OPINIONE Letto 2419  |    Stampa articolo

Sviluppo, servizi, razionalizzazione. E se nascesse il Comune Acri-Bisignano-Luzzi?

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
L’iter non è affatto semplice perché coinvolge enti, istituzioni e cittadini ma non sarebbe male pensare ad un eventuale Comune unico.
Considerando tradizioni, posizione geografica, collegamenti viari, interscambi culturali, il pensiero, naturalmente, va al Comune unico Acri-Bisignano-Luzzi.
Negli anni passati è toccato a Corigliano-Rossano ed ai piccoli comuni di Trenta, Casole Bruzio, Pedace, Serra Pedace e Spezzano Piccolo, diventati Casali del Manco mentre la discussione su Cosenza-Rende-Montalto è ancora ferma alle posizioni iniziali e l’iter per fondere San Marco Argentano e Cervicati è in fase avanzata.
Sarebbe interessante se si iniziasse a discutere su Acri-Bisignano-Luzzi, un Comune di circa 40mila abitanti.
L’ambizioso progetto di semplificazione istituzionale porterebbe ad un miglioramento dei livelli di efficienza e di efficacia della complessiva azione amministrativa (in prospettiva di numerosi pensionamenti all’interno dei Comuni), ad una riduzione della spesa pubblica, ad una significativa valorizzazione politica, amministrativa ed economica di un territorio che coinvolgerebbe montagne, colline e pianure.
Il Comune unico di 40mila abitanti significherebbe anche più potere contrattuale e miglioramento dei servizi ai cittadini, grazie anche alle incentivazioni economiche e finanziarie previste dalla normativa statale e regionale vigente. Da qui si possono immaginare il potenziamento della rete viaria ma soprattutto il rilancio della stazione ferroviaria.
È certo che i tempi che viviamo richiedono modifiche profonde del quadro istituzionale-amministrativo che, in molti casi, appare ormai inadatto a soddisfare le mutate esigenze dei territori, sia in termini di servizi che di rappresentatività.
Resta il dubbio che a un rinnovato ed efficiente quadro economico-amministrativo indotto dalla fusione vada ad affiancarsi un impoverimento identitario e uno smarrimento culturale delle singole realtà.
Insomma, la fusione porterebbe vantaggi ma anche svantaggi.
Solo una discussione ampia e profonda potrà farci capire meglio a cosa si va incontro.
Naturalmente, la prima parola spetta ai cittadini, attraverso un referendum popolare e consultivo, quindi ai vari consigli comunali ed infine alla regione.
Un iter lungo e complicato ma se si vogliono risolvere alcune questioni il Comune unico sembra l’unica via percorribile.
Da queste pagine abbiamo voluto lanciare non una proposta ma una provocazione, vedremo se e come sarà accolta.

PUBBLICATO 22/03/2019





Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 1750  
Focus. Video intervista al sindaco Capalbo
Lo scorso 3 gennaio abbiamo trasmesso in diretta sulla nostra pagina Facebook la puntata speciale di Focus con ospite il sindaco Capalbo. In oltre un'ora il primo cittadino ha risposto alle nostre d ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2662  
Nominati i presidenti di seggio
Sono stati nominati dalla Corte d'Appello di Catanzaro, in riferimento alle elezioni regionali, i Presidenti di Seggio per la tornata elettorale. Si voterà nella sola giornata di domenica 26 Gennai ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 636  
Poeti in erba: quando la poesia diventa denuncia
Maggio 2013, a una manciata di chilometri da Acri, una giornata come tante , una ragazza come tante: Fabiana Luzzi uccisa dal suo fidanzatino che, dopo averla colpita con venti coltellate, le ha dat ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1497  
Alla ricerca del 'consenso perduto'
I lavori della commissione elettorale, convocata per le ore 9,00 di stamane e tenutasi invece, in violazione del regolamento consiliare ed in spregio alle più elementari regole di educazione istituz ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 564  
Calcio. Luca Petrone non è più dg del Cosenza Calcio
Il Cosenza Calcio comunica che, dopo la scadenza del 31 dicembre scorso, non è stato rinnovato il contratto a Luca Petrone, acrese, da qualche mese dg della società bruzia. Il rapporto di lavoro, qu ...
Leggi tutto