NEWS Letto 1770  |    Stampa articolo

Qualità aria, temperatura, piogge. Ecco il rapporto triennale dell'Arpacal

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il dipartimento provinciale di Cosenza dell’Arpacal ha reso noto il Rapporto, una cinquantina di pagine, sulla qualità dell’aria per il periodo che interessa il triennio 2015-2018.
Il report, realizzato dal Servizio tematico Aria, diretto dalla dr.ssa Claudia Tuoto, analizza tutti i dati acquisiti dalla centralina posta nel comune silano.
In base alla zonizzazione regionale, infatti, il comune di Acri ricade nella Zona C, dove è prevista l’installazione di una centralina di fondo urbano ovvero una stazione ubicata in posizione tale che il livello di inquinamento monitorato sia influenzato dal contributo integrato di tutte le fonti di emissione poste sopravento alla stazione stessa, rispetto alle direzioni predominanti dei venti nel sito, senza la prevalenza di una specifica fonte di emissione (industrie, traffico, riscaldamento residenziale, ecc.).
Dal 2015, nel comune di Acri, è stata quindi installata una stazione per il monitoraggio della qualità dell’aria ubicata in via Beato Angelo (Belvedere).
Il report, approfondendo su tutti gli inquinanti misurati sulla base dei limiti imposti dalla normativa di settore, conclude con un dettaglio sui risultati ottenuti.
Considerati i dati rilevati degli anni 2015, 2016, 2017 e 2018 – è scritto nel Report - l’analisi degli indicatori di monitoraggio della qualità della aria ottenuti evidenzia una situazione complessivamente positiva infatti: PM10: il limite di 40 μg/m3 come media annuale e il limite di 35 giorni di superamento del valore medio giornaliero di 50 μg/m3 è stato rispettato; PM2,5: il limite normativo di 25 μg/m3 come media annuale non è stato superato; NO2: il valore limite di 40 μg/m3 come media annuale e il limite di 18 superamenti della media oraria di 200 μg/m3 è stato rispettato; Ozono: è stato rispettato il limite della soglia di informazione e il valore obiettivo per la protezione della popolazione; CO, SO2 e benzene.
Il monitoraggio ha confermato il pieno rispetto dei valori limite; Benzo(a)pirene: il valore obiettivo di 1,0 ng/m3 come media annuale è stato rispettato; Metalli pesanti: il monitoraggio ha confermato il pieno rispetto dei valori limite per il piombo e dei valori obiettivo per arsenico, nichel e cadmio
”.
Infine, alcune curiosità importanti; la temperatura media nel 2015 è stata di 13,2 gradi Celsius, nel 2016 13,2, nel 2017 13,3, nel 2108 14,8, quindi nello scorso anno è aumentata di circa 1 grado.
Venti; i dominanti sono quelli che provengono da ESE e SE, quindi Grecale-Levante-Scirocco.
Pioggia; nel 2015 sono caduti 1030 mm, nel 2016, 796 mm, nel 2017, 476mm, nel 2018, 962 mm.
Nel 2018 il mese più piovoso è stato febbraio con 188 mm, poi novembre, quello meno piovoso luglio a seguire aprile.

PUBBLICATO 23/04/2019





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1343  
Sosta selvaggia. Ignoranza e noncuranza
Sosta selvaggia tra noncuranza e ignoranza. Viviamo in una città civile? Siamo disciplinati? Rispettiamo le regole? A quanto pare no. Siamo così indisciplinati da indurre la comandante della Polizia ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1136  
Ospedale. Ecco cosa manca
Personale, personale, personale. La richiesta è unanime. Da amministratori e addetti ai lavori....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1166  
Il Falcone d'Acri la mia scuola
Sulla vicenda, che si protrae già da più di un mese ad Acri, che riguarda il ridimensionamento degli Istituti cittadini ed in particolar modo dell’ITCGT - Liceo “G. B. Falcone”, vorrei, senza alcuna ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2320  
Dora Capalbo vince in Sardegna
Gli acresi continuano a farsi apprezzare in tutti i settori. Sta diventando, oramai, una felice scoperta quotidiana. Oggi tocca alla poesia ed a Dora Dora Capalbo che ha vinto in Sardegna il "Premi ...
Leggi tutto

EDITORIALE  |  LETTO 2582  
Dimensionamento scolastico. Trovata una soluzione?
Il piano di dimensionamento scolastico, che tanto sta facendo discutere, grazie soprattutto ad Acri in Rete, la testata giornalistica che per prima ha affrontato la questione, potrebbe trovare un so ...
Leggi tutto