POLITICA Letto 4593  |    Stampa articolo

Dopo la decadenza 10 gg di tempo per rimuovere incompatibilita’. E nel frattempo consiglio comunale paralizzato

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il consiglio comunale, o meglio la sola maggioranza, dunque, ha votato a favore dell’incompatibilità dei tre consiglieri di minoranza, Cristofaro (Pd), Arena e Molinari (Udc) che da ieri non fanno più parte dell’assise. I dieci membri che sostengono Tenuta, applicando il decreto legislativo n°39 dell’aprile scorso, che impone a chi ha incarichi dirigenziali nelle pubbliche amministrazioni o enti di non poter ricoprire contemporaneamente ruoli politici nelle istituzioni, hanno, di fatto, epurato i tre consiglieri non senza polemiche e imbarazzo.
Ma la vicenda non finisce qui. I tre consiglieri, infatti, hanno ora dieci giorni di tempo per rimuovere le loro incompatibilità e se esse saranno ritenute valide allora i tre esponenti resteranno al loro posto altrimenti entrerebbero in assise i primi dei non eletti delle rispettive liste. Ma l’assise dell’altro ieri, oltre a provocare una serie di reazioni, ha incracrinito i già pessimi rapporti tra maggioranza ed opposizione.
Durante la riunione, infatti, non sono mancati momenti di tensione ed invettive. Sembrava di assistere più ad uno scontro personale caratterizzato da rabbia e vecchi rancori piuttosto che ad un consiglio comunale quale organo istituzionale più importante di una comunità. E mentre l’opposizione cercava di far ritornare la maggioranza sui propri passi, quest’ultima ha ritenuto opportuno proseguire nel suo intento tra contraddizioni e proposte schok come quella di Roselli che ha invocato il test anti droga per tutti i consiglieri suscitando l’ira dell’opposizione che dai banchi ha urlato “vergogna.”
Quella dell’incompatibilità è una vicenda senza precedenti per il comune di Acri e che sta paralizzando l’attività del civico consesso che è ancora privo di un presidente. C’è di più. Non sono ancora stati costituiti i gruppi consiliari e le commissioni ed, infine, il sindaco Tenuta non ha ancora illustrato le linee programmatiche né ha presentato la giunta.
E tutto ciò non è accolto positivamente dalla cittadinanza che attende di sapere le misure dell’attuale amministrazione per risolvere gravi problemi come il corposo debito, il precariato, i rifiuti ed il piano di sviluppo urbano.

PUBBLICATO 29/07/2013





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 1240  
Gioielleria svaligiata. Emergono altri particolari. Ecco chi sono i colpevoli
Due uomini e una donna sono stati fermati dai carabinieri a Pelago, in provincia di Firenze....
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2191  
Una città allo sbando, chiamata a pagare colpe non sue
Più volte negli ultimi tempi siamo stati costretti a impugnare la penna per denunciare lo stato di progressivo....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1120  
Gioielleria saccheggiata. Ritrovata la merce ma ancora tanti aspetti da chiarire
E' stata rinvenuta nei pressi di Firenze la refurtiva della rapina all'ex gioielleria Garofalo....
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 654  
Basta girare le spalle al futuro!!!
Con molto rammarico e molto dispiacere dobbiamo constatare che c’è da aggiungere un altro tassello negativo per la nostra cittadina. Dopo la chiusura delle attività commerciali e artigianali, dopo l ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2447  
Comune. Dimissioni in giunta?
Lo abbiamo scritto qualche giorno fa. All’interno della maggioranza e della giunta non c’è un clima sereno. E non certo per colpa di questa testata giornalistica. Non è un mistero che consiglieri e ...
Leggi tutto