OPINIONE Letto 797  |    Stampa articolo

I gravi ritardi e disagi su La Mucone

Foto © Acri In Rete
Emilio Turano
Una politica più incisiva e meno chiacchierona è quello di cui ha bisogno Acri, e' quello che chiedono i cittadini. Richiesta insita anche nell'interrogazione fatta dal sottoscritto con protocollo n.20434 del 31/10/2019 al fine di conoscere le intenzioni e lo stato dell'opera su un problema che affligge il territorio di la mucone da quasi 10 anni. La problematica in oggetto è stata anche discussa nel Consiglio Comunale il 4/12/2018 mirato ai disagi della frazione di La Mucone. Anche allora fu formalizzato il disagio con una petizione popolare regolarmente discussa e presentata con n.protocollo 20043 del 28/11/2018. Un problema presente da circa dieci anni e che oggi rappresenta oramai un degrado urbano con diversi tratti di pericolosità, parliamo del mancato ripristino dell'impianto di illuminazione sul tratto Serricella/Conca San Martino pericolosità rappresentata dalla presenza di pali pericolanti e senza lampioni. L'amministrazione Comunale non può continuare ad essere sorda e cieca difronte ad una problematica così evidente ed incombente per una intera comunità che continua a sentirsi accantonata da una politica poco attenta alla realtà; a dimostrazione anche la gravissima situazione in cui versa l'intera viabilità della frazione. Il problema posto sul tratto non illuminato dopo alcuni lavori di miglioramento, che portarono alla disattivazione del servizio, persiste da circa dieci anni ...un po' troppi! Penso che oggi la politica debba dare risposte al problema, per un semplice principio di rispetto per una comunità che ha dato è continuerà a dare ad Acri un supporto sociale importante non solo al fine elettorale,ma, soprattutto al fine economico. La grave situazione in cui versa oggi il territorio di Acri, deve far riflettere la politica e soprattutto chi fa politica, bisogna essere concreti nell'affrontare e risolvere criticita' gravi come questa. Faccio nuovamente appello all'amministrazione comunale, al responsabile del settore tecnico e all'assessore ai lavori pubblici al fine di non continuare a ignorare il problema posto per il bene dei cittadini di La Mucone che meritano rispetto dalle istituzioni.

PUBBLICATO 05/11/2019





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 763  
Parco nazionale della Sila. Nominato il nuovo direttore
Nei giorni scorsi si è insediato il nuovo Direttore Domenico Cerminara, responsabile del Servizio Pianificazione, Programmazione, Tutela e Sviluppo dell’Ente Parco. Prende il posto di Giuseppe Luzzi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 428  
Enel produzione. Rischio sottodimensionamento. Giovedì sciopero
Anche gli operai di Enel produzione, quelli di via Pastrengo per intenderci, parteciperanno allo sciopero di giovedì prossimo. “La vertenza Enel Green Power dell'unità territoriale di Acri non tro ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 530  
Regionali 2020. I dieci candidati più votati nell’intera regione. Vince Irto
Tra i migliori dieci candidati ben otto sono del centro destra. Il primato spetta a Irto (Pd, nella foto), ex presidente del consiglio regionale, con 12568 voti a seguire Gallo (Fi) 12053 quindi Esp ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1234  
Complimenti vivissimi
Che strana gente siamo noi del Sud! Per carità, abbiamo molte virtù di cui andare fieri. Siamo orgogliosi (in particolare delle nostre origini), capaci, generosi, laboriosi, accoglienti.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2127  
Regionali 2020. Ecco il nuovo consiglio regionale
Santelli presidente grazie al 55,3% (449.705 voti). Maggioranza. Molinaro, Gallo, De Caprio, Caputo, Morrone, Graziano, Mancuso, Raso, Tallini, Esposito, Pietropaolo, Pitaro, Creazzo, Neri, Arruzzo ...
Leggi tutto