POLITICA Letto 4510  |    Stampa articolo

Dopo la decadenza 10 gg di tempo per rimuovere incompatibilita’. E nel frattempo consiglio comunale paralizzato

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il consiglio comunale, o meglio la sola maggioranza, dunque, ha votato a favore dell’incompatibilità dei tre consiglieri di minoranza, Cristofaro (Pd), Arena e Molinari (Udc) che da ieri non fanno più parte dell’assise. I dieci membri che sostengono Tenuta, applicando il decreto legislativo n°39 dell’aprile scorso, che impone a chi ha incarichi dirigenziali nelle pubbliche amministrazioni o enti di non poter ricoprire contemporaneamente ruoli politici nelle istituzioni, hanno, di fatto, epurato i tre consiglieri non senza polemiche e imbarazzo.
Ma la vicenda non finisce qui. I tre consiglieri, infatti, hanno ora dieci giorni di tempo per rimuovere le loro incompatibilità e se esse saranno ritenute valide allora i tre esponenti resteranno al loro posto altrimenti entrerebbero in assise i primi dei non eletti delle rispettive liste. Ma l’assise dell’altro ieri, oltre a provocare una serie di reazioni, ha incracrinito i già pessimi rapporti tra maggioranza ed opposizione.
Durante la riunione, infatti, non sono mancati momenti di tensione ed invettive. Sembrava di assistere più ad uno scontro personale caratterizzato da rabbia e vecchi rancori piuttosto che ad un consiglio comunale quale organo istituzionale più importante di una comunità. E mentre l’opposizione cercava di far ritornare la maggioranza sui propri passi, quest’ultima ha ritenuto opportuno proseguire nel suo intento tra contraddizioni e proposte schok come quella di Roselli che ha invocato il test anti droga per tutti i consiglieri suscitando l’ira dell’opposizione che dai banchi ha urlato “vergogna.”
Quella dell’incompatibilità è una vicenda senza precedenti per il comune di Acri e che sta paralizzando l’attività del civico consesso che è ancora privo di un presidente. C’è di più. Non sono ancora stati costituiti i gruppi consiliari e le commissioni ed, infine, il sindaco Tenuta non ha ancora illustrato le linee programmatiche né ha presentato la giunta.
E tutto ciò non è accolto positivamente dalla cittadinanza che attende di sapere le misure dell’attuale amministrazione per risolvere gravi problemi come il corposo debito, il precariato, i rifiuti ed il piano di sviluppo urbano.

PUBBLICATO 29/07/2013





Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 154  
Il punto sulla Promozione. L’Acri battuta dalla capolista
Quindicesima giornata. Il Belvedere è la nuova capolista, la formazione di Liparoto...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 382  
I fatti della settimana. Rifiuti, scuole e futuro
La copertina spetta ai rifiuti. La situazione regionale è critica per via delle discariche colme....
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 401  
Il Ministro e il nostro 'concittadino'
Nei prossimi mesi, il Ministro per il sud, Giuseppe Provenzano e il Cittadino Onorario di Acri, Franco Arminio, inizieranno un tour per l'Italia interna, e la Calabria sarà tra le prime regioni ad e ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 100  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che Martedì 17 Dicembre 2019 dalle ore 07:30 alle ore 11:00 in via V. Baffi nei pressi del bar “Capriccio”, sarà presente un’auto ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 712  
Dimensionamento scolastico. Decisione giusta
La decisione assunta dall'amministrazione comunale e successivamente da quella provinciale, in riferimento al Dimensionamento scolastico degli Istituti d'istruzione superiore di Acri,che lascia inva ...
Leggi tutto