OPINIONE Letto 735  |    Stampa articolo

Poeti in erba: quando la poesia diventa denuncia

Foto © Acri In Rete
IC Beato Francesco Maria Greco
Maggio 2013, a una manciata di chilometri da Acri, una giornata come tante , una ragazza come tante: Fabiana Luzzi uccisa dal suo fidanzatino che, dopo averla colpita con venti coltellate, le ha dato fuoco quand’era ancora viva. Aveva solo 16 anni.
La sua scuola, l’IIS “Luigi Palma” di Corigliano Calabro, non l’ha dimenticata, non vuole dimenticare la sua storia e per questo le ha dedicato un Concorso di poesia, aperto alle scuole della provincia, ormai giunto alla terza edizione, a cui alcuni alunni dell’I.C. “Beato Francesco Maria Greco” di Acri hanno partecipato componendo delle liriche con la spontaneità tipica degli adolescenti.
Scopo del concorso è di creare momenti di riflessione sui valori della vita, dell'amore, della tolleranza e del rispetto nel ricordo di questa giovane vittima.
Il 17 dicembre 2019, nell’auditorium della scuola frequentata da Fabiana, si è tenuta la cerimonia di premiazione che è diventata occasione per sensibilizzare i giovani sul fenomeno del femminicidio e per esprimere, nello stesso tempo, vicinanza alla famiglia di Fabiana, presente all’evento.
Per la categoria classi seconde delle scuole secondarie di I grado sono stati premiati gli alunni dell’I.C. “Beato Francesco Maria GrecoFrancesco Ginese, della classe II B, per la poesia dal titolo “L’amore”scelta dalla giuria perché “la rima usata dona all’idea dell’amore un vestito luminoso, un momento felice che tutti dovrebbero vivere” e le alunne Serena Benvenuto e Giorgia Servolino, della classe II C, per la poesia dal titolo “Contro la violenza!” premiata con la seguente motivazione:“Una poesia che diventa slogan. Un atto di forza che usa le parole per resistere. Il dolore si combatte con l’amore”.
Per la categoria classi terze delle scuole secondarie di primo grado, invece, è stata premiata Serena Conte, della classe III B, con la poesia “Nel fiore della giovinezza” selezionata per “l’uso del font, dal più grande al più piccolo, in cui le parole svaniscono nel titolo che apre e chiude la lirica”.
Grande soddisfazione è stata espressa dalla Dirigente, dott.ssa Giulia Rachele D’Amico, che si è complimentata con gli studenti premiati a cui ha augurato di continuare a esprimere emozioni e riflessioni personali attraverso la poesia.
Un ringraziamento particolare alla Dirigente, agli alunni e a tutto il personale docente e non docente dell’IIS “Luigi Palma”di Corigliano Calabro per l’organizzazione della ricca e toccante manifestazione.

PUBBLICATO 05/01/2020





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 138  
Coronavirus. Le linee guida della Regione Calabria
La Regione, per scongiurare possibili casi di contagio, ha diramato le linee guida. Invita i cittadini, che in queste ore rientreranno dalle regioni del Nord interessate dall’espansione epidemica, ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 41  
Vincenzo Rizzuto, e Caino disse: 'Andiamo ai campi'
Questa narrazione, che intreccia le vite del calabrese Mario Fossato (emigrato in Germania e figlio di un minatore morto giovane di silicosi), il suo amico palermitano Rocco Ceccuti (il quale arrive ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 464  
Bomba ecologica a Luzzi
Chi ci segue sa che da qualche tempo stiamo volgendo lo sguardo al territorio che ci circonda con particolare attenzione all'area urbana di Cosenza-Rende. Oggi Riceviamo e pubblichiamo una nota di I ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1082  
Basta slogan irrilevanti, basta alla campagna elettorale permanente
Basta slogan irrilevanti, basta con la campagna elettorale permanente! Ci troviamo, nostro malgrado, a dover, per l’ennesima volta, fare chiarezza su una serie di grossolane inesattezze in termini d ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 544  
Una guerra mai dichiarata
A sentire in questi giorni qualche telegiornale, o le tantissime ore di trasmissione dedicate al coronavirus si direbbe che stiamo combattendo una vera e propria guerra. Ecco, ad esempio, una “norm ...
Leggi tutto