POLITICA Letto 3955  |    Stampa articolo

Scopelliti sul Beato Angelo. Potenziato solo dopo il piano di rientro. E nessuno reagisce

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il Beato Angelo? Starà così fino all’approvazione del Piano di rientro.” E’ il Governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti, che è anche commissario ad acta della sanità, a fugare, una volte per tutte, dubbi e perplessità circa il futuro dell’ospedale. Scopelliti fa chiarezza e mette fine alle tante dicerie. Lo ha fatto nei giorni scorsi nel corso di una manifestazione pubblica organizzata dal Pdl in piazza Sprovieri.
Abbiamo fortemente voluto il decreto 191 che istituisce lo Spoke Acri-Castrovillari e non ne siamo pentiti ma, al momento, più di questo non si può fare. Sono certo che in futuro il Beato Angelo avrà nuove attività e fornirà nuove ed importanti prestazioni.
Il futuro, però, non è vicino. Scopelliti ha fatto intendere, infatti, che qualche novità, semmai ci sarà, avverrà non prima del 2015, quando cioè finirà, forse, il Piano di rientro della sanità.
La comunità – dice – deve essere soddisfatta per quanto abbiamo fatto visto che nei programmi delle precedenti giunte regionali l’ospedale doveva essere fortemente ridimensionato. Noi abbiamo mantenuto l’esistente e lavoreremo perché sia potenziato.
Parte qualche timido applauso anche se le notizie non sono confortanti. Sul palco c’è anche il sindaco Tenuta (i Trematerra, padre e figlio sono fuori Calabria, ndr) che chiede lumi sul futuro del nosocomio. Che la gente non sia soddisfatta della soluzione della Regione si nota sui volti, cupi e pensierosi. Tuttavia Scopelliti non viene contestato da nessuno e nei giorni seguenti non si registrano prese di posizione di chicchessia. Città, movimenti e partiti, soprattutto quelli di opposizione, in primis il Pd, come fossero rassegnati.
Scopelliti
chiosa: “spetterà alla classe politica e dirigente prendere le decisioni finali sul Beato Angelo ma prima di ciò i conti della sanità calabrese devono essere a posto.”
Ciò vuol dire che il Beato Angelo dovrà collaborare con l’ospedale di Castrovillari e condividerne primari e servizi.
Per altri due anni, quindi, chirurgia sarà funzionante solo per interventi programmati e solo per alcune patologie.

PUBBLICATO 24/09/2013





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2143  
Abbandono indiscriminato di rifiuti. Individuati e sanzionati i responsabili
Individuati e sanzionati alcuni responsabili dell’abbandono indiscriminato di rifiuti . Sono stati i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Acri ad identificarli attraverso un mirato servi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1617  
Coronavirus in Calabria. I dati di giovedì 19 marzo. 169 positivi, 3 deceduti
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 169...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 812  
Noi orfani della fiera di San Giuseppe
“Ma va vinna mustazzuali ara Fera” (Vai a vendere mostaccioli alla fiera) poteva essere motto di sberleffo in una conversazione gridata e contesa, magari di sport, in queste ore tra cosentini autent ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 945  
Grazie
In questa pandemia di coronavirus due le cose sono ormai chiare: la contagiosità del virus e il coraggio degli operatori sanitari. Un “piccolo” esercito di eroi che quotidianamente opera nei pronto ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1246  
Coronavirus in Calabria. I dati di mercoledì 18 marzo. 129 positivi
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. In Calabria ad oggi sono stati effettuati 1434 tamponi....
Leggi tutto