POLITICA Letto 3913  |    Stampa articolo

Scopelliti sul Beato Angelo. Potenziato solo dopo il piano di rientro. E nessuno reagisce

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il Beato Angelo? Starà così fino all’approvazione del Piano di rientro.” E’ il Governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti, che è anche commissario ad acta della sanità, a fugare, una volte per tutte, dubbi e perplessità circa il futuro dell’ospedale. Scopelliti fa chiarezza e mette fine alle tante dicerie. Lo ha fatto nei giorni scorsi nel corso di una manifestazione pubblica organizzata dal Pdl in piazza Sprovieri.
Abbiamo fortemente voluto il decreto 191 che istituisce lo Spoke Acri-Castrovillari e non ne siamo pentiti ma, al momento, più di questo non si può fare. Sono certo che in futuro il Beato Angelo avrà nuove attività e fornirà nuove ed importanti prestazioni.
Il futuro, però, non è vicino. Scopelliti ha fatto intendere, infatti, che qualche novità, semmai ci sarà, avverrà non prima del 2015, quando cioè finirà, forse, il Piano di rientro della sanità.
La comunità – dice – deve essere soddisfatta per quanto abbiamo fatto visto che nei programmi delle precedenti giunte regionali l’ospedale doveva essere fortemente ridimensionato. Noi abbiamo mantenuto l’esistente e lavoreremo perché sia potenziato.
Parte qualche timido applauso anche se le notizie non sono confortanti. Sul palco c’è anche il sindaco Tenuta (i Trematerra, padre e figlio sono fuori Calabria, ndr) che chiede lumi sul futuro del nosocomio. Che la gente non sia soddisfatta della soluzione della Regione si nota sui volti, cupi e pensierosi. Tuttavia Scopelliti non viene contestato da nessuno e nei giorni seguenti non si registrano prese di posizione di chicchessia. Città, movimenti e partiti, soprattutto quelli di opposizione, in primis il Pd, come fossero rassegnati.
Scopelliti
chiosa: “spetterà alla classe politica e dirigente prendere le decisioni finali sul Beato Angelo ma prima di ciò i conti della sanità calabrese devono essere a posto.”
Ciò vuol dire che il Beato Angelo dovrà collaborare con l’ospedale di Castrovillari e condividerne primari e servizi.
Per altri due anni, quindi, chirurgia sarà funzionante solo per interventi programmati e solo per alcune patologie.

PUBBLICATO 24/09/2013





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 456  
Quest'amministrazione sarà presto archiviata come le sue querele
Con decreto di archiviazione emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari dott. Piero Santese, lo scorso 17 febbraio, il Tribunale di Cosenza ha archiviato la querela che il Sindaco Pino Capalbo, ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 718  
La paura deve far ragionare
Non possiamo negare che il momento storico che stiamo vivendo è alquanto difficile e delicato, ma non per questo dobbiamo entrare in panico creando danni che potrebbero diventare irreversibili.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 177  
Liceo Julia ed Aspa insieme contro la ludopatia
Il forte sodalizio tra Liceo Classico e Scientifico V. Julia e la società civile aggiunge un altro tassello al già grande mosaico basato su rispetto e collaborazione reciproca al servizio degli alun ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2951  
Coronavirus. Ondata di rientri di docenti e lavoratori dal nord
Era prevedibile. Nella giornata di ieri abbiamo contattato alcuni amici autisti di bus e ditte di trasporto su gomma che ci hanno confermato le indiscrezioni del giorno prima. A causa dell’espander ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 487  
I cocktail molecolari all’istituto alberghiero
L’Istituto alberghiero ha ospitato, nell’ambito di una serie di stage formativi, il barman Leonardo Beraldi di Mirto Crosia proprietario del Chocolat. Leonardo si è presentato agli alunni con profes ...
Leggi tutto