POLITICA Letto 4266  |    Stampa articolo

In Consiglio Comunale modifiche alla Tares

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Si è discusso soprattutto di conti ( da mettere in ordine) nella seduta del consiglio comunale di martedì scorso.
Innanzitutto le controdeduzioni alla delibera della Corte dei Conti n. 24/2013. L’organo di controllo muove al Comune di Acri una serie di rilievi sui conti del bilancio dello scorso anno.
Il sindaco Nicola Tenuta, che è anche assessore al Bilancio, ha spiegato che, senza le adeguate contromisure, questo atto della Corte dei Cinti potrebbe addirittura preludere al dissesto finanziario.
Che i conti del Comune fossero in rosso era stato lo stesso Tenuta, in occasione della presentazione delle linee programmatiche, a dirlo. Ora lo certifica anche la Corte dei Conti.
Le cifre non inducono certo a ottimismo, con una ente sempre più in evidente difficoltà. Sarà dura non mettere mano alle tasse per garantire i servizi.
Sulla delibera in consiglio si è innescato un dibattito che non poteva non tener conto delle prospettive politiche di chi l’ha animato, ma con il comune denominatore di una preoccupazione che non lascia dormire sonni tranquilli.
Alla fine una delibera con cui si replica ai rilievi della Corte dei Conti l’ha approvata anche il consiglio comunale, con i voti della maggioranza e l’astensione delle opposizioni.
Nell’ordine del giorno c’era anche la Tares (Tassa Rifiuti E Servizi). In questo caso l’opposizione ha chiesto che venisse stralciata una parte della delibera approntata dalla maggioranza e infine l’ha votata.
Non saranno più tre le rate, ma quattro, e andranno ridefinite anche la date delle scadenze. Quella di fine settembre salta.
A inizio seduta sono state costituite le commissioni consiliari, che saranno sei. Pino Capalbo e Luigi Maiorano, a nome dell’opposizione, hanno chiesto che almeno due presidenze vengano riconosciute alla minoranza.
Nelle ultime legislature sono sempre state appannaggio della coalizione che sosteneva il governo cittadino, quindi la richiesta va nella direzione di una inversione di rotta. I due consiglieri l’hanno motivata sulla base dei propositi in tal senso manifestati in campagna elettorale dal sindaco Nicola Tenuta.
I presidenti saranno votati dalla rispettive commissioni, ma l’impressione è che nulla cambi rispetto al recente passato.


Fonte “Il Quotidiano della Calabria

PUBBLICATO 20/09/2013





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2799  
Processo Acheruntia. Sono imputato solo per concussione non per mafia
Gentile Redazione, in merito al processo Acheruntia che tanto scalpore ha suscitato nel nostro paese e che mi vede mio malgrado coinvolto, dopo essere stato a lungo e tranquillamente
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2288  
Processo Acheruntia. L'ex dirigente del comune scagiona Maiorano
Ennesima udienza del processo Acheruntia bis. L’ex dirigente del comune, Annunziata Ranaldi, non ha mai ricevuto alcuna minaccia da parte dell’ex sindaco Luigi Maiorano, imputato nel suddetto proce ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 5716  
Coronavirus. La comunità cinese di Acri, 'non siamo infetti'
“Non ci sono motivi per aver paura, nessuno di noi si è recato in Cina e nella zona nella quale si è diffuso il virus, negli ultimi mesi.” Oggi abbiamo deciso, non senza apprensione, di fare un giro ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 522  
Tra ecologia ed economia. HortusAcri nelle scuole
HortusAcri prosegue il tour nelleScuole e Licei di Acri, e nella società, incontrando docenti, studenti,imprenditori e operatori economici, promuovendo il ciclo “Caffè d’Impresa”, segnalando, inoltr ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3606  
La Locanda del poeta: autentica azienda agrituristica nella Sila Greca di Acri
Ci vuole coraggio, molto coraggio per voler fare l’allevatore quando si dispone di più di 22 ettari di bosco ma poco più di un ettaro di terreno coltivabile, ad una altitudine media di 1.078 m s.l.m ...
Leggi tutto