POLITICA Letto 5966  |    Stampa articolo

Il giorno dopo il consiglio comunale. L'indignazione corre sul web

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
La seconda seduta del consiglio comunale dell'amministrazione Tenuta, per linguaggi e comportamenti, è sembrata una fotocopia della prima. Accuse e invettive reciproche, interventi fuori tema ed inopportuni, gaffe, contraddizioni. La questione incompatibilità sta tenendo banco e di fatto sta paralizzando l'attività del civico consesso che, a distanza di due mesi dall'insediamento, non ha ancora un presidente ed un vice. Non solo. Non si sono formati neanche i gruppi consiliari e le commissioni e non sono state discusse le linee programmatiche del sindaco Tenuta, eletto lo scorso nove giugno.
Tutto ciò viene stigmatizzato dai cittadini, in particolare dai frequentatori, che non sono pochi, del web che attraverso portali locali di informazione e social network stanno esprimendo tutta la loro amarezza ed indignazione. E non a torto. Dopo due mesi dalla nomina ufficiale, il sindaco Tenuta non ha ancora reso noto alla città, attraverso la stampa o all'interno del consiglio comunale, importante organo politico ed amministrativo di una città, la sua squadra di governo. Nessuno conosce infatti nomi e deleghe dei cinque assessori, eppure uno dei temi più cari allo stesso Tenuta durante la campagna elettorale, è stato proprio quello della trasparenza e della legalità.
Ora il popolo web è basito ed amareggiato, sia perché il consiglio continua a non affrontare le questioni della città , che sono tante e importanti, sia per l'atteggiamento dei sedici consiglieri. Sul banco degli imputati è la maggioranza rea, secondo gli internauti, di aver intrapreso una via sbagliata, fatta di rancori e vendette personali ma anche per esprimere concetti che nulla hanno a che fare con la politica.
I termini "vergogna", "dimissioni" e gli appelli alla serietà ed alla responsabilità si sprecano ma sembrano non interessare il primo cittadino, massimo responsabile di un'amministrazione ma soprattutto di una maggioranza apparsa, ancora una volta, sfilacciata e contraddittoria, che pensa più agli attacchi personali che alle proposte.
Si ha l'impressione che i dieci membri della maggioranza vadano ognuno per la propria strada altrimenti non si spiegherebbe il fatto che ancora una volta chi interviene viene prontamente smentito dal collega. Nel frattempo la comunità si chiede e chiede quando, finalmente, si potrà assistere ad un consiglio comunale che tratti dei problemi della città.

PUBBLICATO 30/07/2013





Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 250  
Il punto sulla Promozione. L’Acri battuta dalla capolista
Quindicesima giornata. Il Belvedere è la nuova capolista, la formazione di Liparoto...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 483  
I fatti della settimana. Rifiuti, scuole e futuro
La copertina spetta ai rifiuti. La situazione regionale è critica per via delle discariche colme....
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 463  
Il Ministro e il nostro 'concittadino'
Nei prossimi mesi, il Ministro per il sud, Giuseppe Provenzano e il Cittadino Onorario di Acri, Franco Arminio, inizieranno un tour per l'Italia interna, e la Calabria sarà tra le prime regioni ad e ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 117  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che Martedì 17 Dicembre 2019 dalle ore 07:30 alle ore 11:00 in via V. Baffi nei pressi del bar “Capriccio”, sarà presente un’auto ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 892  
Dimensionamento scolastico. Decisione giusta
La decisione assunta dall'amministrazione comunale e successivamente da quella provinciale, in riferimento al Dimensionamento scolastico degli Istituti d'istruzione superiore di Acri,che lascia inva ...
Leggi tutto