POLITICA Letto 4503  |    Stampa articolo

Comune inadempiente. La corte dei conti avvia l’iter per il dissesto finanziario. Entro meta’ novembre la manovra correttiva o sara’ dissesto

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Un’altra ammonizione, un altro cartellino giallo ma che questa volta potrebbe costare caro. Con la delibera n°71 dello scorso trentuno ottobre, la Corte dei Conti avvisa il comune: o si producono manovre correttive sufficienti e convincenti al fine di mettere a posto i conti o la stessa Corte sarà costretta dichiarare il dissesto finanziario dell’ente.
Un atto da scongiurare e che avrebbe gravi ripercussioni sia sotto l’aspetto politico, per gli attuali ed i precedenti amministratori, che economico, per l’intera comunità. L’analisi dell’organo di controllo, è impietosa e lascia poca speranza.
I richiami sono pesanti come macigni. In venti pagine la Corte è chiara ed avvisa l’ente per l’ultima volta: “sebbene i numerosi inviti il Comune si è dimostrato inadempiente nel comunicare nei tempi previsti le misure correttive”.
E aggiunge: “il Comune ha quindici giorni di tempo per la produzione di eventuali ulteriori controdeduzioni.”
L’amministrazione Tenuta, quindi, ha tempo fino a metà novembre per comunicare alla Corte quali azioni intende portare avanti per sanare le casse comunali dopo di che la stessa Corte, in virtù degli atti prodotti, deciderà se dichiarare o meno il dissesto finanziario che, come prevede la legge, porterebbe anche allo scioglimento del consiglio comunale oltre che all’arrivo di un commissario ad acta. Insomma una situazione drammatica che la città segue da vicino.
Dissesto significherebbe aumento delle aliquote delle tasse nei massimi consentiti, blocco dei pagamenti, elezioni anticipate.
Ipotesi che il sindaco Tenuta, che è anche commercialista, vuole assolutamente evitare e, difatti, sarebbe pronto a comunicare quanto richiesto dalla Corte.
Tutto, però, parte dallo scorso mese di maggio quando la Corte invita il comune a comunicare le misure che intende adottare per sistemare i conti entro sessanta giorni.
A causa anche delle elezioni comunali, dell’insediamento del nuovo consiglio e della questione legata alle incompatibilità di due consiglieri, il Comune fornisce gli atti solo a fine settembre, ovvero con due mesi di ritardo e per giunta con delle controdeduzioni, approvate in consiglio comunale dalla sola maggioranza, ritenute, però, carenti dalla Corte.
Anzi, in merito la Corte scrive che “l’ente non adotta alcuna misura correttiva e si limita ad esprimere genericamente le proprie intenzioni sulle azioni da avviare in futuro ed a confermare quanto già comunicato nel mese di luglio.”
Ma la Corte è ancora più specifica e rimprovera il Comune quando scrive che “le elezioni amministrative e le questioni di incompatibilità sono solo elementi invocati per giustificare la propria sostanziale inattività.
Insomma, secondo la Corte vi sono tutte le condizioni per dichiarare il dissesto finanziario ed ora quanto faranno sindaco, giunta ed uffici nei prossimi giorni rappresenta l’ultima chance per evitare una situazione che avrebbe ricadute gravi anche sull’immagine della città.
La cittadinanza segue da vicino l’evolversi della situazione, confida nelle capacità del sindaco Tenuta e degli uffici e vorrebbe fare a meno di trovare sotto l’albero di Natale il dissesto finanziario.

PUBBLICATO 06/11/2013





Ultime Notizie

Comunicato stampa  |  LETTO 264  
“Il sole in classe” all’Ic Beato Greco
L’Istituto comprensivo “Beato F.M. Greco” ha partecipato a “Il Sole in Classe” di Anter....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 230  
Dimensionamento scolastico: scelta giusta per il sindacato scuola
Dopo circa tre mesi di discussione e confronto, che a volte ha assunto toni accesi, con diverse proposte avanzate da più parti, sembrerebbe che la vicenda relativa al piano di dimensionamento delle ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 480  
I Ragazzi dello Julia abbandonati dall'Amministrazione Comunale
Sono mesi che ad Acri si discute sul dimensionamento: proposte, proteste, progetti lasciati nel nulla, finiti in fumo, in una bolla di sapone. Proprio così, perché dopo tanto parlare e discutere (e ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 479  
Evitiamo il dimensionamento tra le scuole superiori Julia e Falcone
Non comprendo perché l'amministrazione comunale di Acri non abbia deliberato PER ACCORPARE le scuole superiori "Vincenzo Julia" e "Falcone" al fine di evitare un ulteriore dimensionamento. Attualmen ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 610  
Ma quali risposte?
Per quanto triste, questa è oramai una realtà! Non è quindi una novità che qualcuno, commentando sui social, ancora oggi scriva stupidaggini e tenti (inutilmente) di far credere che avendo detto NO ...
Leggi tutto