POLITICA Letto 5697  |    Stampa articolo

La maggioranza vota l’incompatibilita’. Cristofaro, Arena e Molinari decaduti

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Giuseppe Cristofaro (Pd), Leonardo Molinari e Vincenzo Arena (Udc) non sono più consiglieri comunali. E’ durata, quindi, meno di un mese la loro esperienza all’interno del civico consesso. La maggioranza, facendo leva sul decreto legislativo n°39 dello scorso aprile, ha votato la decadenza dei tre membri.
Al momento del voto l’opposizione ha abbandonato l’aula. Non è stata certo una bella pagina politica, quella rappresentata dal consiglio comunale di ieri. Uno spettacolo poco decoroso per una città dalla ricche ed importanti tradizioni politiche. E più che applausi e complimenti, il consiglio ha fatto incetta di commenti ironici e risate.
I sedici consiglieri erano chiamati a discutere dell’incompatibilità di tre consiglieri di minoranza che, secondo la maggioranza, sono incompatibili con il ruolo di consigliere in virtù del decreto ministeriale n°39 dello scorso otto aprile che impedisce a chi occupa ruoli dirigenziali di ricoprire, contemporaneamente, determinati ruoli istituzionali. Cristofaro è presidente della Fondazione Padula, Arena è a capo di un distretto sanitario mentre Molinari lavora presso la Fincalabra. Quella di ieri tutta è sembrata tranne che una riunione di un organo istituzionale più importante di una comunità.
Acredine, invettive, contraddizioni, gaffe, hanno caratterizzato la lunga assise di ieri. Da una parte la maggioranza, spesso in difficoltà e addirittura su posizioni diverse, che, però, ha voluto applicare in toto le norme nei confronti dei tre presunti incompatibili, dall’altra l’opposizione pronta a difendere i colleghi ed a rivolgersi alla magistratura. E difatti la questione avrà sicuramente strascichi giudiziari. I tre consiglieri decaduti inoltreranno ricorso nel frattempo, però, al loro posto subentreranno i primi dei non eletti delle rispettive liste.
Ma per fare questo ci sarà bisogno di un altro consiglio comunale che, probabilmente, si terrà agli inizi di agosto. Insomma l’avvio della amministrazione targata Tenuta è contrassegnata da decadenze, ricorsi e contro ricorsi nel mentre i problemi, che sono tanti ed anche importanti, restano irrisolti.

PUBBLICATO 27/07/2013





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2799  
Processo Acheruntia. Sono imputato solo per concussione non per mafia
Gentile Redazione, in merito al processo Acheruntia che tanto scalpore ha suscitato nel nostro paese e che mi vede mio malgrado coinvolto, dopo essere stato a lungo e tranquillamente
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2288  
Processo Acheruntia. L'ex dirigente del comune scagiona Maiorano
Ennesima udienza del processo Acheruntia bis. L’ex dirigente del comune, Annunziata Ranaldi, non ha mai ricevuto alcuna minaccia da parte dell’ex sindaco Luigi Maiorano, imputato nel suddetto proce ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 5716  
Coronavirus. La comunità cinese di Acri, 'non siamo infetti'
“Non ci sono motivi per aver paura, nessuno di noi si è recato in Cina e nella zona nella quale si è diffuso il virus, negli ultimi mesi.” Oggi abbiamo deciso, non senza apprensione, di fare un giro ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 522  
Tra ecologia ed economia. HortusAcri nelle scuole
HortusAcri prosegue il tour nelleScuole e Licei di Acri, e nella società, incontrando docenti, studenti,imprenditori e operatori economici, promuovendo il ciclo “Caffè d’Impresa”, segnalando, inoltr ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3606  
La Locanda del poeta: autentica azienda agrituristica nella Sila Greca di Acri
Ci vuole coraggio, molto coraggio per voler fare l’allevatore quando si dispone di più di 22 ettari di bosco ma poco più di un ettaro di terreno coltivabile, ad una altitudine media di 1.078 m s.l.m ...
Leggi tutto