COMUNICATO STAMPA Letto 1914  |    Stampa articolo

Facciamo chiarezza

Foto © Acri In Rete
Meetup Acri in Movimento
Restiamo alquanto basiti, per un articolo pubblicato sul quotidiano online, Acrinrete, con firma Redazione, nel quale si narra di un proprietario di un locale e di un meccanico del nostro comune, che, per colpa del Reddito di Cittadinaza, non riescono a trovare ragazzi disponibili a lavorare.
Veri o presunti che siano questi due datori di lavoro, citati nell’articolo,  appare un po’ strano che sia stato pubblicato quasi contemporaneamente ad altri apparsi su altri quodidiani nazionali, a seguito di un appello di un Sindaco PD di una nota località marittima, Gabicce mare, il quale lamenta di non avere più la disponibilità della manovalanza dei giovani del Sud, impiegati nel periodo estivo nelle più svariate mansioni nel settore alberghiero, dando ovviamente la colpa al Reddito di cittadinaza.
Noti esponenti di sinistra hanno subito approfittato per denigrare il provvedimento voluto dal M5S e per ribadire che i ragazzi preferiscono stare a casa e percepire comodamente seduti sul divano il Reddito di Cittadinanza. Questo è quello che si definisce il popolo di sinistra.
Se esistono colpe, queste sono da attribuire a chi ha introdotto il precariato,  trasformando  il lavoro in contratti a tempo determinato, con retribuzioni vergognose. Un vero e proprio sfruttamento, con la chiara intenzione di avere a disposizione una massa di popolo  schiavizzato, ricattabile nelle varie tornate elettorali.
Non parliamo solo dei precari legati ai lavori stagionali, ma esistono precari ovunque, precari oramai ventennali, nella scuola, nelle pubbliche amministrazioni e in tanti altri settori.
Conoscendo bene questa situazione di ormai consolidato e voluto sfruttamento, visto che ad Acri non ci siamo fatti mancare neanche i precari, troviamo incredibile che un provvedimento, come il Reddito di Cittadinanza, voluto per aiutare persone in netta difficoltà e per immetterli nel mondo del lavoro, atto a combattere il precariato, lo sfruttamento, venga scambiato e annotato come la causa della mancanza di  personale, quindi “un’emergenza da combattere”, solo perché i soliti furbetti per lievitare i propri guadagni approfittano delle persone che hanno necessità di lavorare, offrendo loro miseri guadagni.
Si sta cercando di far circolare nell’opinione pubblica queste informazioni ingannevoli e distorte per mettere in difficoltà e denigrare il M5S.

PUBBLICATO 11/06/2019





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2  
Giovedì la Giornata dei doveri
Giovedì, alle ore 17:30, nei locali del Caffè Letterario, nel Palazzo Sanseverino-Falcone, si terrà, in concomitanza con la ricorrenza della nascita di Giorgio Ambrosoli, la terza edizione della “Gi ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 553  
L’aquila ed il pappagallo. Una favola o una metafora dei nostri tempi?
Faccio mia e propongo questa favola di Bonaventura Ferri. In una terra vi era un’aquila che sapeva volare in alto, molto in alto, era capace di librarsi in volo così in alto da vedere cose, agli alt ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2264  
Le scuole di Acri non si toccano. Suggerimento ai due sindaci Acresi!
Ci sembra francamente sconcertante ed inverosimile la richiesta del Sindaco di Bisignano Lo Giudice fatta nei giorni scorsi al Dirigente Scolastico dell’ITIS di Bisignano, con la quale si chiede un ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 604  
Il punto sulla Promozione. L'Acri vince in trasferta. Risultati e classifica
Vincono tutte quante la formazioni di vertice. Ancora in testa la coppia Belvedere-Praia. Cutro/Acri 1-2, vittoria facile per l’Acri di Germano sul campo del Cutro,
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 617  
I fatti della settimana. Sanità scuola, lavori pubblici. Più fatti meno parole
Più fatti e meno parole è lo slogan che abbiamo scelto per questa settimana. Sanità. Apprezziamo l’impegno dell’amministrazione comunale a favore del locale ospedale.
Leggi tutto