NEWS Letto 2018  |    Stampa articolo

Nuova scuola San Martino. Approvato il progetto esecutivo, ora la gara

Foto © Acri In Rete
Redazione
L’ultimo step, quello più importante, è stato superato.
L’Ufficio Tecnico regionale di Cosenza (ex Genio Civile), ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del nuovo plesso scolastico di località San Martino.
Costo dell’opera, 800mila euro.
Il nuovo edificio (nella foto uno dei prospetti), sarà realizzato nei pressi di quello esistente, è organizzato in due corpi di fabbrica giuntati tra loro, si sviluppa su due livelli caratterizzati da una superficie di piano di circa 315 mq.
L’ingresso principale è posto sul lato sud, da cui vi si accede attraverso un portico, mentre l’ingresso secondario e/o uscita di emergenza sul lato nord.
L’atrio di ingresso collega tutti gli ambienti dell’edificio, sia mediante il corridoio sul lato nord da cui si accede alle aule didattiche, sia attraverso il corpo scala che collega il piano primo.
Al piano terra sono presenti, inoltre, uffici da destinare alla direzione e segreteria, nonché un’area adibita ai collaboratori e infine i servizi igienici distinti e separati tra di loro.
Adiacenti alla scuola, in corrispondenza della scala esterna di accesso al piano superiore, sono presenti due locali con accessi indipendenti.
Uno sarà adibito a deposito attrezzature, l’altro, destinato a locale tecnico, accoglierà le parti impiantistiche principali come il generatore di calore, i serbatoi di accumulo acqua ecc., per il funzionamento dell’impianto termico e l’impianto idrico- sanitario.
Il piano primo ospita tre aule didattiche, un’aula multimediale da adibire a diversi laboratori multidisciplinari e i servizi igienici suddivise e separati come il piano terra.
L’accesso al piano primo è garantito oltre che dalla scala e dal vano ascensore, anche da un ingresso lungo il lato est che funge, in caso di emergenza, come principale via d’esodo.
Secondo la normativa vigente in materia di edilizia scolastica, la capienza delle aule didattiche è determinata in funzione della domanda: ogni alunno necessita minimo di 1,80 mq di superficie.
Sono state progettate aule della dimensione tale da poter accogliere dai 18 ai 20 alunni.
Dell’ufficio di progettazione fanno parte; Giulio Cesare Guccione (architetto e progettista), Alessio Caravone (ingegnere), Tania Armentato (ingegnere), Luigi De Bartolo (geometra), Roberto Saporito (geologo e responsabile delle indagini geognostiche dirette ed indirette).
Da sottolineare gli altri interventi, alcuni iniziati altri in appalto, grazie ai fondi regionali intercettati dal comune.
Duglia (nuova costruzione); Pastrengo (adeguamento sismico), Campo Sportivo (adeguamento sismico), piazza Montessori (nuova costruzione), San Giacomo (adeguamento sismico), Padia (nuova realizzazione)

PUBBLICATO 09/10/2019





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 143  
I cocktail molecolari all’istituto alberghiero
L’Istituto alberghiero ha ospitato, nell’ambito di una serie di stage formativi, il barman Leonardo Beraldi....
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 239  
Il punto sulla Promozione. L’Acri nei play off
Settima giornata di ritorno. Nessuna vittoria esterna, in cima cambia poco con Belvedere e Rossano che vincono, in coda Cutro e San Marco in difficoltà. I play out sarebbero Caccuri/Cutro e Promos ...
Leggi tutto

EDITORIALE  |  LETTO 908  
I fatti della settimana. Mascherine, codardia, coraggio
Iacchitè (termine utilizzato nella città di Cosenza per esprimere stupore) che settimana che è stata! Politica. La prima pagina spetta alla politica ed in particolare alla maggioranza che governa la ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2127  
Gioielleria svaligiata. Emergono altri particolari. Ecco chi sono i colpevoli
Due uomini e una donna sono stati fermati dai carabinieri a Pelago, in provincia di Firenze, con l’accusa di essere gli autori della rapina avvenuta giovedì scorso ai danni della gioielleria Garofal ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2558  
Una città allo sbando, chiamata a pagare colpe non sue
Più volte negli ultimi tempi siamo stati costretti a impugnare la penna per denunciare lo stato di progressivo degrado in cui è stata ridotta Acri. Mai avremmo pensato, anche nel peggiore dei nostri ...
Leggi tutto