POLITICA Letto 5790  |    Stampa articolo

Le probabili incompatibilita’ di tre consiglieri fanno slittare la seduta del consiglio Comunale

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Doveva essere il consiglio comunale, il primo dell’amministrazione Tenuta, degli auguri e delle nomine ma anche della presentazione della giunta e delle linee programmatiche. Insomma un’assise formale e di buon lavoro. Nulla di tutto ciò. Male, anzi malissimo la prima seduta, caratterizzata da colpi di scena, momenti di imbarazzo e di forte tensione.
Ad accendere la miccia ci pensano tre consiglieri di maggioranza, Pettinato, Roselli e Fabbricatore che (anche all’insaputa di qualche loro collega), ad inizio dei lavori, sollevano la probabile questione di incompatibilità che riguarderebbe tre esponenti di minoranza, ovvero Cristofaro (Pd), Arena (Udc) e Molinari (Centro Moderato-Udc). Il primo ricopre il ruolo di presidente della Fondazione Padula, di cui il Comune è uno dei cinque membri del consiglio di amministrazione, il secondo è direttore del distretto sanitario Pollino-Esaro ed il terzo collabora con la Fincalabra.
Tutti e tre, naturalmente, hanno affermato di essere in regola con le normative vigenti in materia. Di altro parere la maggioranza che cita il decreto legislativo n° 39 del 8 aprile scorso. Nessuna convalida dei tre consiglieri di opposizione, dunque, e consiglio rinviato a data da destinarsi tra lo stupore dei tanti presenti. Arena è duro; “sono sconcertato, mi sembra un’aula di tribunale piuttosto che un consiglio comunale.”
Cristofaro non è da meno; “si capisce che l’amministrazione Tenuta vuole subito lo scontro, e va alla caccia di streghe attraverso minacce, ricorsi e carte bollate, siamo pronti al duello.”
Tenuta non ci sta; “stiamo applicando solo la legge ed in particolare questo decreto di aprile scorso che sta mettendo in difficoltà molte amministrazioni. Nessuna censura e nessun motivo di precludere a chicchessia la partecipazione al consiglio comunale.” In attesa che le parti facciano valere le proprie ragioni, l’assise è stata rinviata e di conseguenza nessun punto all’ordine del giorno è stato trattato.
Vi è stato solo il tempo di procedere alla surroga di due consiglieri; al posto di Maria Francesca Coschignano (nominata assessore) è subentrato Angelo Milordo mentre alla dimissionaria Maria Bifano (che non ha partecipato ai lavori né tantomeno ha spiegato i motivi delle dimisisoni) subentra Pietro Lupiacci.
La seduta, durata circa tre ore, è stata presieduta dal consigliere più votato, cioè Pino Capalbo (Pd)

PUBBLICATO 02/07/2013





Ultime Notizie

LIBRI  |  LETTO 159  
“Lì, dove il mare è più blu”, il nuovo libro di Manuel Francesco Arena
Il giovane narratore Manuel Francesco Arena, in questo suo nuovo romanzo edito da Falco editore...
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 477  
“Il sole in classe” all’Ic Beato Greco
L’Istituto comprensivo “Beato F.M. Greco” ha partecipato a “Il Sole in Classe” di Anter....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 467  
Dimensionamento scolastico: scelta giusta per il sindacato scuola
Dopo circa tre mesi di discussione e confronto, che a volte ha assunto toni accesi, con diverse proposte avanzate da più parti, sembrerebbe che la vicenda relativa al piano di dimensionamento delle ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 585  
I Ragazzi dello Julia abbandonati dall'Amministrazione Comunale
Sono mesi che ad Acri si discute sul dimensionamento: proposte, proteste, progetti lasciati nel nulla, finiti in fumo, in una bolla di sapone. Proprio così, perché dopo tanto parlare e discutere (e ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 569  
Evitiamo il dimensionamento tra le scuole superiori Julia e Falcone
Non comprendo perché l'amministrazione comunale di Acri non abbia deliberato PER ACCORPARE le scuole superiori "Vincenzo Julia" e "Falcone" al fine di evitare un ulteriore dimensionamento. Attualmen ...
Leggi tutto