NEWS Letto 1494  |    Stampa articolo

I fatti della settimana. Il vero voto delle Primarie del Pd, lo scandalo della Sibari-Sila, l’ultima occasione per l’Acri

Foto © Acri In Rete
Redazione
Le notizie scelte dalla redazione riguardano la politica e i lavori pubblici. Giusto una settimana fa, oltre mille persone (affluenza tra le più alte della regione) hanno partecipato alle Primarie del Partito Democratico per la scelta del segretario nazionale.
L’ha spuntata Martina con 700 voti (solo a Diamante ha fatto meglio) mentre Zingaretti ha ottenuto 394 preferenze. Successo, quindi, indiscutibile per il sindaco Capalbo, per una parte della maggioranza e dell’esecutivo, sostenitori dell’ex segretario reggente. Proprio così, una parte, perché un’altra ha votato Zingaretti così come anche una parte del partito stesso.
Ma attenzione, nulla di strano, solo posizioni diverse all’interno della maggioranza, della giunta e del partito, delle quali tutti erano al corrente. Nessuno strappo, nessun doppio gioco o tradimento tanto che domenica sera tutti hanno rivolto gli auguri al sindaco Capalbo per l’elezione all’interno dell’Assemblea nazionale del partito (unico nel collegio Cosenza e provincia).
Insomma, dei circa 400 voti dati a Zingaretti tanti, non sappiamo quanti, provengono dalla stessa maggioranza, altri da chi voleva fare uno sgambetto al sindaco Capalbo. Lavori pubblici e opere incompiute.
Sulla Sibari-Sila, Acri in Rete ha scritto tanto.
Ha anche stimolato l’intervento degli amministratori di quel periodo (2008), ovvero sindaci, assessori, parlamentari, consiglieri regionali ma nessuno ha ritenuto opportuno intervenire. Sarebbe interessante anche conoscere il pensiero degli organi competenti, ovvero Provincia e Regione.
La comunità vuole sapere come stanno realmente i fatti, come sono stati spesi 48 milioni (24 per chilometro!!) di soldi pubblici, cioè di tutti noi, come mai i lavori sono fermi e quando riprenderanno, se è vero che ci sono problemi ambientali, se è vero che vi sono stati errori progettuali ed infine se è vero che ci sono inchieste della magistratura ed a che punto sono.
Pare che la Provincia abbia chiesto alla Regione di aggiudicare i lavori alla ditta seconda classificata. E pare che ci siano anche i soldi per completare questo primo lotto. Vedremo.
Ad oggi, la Sibari-Sila è solo un ammasso di cemento inutilizzabile, un simbolo dell’incapacità calabrese.
E’ nato Hortus Acri, laboratorio di idee e confronto, promosso da cittadini, docenti e liberi professionisti al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo le tematiche ambientali.
Oggi, contro il Siderno, ultima occasione per l’Acri per lasciare l’ultimo posto in classifica e sperare nei play out.

PUBBLICATO 10/03/2019





Ultime Notizie

Comunicato stampa  |  LETTO 296  
“Il sole in classe” all’Ic Beato Greco
L’Istituto comprensivo “Beato F.M. Greco” ha partecipato a “Il Sole in Classe” di Anter....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 266  
Dimensionamento scolastico: scelta giusta per il sindacato scuola
Dopo circa tre mesi di discussione e confronto, che a volte ha assunto toni accesi, con diverse proposte avanzate da più parti, sembrerebbe che la vicenda relativa al piano di dimensionamento delle ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 490  
I Ragazzi dello Julia abbandonati dall'Amministrazione Comunale
Sono mesi che ad Acri si discute sul dimensionamento: proposte, proteste, progetti lasciati nel nulla, finiti in fumo, in una bolla di sapone. Proprio così, perché dopo tanto parlare e discutere (e ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 493  
Evitiamo il dimensionamento tra le scuole superiori Julia e Falcone
Non comprendo perché l'amministrazione comunale di Acri non abbia deliberato PER ACCORPARE le scuole superiori "Vincenzo Julia" e "Falcone" al fine di evitare un ulteriore dimensionamento. Attualmen ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 627  
Ma quali risposte?
Per quanto triste, questa è oramai una realtà! Non è quindi una novità che qualcuno, commentando sui social, ancora oggi scriva stupidaggini e tenti (inutilmente) di far credere che avendo detto NO ...
Leggi tutto