati acresi nelle Americhe e nella Grande Guerra"
Il libro ricostruisce la storia dell’emigrazione acrese nelle Americhe tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento ed, in particolare, quella dei circa 1.300 giovani chiamati alle armi per ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 38  
Comune. Cavallotti, massima fiducia a Fusaro che non è incompatibile
“Contro Mario Fusaro, presidente del consiglio comunale, è in atto un vero e proprio accanimento ingiustificato portato avanti addirittura da alti esponenti politici.”
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1256  
La verità, solo la verità
Apprendo dalla stampa (essendo fuori per impegni istituzionali) che gli attivisti a cinque stelle ha posto delle questioni sul sottoscritto e sulle mie attività, a loro dire, improprie.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 967  
Ad Acri, tuttappostu!
Questo verrebbe da dire sentendo alcune dichiarazioni esternate nell’ultimo consiglio comunale da parte di consiglieri di maggioranza. Un consiglio comunale in cui ci si poteva aspettare un passo i ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3577  
Acri cambiabuca
Che il Comune di Acri sia un ente in stato di dissesto finanziario è cosa ormai nota a tutti i concittadini. Che il dissesto sia una situazione che durerà ancora qualche altro anno è un dato certo e ...
Leggi tutto