POLITICA Letto 7417  |    Stampa articolo

Feraudo diffamato, condannato Cozzolino

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Il Tribunale di Cosenza, nella persona del Giudice Vincenzo Lo Feudo, ha condannato il Dott. Giacomo Cozzolino per il reato di diffamazione a mezzo stampa in danno dell’Avv. Maurizio Feraudo, costituitosi parte civile.
I fatti risalgono al mese di febbraio del 2010 e si collocano in un contesto politico reso aspro dai toni tipici di una campagna elettorale.
All’epoca Giacomo Cozzolino era presidente del consiglio comunale uscente e sarebbe stato il candidato a sindaco nelle consultazioni svoltesi da lì a qualche mese.
Maurizio Feraudo era invece consigliere regionale di Italia dei Valori, e sarebbe stato anch’egli impegnato di lì a poco nelle contestuali elezioni per il rinnovo del consiglio di Palazzo Campanella.
In questa fase non mancarono polemiche che al limite del lecito in una competizione elettorale di là da venire. Nello specifico, un comunicato del Dott. Cozzolino, apparso sulla stampa locale, nella sentenza emessa martedì scorso, è stato ritenuto oggetto di diffamazione nei confronti dell’Avv. Feraudo.
Il Dott. Cozzolino è stato condannato, altresì, al pagamento delle spese processuali, nonché al risarcimento dei danni in favore di Feraudo, da liquidarsi in separata sede.
Soddisfazione è stata espressa dall’Avv. Francesco Barci, difensore di Feraudo, il quale ha sottolineato come “il verdetto del Tribunale di Cosenza, che ha accolto la richiesta di condanna del Pubblico Ministero e della stessa parte civile, rende giustizia in un campo delicatissimo, quale quello dei confini tra diritto di critica politica e quello dell’offesa personale. Il Tribunale – ha concluso l’Avv. Barci ha riconosciuto che il Dott. Cozzolino, nell’articolo a sua firma, aveva travalicato detti confini, offendendo l’onore e la reputazione dell’Avv. Maurizio Feraudo, il quale proseguirà la sua battaglia legale in sede civile”.
Giacomo Cozzolino, condannato a un’ammenda di 500 euro più le spese processuali, ha comunque già fatto sapere che ricorrerà in Cassazione contro la sentenza.


Fonte “Il Quotidiano della Calabria

PUBBLICATO 27/09/2013





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 338  
Ma quali risposte?
Per quanto triste, questa è oramai una realtà! Non è quindi una novità che qualcuno, commentando sui social, ancora oggi scriva stupidaggini e tenti (inutilmente) di far credere che avendo detto NO ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 74  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che Martedì 10 dicembre 2019 dalle ore 07:30 alle ore 11:00 in Piazza Sprovieri nei pressi del bar “The Planet”, sarà presente un ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 501  
Facciamo che Acri conservi almeno la cultura
Complice la crisi, complice la globalizzazione, fenomeno che ha modificato la nostra vita, le nostre abitudini che ci ha catapultato in una società complessa ma nello stesso tempo piena di grandi op ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 241  
L’Associazione Culturale Pamphile consegna tre tessere onorarie
In un clima cordiale e informale, nella sede dell'Associazione, presso palazzo Malito, il presidente dell'Associazione Pamphile, Francesco Cilento, ha consegnato a tre alti rappresentanti dell’impre ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 230  
Il punto sulla Promozione. Rossanese in vetta, l’Acri pareggia in casa
Quattordicesima giornata. La Rossanese da sola in vetta, il Cutro vince la prima gara....
Leggi tutto