POLITICA Letto 4969  |    Stampa articolo

Acri-Serricella. Progetto di trenta milioni realizzato e accantonato?

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il progetto avrebbe, di certo, risolto alcune criticità. Avrebbe, appunto, perché lo stesso è a forte rischio. Si tratta del progetto preliminare di ammodernamento della strada comunale Acri-Serricella, depositato, già da qualche mese, presso gli uffici dei lavori pubblici della Regione. Un’opera strategica fortemente voluta dall’eurodeputato Gino Trematerra e dal Presidente della giunta, Scopelliti e finanziata dal Cipe per trenta milioni. In occasione di un incontro tenutosi nei giorni scorsi, lo stesso Presidente Scopelliti ha fatto intendere che la suddetta opera non rientra negli imminenti, e forse futuri, programmi della Regione. Un’autentica doccia fredda per la nutrita popolazione di Serricella.
Il progetto, infatti, prevede l’ammodernamento della strada con l’allargamento di alcuni tornanti e la realizzazione di un viadotto nei pressi della centrale Enel, la messa in sicurezza di tutti i versanti in frana, la realizzazione di opere di sostegno come muri e gabbioni e la canalizzazione delle acque. Insomma una serie di interventi per rendere più sicura e funzionale la strada spesso teatro di incidenti molto gravi a causa della caduta di massi. C’è di più: la nuova strada collegherebbe il centro con la popolosa ed attiva zona di La Mucone che conta circa duemila anime e che ospita una serie di servizi ed attività imprenditoriali. L’obiettivo, quindi, sarebbe anche quello di avvicinare le due zone e impedire l’esodo dei lamuconesi verso altre aree.
Tra l’altro, quello per la Serricella-Acri è uno dei finanziamenti più corposi degli ultimi anni, forse il più grosso, destinato ad un’opera pubblica. Ma a rischio ci sarebbe anche la realizzazione della strada Rondinelle-Acri centro, inserita nei fondi Piar e per la quale vi era a disposizione circa un milione.
Il progetto è pronto ma della gara di appalto non se ne parla proprio. Due importanti arterie, quindi, finanziate e già progettate e che porterebbero vantaggi occupazionali e sviluppo, rischiano di non andare in porto facendo perdere alla città un’altra grande occasione.

PUBBLICATO 20/09/2013





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 48  
Dal Meetup Acri in Movimento solo falsità e disinformazione
Quanto scritto dal Meetup Acri in Movimento sul “Dimensionamento scolastico” nell’articolo apparso, è a dir poco fuorviante, per nulla corrispondente alla realtà e fornisce informazioni false e scor ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 113  
Venerdì la presentazione del libro Piumetta pettirosso coraggioso
Si terrà venerdì 13 alle 16 la presentazione del libro “Piumetta pettirosso coraggioso” di Lucia Spezzano, acrese che vive al nord, di cui Acri in Rete si è già occupata nei mesi scorsi.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1088  
Ufficio del lavoro. Da oggi riaperto
Da oggi, mercoledì 11, riapre l’ufficio del lavoro sito all’interno della sede dell’ex comunità montana. Per il momento sarà aperto solo il mercoledì dalle 9 alle 12,30 ma dalla regione hanno preso ...
Leggi tutto

MUSICA  |  LETTO 509  
Domenica a San Domenico il Concerto di Natale
Anche quest’anno, presso la Chiesa di San Domenico, si svolgerà il tradizionale Concerto di Natale della Corale Polifonica Ars Suprema e Schola Cantorum Madonna del Rosario. L’evento, promosso dall ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 385  
Lì, dove il mare è più blu, il nuovo libro di Manuel Francesco Arena
Il giovane narratore Manuel Francesco Arena, in questo suo nuovo romanzo edito da Falco editore, ci trasporta sulla costa ionica calabrese in un paese di fantasia popolato da pittoreschi e semplici ...
Leggi tutto