POLITICA Letto 4633  |    Stampa articolo

PDL su dissesto. Tenuta faccia anche chiarezza sugli anni in cui ha governato

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
La concreta possibilità che il comune vada in dissesto finanziario, oltre a provocare ansia e paura tra la comunità, ha creato anche una serie di reazioni politiche.
Il Pdl stigmatizza l’atteggiamento del sindaco Tenuta al quale chiede responsabilità e chiarezza.
Il coordinatore locale, Rosario Chiapetta, scrive: “il primo, vero requisito che un buon politico deve saper manifestare è quello di saper gestire le situazioni quando queste prendono una piega negativa. Abbiamo più volte manifestato la nostra volontà nel collaborare con l’amministrazione per cercare di risolvere le difficoltà che sono sorte ma la risposta è stata tutt’altro che collaborativa.
Ci chiediamo, per esempio, come possano emergere in seno al consiglio comunale affermazioni come quelle di qualche consigliere di maggioranza che ha chiesto le dimissioni in blocco del collegio dei revisori dei conti. Si tratta di richieste pesanti, non giustificate, e soprattutto inopportune.
La documentazione dei revisori, infatti, è relativa a numerosi aspetti del rendiconto 2011, come cita anche la delibera della Corte dei Conti mentre gli attuali revisori sono stati nominati nell’ottobre del 2012. Quali sarebbero, pertanto, le motivazioni che porterebbero alle dimissioni? Quale il senso di tali parole, frutto, evidentemente, di scarsa conoscenza dei fatti?
Chi ci rappresenta in consiglio dovrebbe documentarsi accuratamente prima di rilasciare simili dichiarazioni. Amministrare una città, in special modo quando si tratta di territori come quello acrese, -
continua Chiappetta -, vuol dire molto più che formulare ipotesi così inconsistenti, significa, invece, lavorare strenuamente per il bene della comunità, evitando sterili polemiche e ricercando ogni possibile soluzione alle problematiche.
Né tantomeno soddisfa
– aggiunge Chiappetta la posizione del sindaco Tenuta in quanto alla luce di quanto riportato nella delibera della Corte le elezioni amministrative del 2013 e il contenzioso elettorale successivamente insorto, non hanno certamente impedito la soluzione delle problematiche evidenziate e non possono essere invocate per giustificare le annose carenze riscontrate.
Prima di puntare il dito contro chiunque,
- conclude Chiappetta -, la maggioranza farebbe bene a domandarsi se in queste annose carenze non debbano essere anche inclusi gli anni dal 2000 al 2005 della precedente amministrazione Tenuta”.

PUBBLICATO 20/11/2013





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 2809  
Ato eterna incompiuta e soldi bloccati nelle casse del comune di Cosenza
Dal mese di ottobre 2019 siamo in piena emergenza rifiuti a causa dei blocchi continui e delle limitazioni delle quantità massime dei conferimenti dei rifiuti indifferenziati negli impianti regional ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 903  
Parco Sila. I reati del 2019
Sono 11.000 i controlli effettuati in questo 2019 dal Reparto Carabinieri Parco Nazionale della Sila. La vasta area protetta (77.000 ettari circa), ha visto impegnati 38 militari, dislocati tra il R ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 542  
Le Sardine calabresi si organizzano
“Superare la frammentazione a sinistra e fare uno sforzo di convivenza per il bene comune”. Facile a dirsi complicato a farsi, ma questo è lo spirito del movimento delle Sardine ribadito ieri da Jas ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1685  
Uccise la badante, l'Appello conferma 24 anni
La vicenda risale al luglio 2016. Siamo in località Scuva, al di là del fiume Mucone. Una donna, N.T, 50enne, badante, di nazionalità bulgara, venne trovata uccisa poco fuori l’abitazione (nella fot ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1320  
Bes, benessere equo e sostenibilità 2030, Acri scelto per testare gli indicatori
Il comune di Acri, con Campi Bisenzio, Pesaro, Rho ed Unione dei Comuni Val di Comino, è stato scelto per testare gli indicatori del Bes, benessere equo e sostenibile, un indice sviluppato dall'Ista ...
Leggi tutto