POLITICA Letto 4592  |    Stampa articolo

Dopo la decadenza 10 gg di tempo per rimuovere incompatibilita’. E nel frattempo consiglio comunale paralizzato

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il consiglio comunale, o meglio la sola maggioranza, dunque, ha votato a favore dell’incompatibilità dei tre consiglieri di minoranza, Cristofaro (Pd), Arena e Molinari (Udc) che da ieri non fanno più parte dell’assise. I dieci membri che sostengono Tenuta, applicando il decreto legislativo n°39 dell’aprile scorso, che impone a chi ha incarichi dirigenziali nelle pubbliche amministrazioni o enti di non poter ricoprire contemporaneamente ruoli politici nelle istituzioni, hanno, di fatto, epurato i tre consiglieri non senza polemiche e imbarazzo.
Ma la vicenda non finisce qui. I tre consiglieri, infatti, hanno ora dieci giorni di tempo per rimuovere le loro incompatibilità e se esse saranno ritenute valide allora i tre esponenti resteranno al loro posto altrimenti entrerebbero in assise i primi dei non eletti delle rispettive liste. Ma l’assise dell’altro ieri, oltre a provocare una serie di reazioni, ha incracrinito i già pessimi rapporti tra maggioranza ed opposizione.
Durante la riunione, infatti, non sono mancati momenti di tensione ed invettive. Sembrava di assistere più ad uno scontro personale caratterizzato da rabbia e vecchi rancori piuttosto che ad un consiglio comunale quale organo istituzionale più importante di una comunità. E mentre l’opposizione cercava di far ritornare la maggioranza sui propri passi, quest’ultima ha ritenuto opportuno proseguire nel suo intento tra contraddizioni e proposte schok come quella di Roselli che ha invocato il test anti droga per tutti i consiglieri suscitando l’ira dell’opposizione che dai banchi ha urlato “vergogna.”
Quella dell’incompatibilità è una vicenda senza precedenti per il comune di Acri e che sta paralizzando l’attività del civico consesso che è ancora privo di un presidente. C’è di più. Non sono ancora stati costituiti i gruppi consiliari e le commissioni ed, infine, il sindaco Tenuta non ha ancora illustrato le linee programmatiche né ha presentato la giunta.
E tutto ciò non è accolto positivamente dalla cittadinanza che attende di sapere le misure dell’attuale amministrazione per risolvere gravi problemi come il corposo debito, il precariato, i rifiuti ed il piano di sviluppo urbano.

PUBBLICATO 29/07/2013





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2798  
Processo Acheruntia. Sono imputato solo per concussione non per mafia
Gentile Redazione, in merito al processo Acheruntia che tanto scalpore ha suscitato nel nostro paese e che mi vede mio malgrado coinvolto, dopo essere stato a lungo e tranquillamente
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2288  
Processo Acheruntia. L'ex dirigente del comune scagiona Maiorano
Ennesima udienza del processo Acheruntia bis. L’ex dirigente del comune, Annunziata Ranaldi, non ha mai ricevuto alcuna minaccia da parte dell’ex sindaco Luigi Maiorano, imputato nel suddetto proce ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 5715  
Coronavirus. La comunità cinese di Acri, 'non siamo infetti'
“Non ci sono motivi per aver paura, nessuno di noi si è recato in Cina e nella zona nella quale si è diffuso il virus, negli ultimi mesi.” Oggi abbiamo deciso, non senza apprensione, di fare un giro ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 522  
Tra ecologia ed economia. HortusAcri nelle scuole
HortusAcri prosegue il tour nelleScuole e Licei di Acri, e nella società, incontrando docenti, studenti,imprenditori e operatori economici, promuovendo il ciclo “Caffè d’Impresa”, segnalando, inoltr ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3606  
La Locanda del poeta: autentica azienda agrituristica nella Sila Greca di Acri
Ci vuole coraggio, molto coraggio per voler fare l’allevatore quando si dispone di più di 22 ettari di bosco ma poco più di un ettaro di terreno coltivabile, ad una altitudine media di 1.078 m s.l.m ...
Leggi tutto