POLITICA Letto 4075  |    Stampa articolo

Comune. Richiamo della corte dei conti. Si rischia il dissesto finanziario

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
La situazione finanziaria dell’ente, è molto critica ed occorre effettuare manovre correttive. Il sindaco Nicola Tenuta lo ha detto più volte ma ora c’è anche un richiamo della Corte dei Conti. Proprio per questo motivo il Consiglio comunale si è riunito per produrre le dovute controdeduzioni ad un monito della Corte dei Conti riguardo il 2011.
In sostanza, scrive la Corte, senza provvedimenti concreti e mirati, il Comune rischia il dissesto finanziario. L’assise, quindi, ha dovuto discutere ed approvare una delibera di venti pagine in cui vi sono tutti i provvedimenti che ha intenzione di mettere in atto la maggioranza guidata da Tenuta per mettere a posto i conti ed evitare, così, il dissesto finanziario che provocherebbe non pochi problemi al Comune stesso ed alla città. E’ stato il primo cittadino in persona, che ha anche la delega al bilancio, a leggere in aula le venti pagine della delibera fatta di molti numeri e poche parole. Settore per settore sono indicate le correzioni che saranno effettuate e che richiede la Corte.
Si tratta di un atto importante – ha detto Tenuta da cui non possiamo esimerci. Non è il caso di individuare dei colpevoli ma sicuramente negli anni passati qualcosa non ha funzionato. Siamo in una fase di pre dissesto ma con questo atto eviteremo problemi più gravi. Non sarà facile raddrizzare i conti ma è un nostro dovere cercare di farlo.
Alla fine l’atto deliberativo è stato votato da soli consiglieri di maggioranza mentre l’opposizione, Pd e Udc, si è astenuta motivando tale scelta per lo scarso coinvolgimento nelle stesura della delibera da inviare alla Magistratura contabile. Ma cosa c’è scritto nell’atto? La Corte invita il Comune ad effettuare alcune operazioni e ad evitarne altre.
Ad esempio impone di non accendere nuovi mutui, di risolvere i problemi di cassa, di incassare i residui attivi, ovvero somme previste ma non incassate, di evitare frequenti anticipazioni di cassa, di non spendere i fondi vincolati, di rispettare il Patto di stabilità, di riscuotere le multe elevate dalla Polizia Municipale e i vari tributi. Insomma la Corte chiede più attenzione ed una razionalizzazione della spesa. Non è un momento felice, quindi, per le casse comunali.
I debiti ammontano a venti milioni, quelli fuori bilancio a sei, ed è per questo che il sindaco Tenuta ha voluto accanto a sé Antonio Costantini, esperto di finanza pubblica, che avrà l’arduo compito di mettere a posto i conti.

PUBBLICATO 20/09/2013





Ultime Notizie

AVVISO  |  LETTO 280  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che martedi’ 19 novembre 2019 dalle ore 07:30 alle ore 11:00 in via Maria Montessori nei pressi del bar “Sweet Gate”, sarà presen ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 530  
Alberi per il Futuro 2019
In occasione della prossima “Giornata Nazionale degli Alberi”, ci ritroveremo per effettuare la piantumazione di nuove specie arboree sul territorio. Decine di migliaia le specie arboree che anche ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1102  
La Luce del Classico, ottima la prima
Grande successo per il primo seminario organizzato dai ragazzi della quarta e delle quinte del Liceo Classico “Julia” insieme alla professoressa di filosofia e storia Maria Paola Capalbo, che si è t ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 614  
Regionali. Lettera dei componenti dell’assemblea nazionale a Zingaretti e Gentiloni. Il nostro candidato è Oliverio
Di seguito pubblichiamo uno stralcio della lunga lettera firmata da dieci componenti dell’assemblea nazionale del Partito Democratico (tra cui il sindaco Pino Capalbo) indirizzata al Segretario nazi ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4966  
La Sila a Geo&Geo
Lunedì prossimo, dalle 16, durante la puntata della trasmissione televisiva Geo&Geo su RaiTRE si approfondirà anche il tema della biodiversità entomologica della Sila, ricca di insetti di particolar ...
Leggi tutto