OPINIONE Letto 1450  |    Stampa articolo

Maltempo. Ecco quando scatta l'Allerta e le azioni da intraprendere

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Da un po’ di tempo, abbiamo a che fare con le cosiddette “Allerta meteo”.
E’ il caso di fare un po' di chiarezza spiegando cosa è il "Sistema di allertamento regionale", cosa sono le "zone di Allerta" (Cala1, Cala2, ecc.), cosa vuol dire "scenari di rischio", cosa sono i “Livelli di Allerta” e quanti sono i "Messaggi di allerta" (M1, M2, M3).
Per Sistema di Allertamento regionale, si intende l’insieme delle strutture organizzate, dei beni strumentali, delle disposizioni normative, dei piani, dei programmi e delle procedure che, in modo armonico e organizzato, possono concorrere a ridurre i danni per le persone ed i beni in caso di eventi meteorologici o idrogeologici particolarmente intensi.
Ai fini delle attività di previsione e prevenzione, la Calabria è suddivisa in ambiti territoriali significativamente omogenei, per tipologia e severità degli eventi attesi, meteorologici e idrologici intensi, e dei relativi effetti.
Sono otto le “Zone di Allerta” denominate rispettivamente: Cala 1, versante tirrenico settentrionale; Cala 2, versante tirrenico centrale; Cala 3, versante tirrenico centro meridionale; Cala 4, versante tirrenico meridionale; Cala 5, versante jonico settentrionale, comprende anche il territorio di Acri; Cala 6, versante jonico centrale, Cala 7, Ionio centrale meridionale, Cala 8, Ionio meridionale.
Gli Scenari di Rischio prefigurano i fenomeni che possono verificarsi per effetto degli eventi meteorologici previsti o in corso, ovvero, ondate di calore; nevicate, pioggia intensa; gelate; venti forti; mareggiate; temporali; esondazioni; alluvioni; frane.
I “Livelli di Allerta” sono di 4 tipi; Verde, assenza di fenomeni, Gialla, ordinaria, fenomeni lievi, Arancione, moderata, fenomeni diffusi, possibilità di frane, mareggiate, alluvioni, esondazioni, Rossa, alta, fenomeni intensi e diffusi, pericolo per la pubblica incolumità.
Messaggi di Allerta”, sono tre. M1, fenomeni lievi, M2, fenomeni moderati, M3, fenomeni intensi e diffusi (è il tipo di Messaggio inviato dalla Prociv regionale al Comune di Acri, lunedì scorso, 4 febbraio, alle 18,26).
L’attivazione e la disattivazione delle diverse fasi previste dal Piano comunale di emergenza sono disposte dal Sindaco o dal Responsabile Comunale di Protezione Civile.
Naturalmente, le azioni da intraprendere dipendono dal sito.
Nelle zone indicate dal Pai, come il territorio di Acri, a rischio frana ed esondazioni, nel caso di Allerta arancione e Messaggio 3, è consigliabile intraprendere misure cauzionali, peraltro previste dalle norme in materia di Prociv.

PUBBLICATO 05/02/2019





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1205  
Morte Toscano. Condannato il Comune. Risarcimenti per due milioni
La vicenda risale al 2004, quando Luigi Toscano, trentenne, muore a seguito di un incidente sul lavoro al di fuori dello stadio comunale di via Seggio, oggetto di lavori appaltati dal Comune....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 5148  
Robur vicit?
Chi, nella propria araldica, ha il riferimento al termine ‘forza’ prova ad attribuirsi la legittimità della supponenza. Ci sarà riuscito? La previsione - fatta mesi addietro - che ad Ac ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 725  
Politica. Quegli screzi tra maggioranza e opposizione che non interessano a nessuno.
Scriviamolo subito. A noi, intesi come singoli esponenti di una comunità, non interessa nulla di cosa si occupano, fuori da palazzo Gencarelli, i diciassette consiglieri comunali....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1671  
Soddisfazioni
Sono giornate queste di grande fermento nella politica locale. Cambiano gli assetti nella maggioranza che guida il Comune. Nella stessa infatti si registrano movimenti sia in uscita che in entrata. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1537  
Consapevolezza del proprio ruolo e funzioni
Il consigliere Emilio Turano convinto che per sentirsi coscientemente apposto con i propri elettori piuttosto che con l’intera Città di Acri; che per risolvere problemi che vengono da lontano, che s ...
Leggi tutto