NEWS Letto 1148  |    Stampa articolo

Ecodistretto. Non si farà neanche nel Comune di Morano

Foto © Acri In Rete
Redazione
Chi ci segue con assiduità sa benissimo che Acri in rete sta seguendo, sin dall’inizio, la questione inerente la realizzazione dell’Ecodistretto.
Abbiamo raccolto diverse testimonianze ed abbiamo dato la parola a tutti. Pro e contro. Seguiremo la vicenda fino alla fine perchè, a quanto pare, la fine non è ancora arrivata.
Lo scorso 16 settembre scrivemmo della scelta del Comune di Morano per la realizzazione dell’impianto ma oggi apprendiamo un’importante notizia.
L’Amministrazione comunale di Morano ha revocato la delibera di Giunta n° 100 del 14 settembre scorso, con la quale manifestava il proprio interesse a localizzare e pertanto candidare il territorio di Morano, nella fattispecie l’area PIP – zona industriale di c.da Cornale, per la realizzazione dell’ecodistretto.
Sono stati giorni di grande passione e intensità – dichiarano gli amministratori moranesi, avevamo preso questa decisione alla luce delle conoscenze e delle assicurazioni di cui disponiamo.
Ci rendiamo conto, e non abbiamo alcun problema ad ammetterlo, di aver sottovalutato l’aspetto informativo, e di non aver coinvolto preventivamente la cittadinanza.
Siamo sinceramente rammaricati per il fatto che l’iniziativa abbia causato tensioni nella cittadinanza. Abbiamo commesso un errore di valutazione, pensavamo che la nostra comunità fosse pronta per accogliere un tipo di sviluppo economico che noi riteniamo possibile ma evidentemente così non è.
Sentiamo la necessità di ringraziare pubblicamente tutte le associazioni, le istituzioni, i partiti politici, i cittadini che in questi giorni hanno voluto aprire, palesemente o discrezionalmente, un dialogo costruttivo, leale e produttivo con noi, nell’esclusivo interesse generale.
Così come vogliamo esprimere gratitudine verso gli amministratori dei paesi della provincia di Cosenza afferenti all’ATO 1 per il grande senso di responsabilità e la solidarietà mostrata nei nostri confronti a seguito dei pesanti attacchi ricevuti.
Confermiamo la nostra condanna verso quanti, strumentalizzando la vicenda, l’hanno trasformata in una questione puramente politica, intentendo invadere il campo decisionale di un esecutivo democraticamente eletto, quanti sono scaduti nella diffamazione, nell’offesa e nella denigrazione personale
.”
Ritorniamo, quindi, al punto di partenza. Dove sarà realizzato?
Nel frattempo la questione rifiuti sta peggiorando di giorno in giorno, le discariche sono colme e da ottobre la regione ha deciso di chiuderle a quei comuni morosi.

PUBBLICATO 26/09/2019





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 26  
Report raccolta differenziata 2018. Acri al 65,4%
In provincia di Cosenza il quantitativo totale di rifiuti differenziati ha superato...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 95  
Movimento 24 agosto di Pino Aprile. Pronti ad aderire anche molti acresi
Il Movimento 24 Agosto equità territoriale, presentato a Cosenza lo scorso ottobre, pare stia attirando l’attenzione di molti acresi tra cui anche quella di qualche consigliere comunale.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 152  
Lavoratori Lsu e dimostrazione di buona politica
Il lavoro quotidiano e costante ha consentito di ottenere un grande risultato arrivato dopo 20 anni di precariato e promesse vane. L’Amministrazione comunale. a guida Partito Democratico ha dato, p ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 254  
Focus. Il presidente della Fondazione Padula illustra la dodicesima edizione del Premio
Cinque giorni di dibattito, riflessioni, mostre, proiezioni, interviste, da martedì 19 a sabato 23 presso il palazzo Falcone va in scena la dodicesima edizione del Premio Padula.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 334  
Museo del Risorgimento. A che punto è?
Giusto tre anni fa, ottobre 2016, l’Amministrazione Comunale di allora, guidata da...
Leggi tutto