POLITICA Letto 5110  |    Stampa articolo

Acri-Serricella. Progetto di trenta milioni realizzato e accantonato?

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il progetto avrebbe, di certo, risolto alcune criticità. Avrebbe, appunto, perché lo stesso è a forte rischio. Si tratta del progetto preliminare di ammodernamento della strada comunale Acri-Serricella, depositato, già da qualche mese, presso gli uffici dei lavori pubblici della Regione. Un’opera strategica fortemente voluta dall’eurodeputato Gino Trematerra e dal Presidente della giunta, Scopelliti e finanziata dal Cipe per trenta milioni. In occasione di un incontro tenutosi nei giorni scorsi, lo stesso Presidente Scopelliti ha fatto intendere che la suddetta opera non rientra negli imminenti, e forse futuri, programmi della Regione. Un’autentica doccia fredda per la nutrita popolazione di Serricella.
Il progetto, infatti, prevede l’ammodernamento della strada con l’allargamento di alcuni tornanti e la realizzazione di un viadotto nei pressi della centrale Enel, la messa in sicurezza di tutti i versanti in frana, la realizzazione di opere di sostegno come muri e gabbioni e la canalizzazione delle acque. Insomma una serie di interventi per rendere più sicura e funzionale la strada spesso teatro di incidenti molto gravi a causa della caduta di massi. C’è di più: la nuova strada collegherebbe il centro con la popolosa ed attiva zona di La Mucone che conta circa duemila anime e che ospita una serie di servizi ed attività imprenditoriali. L’obiettivo, quindi, sarebbe anche quello di avvicinare le due zone e impedire l’esodo dei lamuconesi verso altre aree.
Tra l’altro, quello per la Serricella-Acri è uno dei finanziamenti più corposi degli ultimi anni, forse il più grosso, destinato ad un’opera pubblica. Ma a rischio ci sarebbe anche la realizzazione della strada Rondinelle-Acri centro, inserita nei fondi Piar e per la quale vi era a disposizione circa un milione.
Il progetto è pronto ma della gara di appalto non se ne parla proprio. Due importanti arterie, quindi, finanziate e già progettate e che porterebbero vantaggi occupazionali e sviluppo, rischiano di non andare in porto facendo perdere alla città un’altra grande occasione.

PUBBLICATO 20/09/2013





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 95  
Coronavirus in Calabria. I numeri di lunedì 30 marzo. 647 positivi, 30 , 14 comuni chiusi
In Calabria ad oggi sono stati effettuati 7187 tamponi. Le persone risultate positive....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 502  
Ordinanza Prociv. Al Comune di Acri 177mila euro. Ecco a chi rivolgersi
Domenica scorsa, la presidenza del Consiglio dei ministri, ha diramato l’ordinanza numero 658...
Leggi tutto

CULTURA  |  LETTO 296  
Una terribile pandemia
Ognuno ha una fiaba dentro che non riesce a leggere da solo. Ha bisogno di qualcuno che con la meraviglia e l’incanto negli occhi, la legga e gliela racconti . Mamme, papà,fratellini maggiori e maes ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 631  
Meno burocrazia e protagonismo, concretezza nei criteri di scelta delle effettive necessità
La proposta avanzata dal consigliere Caiaro, oggettivamente obsoleta, di istituzione di una commissione permanente, una sorta di cabina di regia, per la gestione dell'emergenza "covid19" sul nostro ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 332  
Necessario e urgente riunire le commissioni consiliari
Mi preme porre all’attenzione della città quanto segue: il sottoscritto in data 9 marzo c.a., in qualità di consigliere comunale ha richiesto formalmente al presidente del consiglio ( Pec del 9.3.20 ...
Leggi tutto