NEWS Letto 2080  |    Stampa articolo

Qualità aria, temperatura, piogge. Ecco il rapporto triennale dell'Arpacal

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il dipartimento provinciale di Cosenza dell’Arpacal ha reso noto il Rapporto, una cinquantina di pagine, sulla qualità dell’aria per il periodo che interessa il triennio 2015-2018.
Il report, realizzato dal Servizio tematico Aria, diretto dalla dr.ssa Claudia Tuoto, analizza tutti i dati acquisiti dalla centralina posta nel comune silano.
In base alla zonizzazione regionale, infatti, il comune di Acri ricade nella Zona C, dove è prevista l’installazione di una centralina di fondo urbano ovvero una stazione ubicata in posizione tale che il livello di inquinamento monitorato sia influenzato dal contributo integrato di tutte le fonti di emissione poste sopravento alla stazione stessa, rispetto alle direzioni predominanti dei venti nel sito, senza la prevalenza di una specifica fonte di emissione (industrie, traffico, riscaldamento residenziale, ecc.).
Dal 2015, nel comune di Acri, è stata quindi installata una stazione per il monitoraggio della qualità dell’aria ubicata in via Beato Angelo (Belvedere).
Il report, approfondendo su tutti gli inquinanti misurati sulla base dei limiti imposti dalla normativa di settore, conclude con un dettaglio sui risultati ottenuti.
Considerati i dati rilevati degli anni 2015, 2016, 2017 e 2018 – è scritto nel Report - l’analisi degli indicatori di monitoraggio della qualità della aria ottenuti evidenzia una situazione complessivamente positiva infatti: PM10: il limite di 40 μg/m3 come media annuale e il limite di 35 giorni di superamento del valore medio giornaliero di 50 μg/m3 è stato rispettato; PM2,5: il limite normativo di 25 μg/m3 come media annuale non è stato superato; NO2: il valore limite di 40 μg/m3 come media annuale e il limite di 18 superamenti della media oraria di 200 μg/m3 è stato rispettato; Ozono: è stato rispettato il limite della soglia di informazione e il valore obiettivo per la protezione della popolazione; CO, SO2 e benzene.
Il monitoraggio ha confermato il pieno rispetto dei valori limite; Benzo(a)pirene: il valore obiettivo di 1,0 ng/m3 come media annuale è stato rispettato; Metalli pesanti: il monitoraggio ha confermato il pieno rispetto dei valori limite per il piombo e dei valori obiettivo per arsenico, nichel e cadmio
”.
Infine, alcune curiosità importanti; la temperatura media nel 2015 è stata di 13,2 gradi Celsius, nel 2016 13,2, nel 2017 13,3, nel 2108 14,8, quindi nello scorso anno è aumentata di circa 1 grado.
Venti; i dominanti sono quelli che provengono da ESE e SE, quindi Grecale-Levante-Scirocco.
Pioggia; nel 2015 sono caduti 1030 mm, nel 2016, 796 mm, nel 2017, 476mm, nel 2018, 962 mm.
Nel 2018 il mese più piovoso è stato febbraio con 188 mm, poi novembre, quello meno piovoso luglio a seguire aprile.

PUBBLICATO 23/04/2019





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 101  
I cocktail molecolari all’istituto alberghiero
L’Istituto alberghiero ha ospitato, nell’ambito di una serie di stage formativi, il barman Leonardo Beraldi....
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 231  
Il punto sulla Promozione. L’Acri nei play off
Settima giornata di ritorno. Nessuna vittoria esterna, in cima cambia poco con Belvedere e Rossano che vincono, in coda Cutro e San Marco in difficoltà. I play out sarebbero Caccuri/Cutro e Promos ...
Leggi tutto

EDITORIALE  |  LETTO 896  
I fatti della settimana. Mascherine, codardia, coraggio
Iacchitè (termine utilizzato nella città di Cosenza per esprimere stupore) che settimana che è stata! Politica. La prima pagina spetta alla politica ed in particolare alla maggioranza che governa la ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2106  
Gioielleria svaligiata. Emergono altri particolari. Ecco chi sono i colpevoli
Due uomini e una donna sono stati fermati dai carabinieri a Pelago, in provincia di Firenze, con l’accusa di essere gli autori della rapina avvenuta giovedì scorso ai danni della gioielleria Garofal ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2556  
Una città allo sbando, chiamata a pagare colpe non sue
Più volte negli ultimi tempi siamo stati costretti a impugnare la penna per denunciare lo stato di progressivo degrado in cui è stata ridotta Acri. Mai avremmo pensato, anche nel peggiore dei nostri ...
Leggi tutto