OPINIONE Letto 3686  |    Stampa articolo

La Locanda del poeta: autentica azienda agrituristica nella Sila Greca di Acri

Foto © Acri In Rete
Francesco Foggia
Ci vuole coraggio, molto coraggio per voler fare l’allevatore quando si dispone di più di 22 ettari di bosco ma poco più di un ettaro di terreno coltivabile, ad una altitudine media di 1.078 m s.l.m., sui versanti settentrionali dell’Altopiano della Sila.
Qui, infatti, bisogna fare i conti con le rigide temperature invernalicoi ventidi tramontana e con le piogge, che, erodendo facilmente quel poco di suolo agrario,portano inesorabilmente a giorno la roccia madre, nonostante la copertura alberata.
In queste condizioni morfologiche, ci vuole qualcosa che vada oltre il coraggioper sostenere le sfide che la mente umana riterrebbe arduesolo pensarle.
Bisogna, allora, avere tanta voglia di vedere realizzati i desideri da troppo tenuti nel cassetto.
E Luigi Lorelli ha fatto appello a tuttala passione per dedicarsi all’allevamento semi-brado delle razze autoctone della Sila Greca.
Ha cercato, infatti, di ricostituire e allevare le razze originariedi capre, asini, cavalli e cani pastori, che ritenute non redditizie dai moderni allevatori, si sono trovatein via di estinzione.
Un motivo d’orgoglio è stato rispondere con immediatezza all’invito di Franco Monaco, dirigente ESAC, di allevare anche il “suino nero di Calabria”, selezionato nel Centro Sperimentale Riproduzione Suini ESAC ad Acri, avvalendosi delle conoscenze tecniche e metodologiche di Ezio Zarro, Pasquale Mandarino, David Leslie Kennet (soprattuttoper ridurre la mortalità neonatale dei suinetti).
I tempi non sono più quelli di 60-70 anni fa. Allora, per un misero guadagno, ci si dedicava alla pastorizia e si praticava la transumanza dalle coste ioniche ai pascoli dell’altopiano silano,adattandosi a dormire finanche nei piccoli capanni di paglia.
I tempi sono cambiati e ci sono altre esigenze da soddisfare, ma i costi spingono a ridurre al minimo le spese per il personale e ad allevare gli animali allo stato semi-brado.
Questo tipo di allevamentorichiede, comunque, una presenza quotidiana per mungere le capre, trasformare il latte e comporta notti insonni per assistere al parto di una scrofa, una capra, una cavalla, un’asina, una femmina di pastore silano o per andare alla ricerca degli animali che fuoriescono dalla proprietà.
Quella dell’allevatore è senz’altro una vita sana e ricca di soddisfazioni ma non è semplice o spensierata (con stradelli,linee elettriche, condutture idriche da ripristinare dopo ogni nevicata, ecc.) né tantomeno rimunerativa in un mercato i cui prezzi sono dettati dall’allevamento intensivo.
Il sogno, però, non doveva sfociare in una rinuncia, doveva continuare e proporsialla sempre maggiore domanda di turismo alternativo,quello dedito alla ricerca diterritori insoliti, tradizioni antiche, gente ospitale, cibi naturali, cucina genuina,sapori veri. E quest’ampio territorio, la cui denominazione Sila Greca fa immaginare i rapporti che doveva aver avuto con la cultura greca dell’antica Sýbaris, non viene quasi escluso dal turismo itinerante fra la costa jonica e la Sila vera e propria?
Bisognava, allora, ingegnarsi per accogliere degnamente il flusso turistico,fortunatamente, intercettabile tramite Internet. È nata, così, una struttura d’accoglienza e di ristorazione a Serra La Capra, quasi a ridosso del ciglio della profonda valle del Fiume Mucone, da dove si possono osservare il Massiccio del Pollino e il Golfo di Sibari.
Le peculiarità culinarie dell’azienda agrituristica sono piatti a base di carni di suino nero di Calabria, allevato in azienda(compresi i “frittudi” in questa stagione, cotti con lo struttonella “quadara”), i prodotti connessi alla lavorazione del latte di capra (ricotta, giuncata, caciotte) e quelli delle carni dei proprisuini neri(prosciutto, capicollo, salsicce, soppressate, “vozza”, salsiccia di fegato, lardo, “suzu”, “scarafuogli”, strutto), che vengono serviti anche con gli antipasti misti.
Queste pietanze, riportano facilmente i palati degli ultrasessantenni a rivivere i sapori della loro fanciullezza.
L’azienda è piena di stradelli fino al Fosso di Pietro Cuoco e al Vallone di Costantino (ricchi di sorgenti) e le indicazioni dei percorsiinterni possono portare al laghetto per la pesca sportiva, all’ovile, alle stalle dei cavalli e degli asini, alle capannine per i suini, alle casette per gli uccelli.
Questi sentieri verranno collegatialle varianti ai “Cammini Basiliani di Calabria” che condurranno da Terranova di Sibari a San Demetrio Corone, ad Acri e poi in Sila Greca, fino al Pathirion di Rossano.
L’azienda agrituristica “La locanda del poeta” è tutta qui, racchiusa in un castagneto, pronta ad assicurare acamminatori solitari o a gruppi sportivi (ippici, motoristici, ecc.) una genuina accoglienza, frutto della laboriosità e della spiccataospitalitàdella gente di Acri.

PUBBLICATO 05/02/2020





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 63  
Coronavirus. Le linee guida della Regione Calabria
La Regione, per scongiurare possibili casi di contagio, ha diramato le linee guida. Invita i cittadini, che in queste ore rientreranno dalle regioni del Nord interessate dall’espansione epidemica, ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 33  
Vincenzo Rizzuto, e Caino disse: 'Andiamo ai campi'
Questa narrazione, che intreccia le vite del calabrese Mario Fossato (emigrato in Germania e figlio di un minatore morto giovane di silicosi), il suo amico palermitano Rocco Ceccuti (il quale arrive ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 364  
Bomba ecologica a Luzzi
Chi ci segue sa che da qualche tempo stiamo volgendo lo sguardo al territorio che ci circonda con particolare attenzione all'area urbana di Cosenza-Rende. Oggi Riceviamo e pubblichiamo una nota di I ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1079  
Basta slogan irrilevanti, basta alla campagna elettorale permanente
Basta slogan irrilevanti, basta con la campagna elettorale permanente! Ci troviamo, nostro malgrado, a dover, per l’ennesima volta, fare chiarezza su una serie di grossolane inesattezze in termini d ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 543  
Una guerra mai dichiarata
A sentire in questi giorni qualche telegiornale, o le tantissime ore di trasmissione dedicate al coronavirus si direbbe che stiamo combattendo una vera e propria guerra. Ecco, ad esempio, una “norm ...
Leggi tutto