POLITICA Letto 5803  |    Stampa articolo

Le probabili incompatibilita’ di tre consiglieri fanno slittare la seduta del consiglio Comunale

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Doveva essere il consiglio comunale, il primo dell’amministrazione Tenuta, degli auguri e delle nomine ma anche della presentazione della giunta e delle linee programmatiche. Insomma un’assise formale e di buon lavoro. Nulla di tutto ciò. Male, anzi malissimo la prima seduta, caratterizzata da colpi di scena, momenti di imbarazzo e di forte tensione.
Ad accendere la miccia ci pensano tre consiglieri di maggioranza, Pettinato, Roselli e Fabbricatore che (anche all’insaputa di qualche loro collega), ad inizio dei lavori, sollevano la probabile questione di incompatibilità che riguarderebbe tre esponenti di minoranza, ovvero Cristofaro (Pd), Arena (Udc) e Molinari (Centro Moderato-Udc). Il primo ricopre il ruolo di presidente della Fondazione Padula, di cui il Comune è uno dei cinque membri del consiglio di amministrazione, il secondo è direttore del distretto sanitario Pollino-Esaro ed il terzo collabora con la Fincalabra.
Tutti e tre, naturalmente, hanno affermato di essere in regola con le normative vigenti in materia. Di altro parere la maggioranza che cita il decreto legislativo n° 39 del 8 aprile scorso. Nessuna convalida dei tre consiglieri di opposizione, dunque, e consiglio rinviato a data da destinarsi tra lo stupore dei tanti presenti. Arena è duro; “sono sconcertato, mi sembra un’aula di tribunale piuttosto che un consiglio comunale.”
Cristofaro non è da meno; “si capisce che l’amministrazione Tenuta vuole subito lo scontro, e va alla caccia di streghe attraverso minacce, ricorsi e carte bollate, siamo pronti al duello.”
Tenuta non ci sta; “stiamo applicando solo la legge ed in particolare questo decreto di aprile scorso che sta mettendo in difficoltà molte amministrazioni. Nessuna censura e nessun motivo di precludere a chicchessia la partecipazione al consiglio comunale.” In attesa che le parti facciano valere le proprie ragioni, l’assise è stata rinviata e di conseguenza nessun punto all’ordine del giorno è stato trattato.
Vi è stato solo il tempo di procedere alla surroga di due consiglieri; al posto di Maria Francesca Coschignano (nominata assessore) è subentrato Angelo Milordo mentre alla dimissionaria Maria Bifano (che non ha partecipato ai lavori né tantomeno ha spiegato i motivi delle dimisisoni) subentra Pietro Lupiacci.
La seduta, durata circa tre ore, è stata presieduta dal consigliere più votato, cioè Pino Capalbo (Pd)

PUBBLICATO 02/07/2013





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 1408  
Sindacato carabinieri. Lello Esposito segretario regionale dell’Unarma
Gli acresi continuano a farsi apprezzare ed a ricevere gratificazioni in ogni campo. Oggi è il caso di Raffaele Esposito (nella foto), per gli amici Lello, 53 anni, acrese doc in forza al Comando ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1276  
Poste Italiane e banche. Attenzione agli sms falsi
Sono sempre più frequenti sms del tipo che vi mostriamo in foto e che arrivano sui cellulari (è successo anche a noi). Questo riguarda Poste Italiane ma accade anche per le banche.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2528  
Morte Fusaro. Assolto Micalizzi
In relazione all’articolo apparso sulla Vs. testata giornalistica on line in data 25 Marzo 2019, per mezzo del quale pubblicavate la notizia dell’avvenuta fissazione dell’udienza preliminare a caric ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2688  
Vigili Urbani. Ecco il bando di Concorso. Scadenza domande il 19 dicembre
Il Comune di Acri rende noto che è indetto concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di 2 (due) posti, a tempo pieno e indeterminato di Istruttore - Agente di Polizia Locale - categoria C. ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 810  
Regionali. Ufficiale si vota il 26 gennaio
Qualche ora fa il presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, ha annunciato che a breve firmerà...
Leggi tutto