POLITICA Letto 5060  |    Stampa articolo

Acri-Serricella. Progetto di trenta milioni realizzato e accantonato?

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il progetto avrebbe, di certo, risolto alcune criticità. Avrebbe, appunto, perché lo stesso è a forte rischio. Si tratta del progetto preliminare di ammodernamento della strada comunale Acri-Serricella, depositato, già da qualche mese, presso gli uffici dei lavori pubblici della Regione. Un’opera strategica fortemente voluta dall’eurodeputato Gino Trematerra e dal Presidente della giunta, Scopelliti e finanziata dal Cipe per trenta milioni. In occasione di un incontro tenutosi nei giorni scorsi, lo stesso Presidente Scopelliti ha fatto intendere che la suddetta opera non rientra negli imminenti, e forse futuri, programmi della Regione. Un’autentica doccia fredda per la nutrita popolazione di Serricella.
Il progetto, infatti, prevede l’ammodernamento della strada con l’allargamento di alcuni tornanti e la realizzazione di un viadotto nei pressi della centrale Enel, la messa in sicurezza di tutti i versanti in frana, la realizzazione di opere di sostegno come muri e gabbioni e la canalizzazione delle acque. Insomma una serie di interventi per rendere più sicura e funzionale la strada spesso teatro di incidenti molto gravi a causa della caduta di massi. C’è di più: la nuova strada collegherebbe il centro con la popolosa ed attiva zona di La Mucone che conta circa duemila anime e che ospita una serie di servizi ed attività imprenditoriali. L’obiettivo, quindi, sarebbe anche quello di avvicinare le due zone e impedire l’esodo dei lamuconesi verso altre aree.
Tra l’altro, quello per la Serricella-Acri è uno dei finanziamenti più corposi degli ultimi anni, forse il più grosso, destinato ad un’opera pubblica. Ma a rischio ci sarebbe anche la realizzazione della strada Rondinelle-Acri centro, inserita nei fondi Piar e per la quale vi era a disposizione circa un milione.
Il progetto è pronto ma della gara di appalto non se ne parla proprio. Due importanti arterie, quindi, finanziate e già progettate e che porterebbero vantaggi occupazionali e sviluppo, rischiano di non andare in porto facendo perdere alla città un’altra grande occasione.

PUBBLICATO 20/09/2013





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2351  
Cittadini rassegnati e problemi irrisolti
Una città, la nostra, agonizzante, malridotta e senza prospettive. Una città, Acri, tradita da chi aveva promesso quell'inversione di rotta che non c'è stata e dove le fondamentali regole della rapp ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2096  
Solidarietà al sindaco Capalbo
In merito alle recenti questioni diffuse dagli ordini di stampa, mi sento di esprimere piena solidarietà al sindaco Pino Capalbo circa i fatti a lui contestati, nonostante la differente appartenenza ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 13095  
Corruzione, indagati il consigliere regionale Aieta e i sindaci di Longobucco e Acri
Indagato per corruzione il consigliere regionale del centrosinistra Giuseppe Aieta. Questa mattina, su richiesta del procuratore capo di Paola Pierpaolo Bruni e del sostituto Rossana Esposito, è sta ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 5828  
Esaro. Arresti per droga, ricettazione ed estorsione. Coinvolti anche due acresi
Nelle prime ore di questa mattina, sono stati effettuati arresti per droga, estorsione e ricettazione. Quarantacinque le persone destinatarie di varie ordinanze tra cui anche due acresi, G.F., 40 an ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 825  
Focus. Il dopo voto ed i futuri scenari
Con Giuseppe Aieta, rieletto consigliere regionale tra le fila dei democratici progressisti, il candidato più votato in città con circa mille voti, abbiamo parlato della vittoria della Santelli ma s ...
Leggi tutto