POLITICA Letto 4451  |    Stampa articolo

Spedite bollette Tares. Ma sono nulle. In arrivo le nuove. Ed il comune non informa

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
La forte necessità di far cassa ha indotto, evidentemente, in un grave errore l’amministrazione comunale guidata da Nicola Tenuta. Insomma, le bollette relative alla Tares, tassa rifiuti e servizi, spedite ai contribuenti nelle scorse settimane, sono nulle. Fin qui nulla di grave se non fosse che molti cittadini hanno già provveduto a pagare l’intera somma o solo la prima rata con scadenza fissata al 30 settembre (le altre due scadevano il 30 ottobre ed il 30 novembre.)
L’amministrazione, avendo urgente bisogno di liquidità, aveva chiesto un’anticipazione ad Equitalia e per questo motivo è stata costretta, poi, ad inviare in anticipo le bollette Tares (per un totale di oltre un milione) ma cadendo in un errore.
In pratica il Comune ha dapprima inviato i bollettini di pagamento e poi ha emanato l’atto deliberativo inerenti ad essi. Percorso illegittimo, naturalmente. Non solo, dalla data di pubblicazione della delibera Tares (18 settembre) dovevano passare i canonici trenta giorni ed invece la prima rata scadeva il 30 settembre, appena dodici giorni dopo.
La questione è stata affrontata nell’ultima seduta del consiglio comunale durante la quale la maggioranza ha dovuto proporre un nuovo atto amministrativo (votato all’unanimità) con il quale vengono stabiliti i nuovi e definitivi criteri e modalità di pagamento della Tares. Le nuove disposizioni prevedono due rate comunali con scadenza al 30 ottobre e 30 novembre ed una terza, da versare allo Stato, in scadenza il 16 dicembre.
Il passo indietro dell’amministrazione, però, ha creato non pochi malumori e confusione tra i contribuenti. Intanto perché il Comune non ha provveduto a far sapere, attraverso il proprio sito istituzionale o altri organi di stampa, quanto accaduto e come dovrà comportarsi chi ha già pagato. Inoltre, nei prossimi giorni, Equitalia provvederà a inviare le nuove cartelle (quanto costerà e chi pagherà?) che, di certo, creeranno confusione soprattutto tra gli anziani.
Infine, vengono non sono piaciute neanche le date di scadenza (31 ottobre e 30 novembre) ritenute troppo ravvicinate. Insomma un bel pasticcio.

PUBBLICATO 30/09/2013





Ultime Notizie

LIBRI  |  LETTO 169  
“Lì, dove il mare è più blu”, il nuovo libro di Manuel Francesco Arena
Il giovane narratore Manuel Francesco Arena, in questo suo nuovo romanzo edito da Falco editore...
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 480  
“Il sole in classe” all’Ic Beato Greco
L’Istituto comprensivo “Beato F.M. Greco” ha partecipato a “Il Sole in Classe” di Anter....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 472  
Dimensionamento scolastico: scelta giusta per il sindacato scuola
Dopo circa tre mesi di discussione e confronto, che a volte ha assunto toni accesi, con diverse proposte avanzate da più parti, sembrerebbe che la vicenda relativa al piano di dimensionamento delle ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 587  
I Ragazzi dello Julia abbandonati dall'Amministrazione Comunale
Sono mesi che ad Acri si discute sul dimensionamento: proposte, proteste, progetti lasciati nel nulla, finiti in fumo, in una bolla di sapone. Proprio così, perché dopo tanto parlare e discutere (e ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 572  
Evitiamo il dimensionamento tra le scuole superiori Julia e Falcone
Non comprendo perché l'amministrazione comunale di Acri non abbia deliberato PER ACCORPARE le scuole superiori "Vincenzo Julia" e "Falcone" al fine di evitare un ulteriore dimensionamento. Attualmen ...
Leggi tutto