POLITICA Letto 6652  |    Stampa articolo

Comune. Ecco tutti gli aumenti previsti

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Dopo l’approvazione del bilancio e l’istituzione delle nuove tariffe riguardo i servizi, cresce l’ansia e la preoccupazione tra i cittadini. L’amministrazione comunale è stata costretta ad approvare una manovra fatta di rincari e ridimensionamento dei servizi per evitare il dissesto finanziario. Sarà sufficiente a convincere la Corte dei Conti? In attesa della risposta dell’organo di controllo, i cittadini si fanno quattro conti e non è difficile prevedere un 2014 di aumenti che arrivano anche al 50%.
Tares. In questo settore il Comune ha deciso di applicare tariffe differenziate in base ai metri quadri della struttura e dei componenti che la occupano. L’incasso previsto è di oltre tre milioni. Una famiglia di quattro persone pagherà 2,82 euro per mq. Le superficie accessorie 0,81 euro per mq. Altri esempi: autorimesse e autosaloni 4,83 per mq, negozi 5,30 per mq, edicole, farmacie e tabacchi, 6,40, parrucchieri 3,30 per mq, meccanici e bar 5,40 per mq, ristoranti e pizzerie 5,94 per mq, supermercati 8,50 per mq.
Mensa scolastica: in questo settore vi sono entrate pari a 187mila euro a fronte di 236mila euro di spesa ma difficilmente il servizio sarà attivato. Le tariffe, però, sono rimaste invariate, ovvero sono quelle applicate lo scorso anno scolastico.
Trasporto scolastico: in questo ambito il Comune accusa le maggiori perdite. Le entrate ammontano a 166mila euro a fronte di 616mila euro di spesa e solo la ditta Acritrasport costa 450mila. Il Comune ha promesso di riordinare il settore. In caso di dissesto finanziario sarà l’utente a garantire la totale spesa, ciò vuol dire che anche questo sevizio è a rischio soppressione.
Servizio idrico: anche qui le cose non vanno meglio. L’evasione è corposa, attorno al 30%, ed anche per questo motivo che il Comune sta pensando a diverse fasce di pagamento.
Imu, ora Iuc. Le entrate previste sono pari a un milione e seicentomila. L’aliquota sulla prima casa è rimasta invariata, ma quella per la seconda passa dalla 7,6 per mille al 10,6 per mille, ovvero il massimo consentito.
Irpef: ritoccato anche la tassa sui dipendenti pubblici e statali che passa dallo 0,7% allo 0,8%.
A margine della relazione del sindaco Tenuta si è aperta una lunga discussione e si è visto un film già visto e che rivedremo. Reciproche accuse personali (che ai cittadini interessano poco o nulla), consiglieri che leggono il solito intervento scritto chissa da chi (e visto che è preconfezionato, cioè redatto prima del consiglio, spesso è fuori tema), consiglieri che fanno scena muta ma consumano litri e litri di acqua minerale, consiglieri che non si attengono all’ordine del giorno, consiglieri che intervengono a notte fonda per evitare brutte figure, consiglieri che fanno interventi banali, consiglieri cachielli e addirittura consiglieri bugiardi.
Il sig. Pietro Pettinato, infatti, ha affermato che il sottoscritto, insieme ad altre tre persone, ha fatto parte dello staff del sindaco della passata amministrazione. Falso. Si tratta di una clamorosa svista, dell’ennesima baggianata del sig. Pettinato, non nuovo a queste cose, reo, ancora una volta, di non essersi documentato e di aver azzardato ipotesi, forse anche perché tradito da qualche cattivo informatore.
Forse, quando proprio non si hanno argomenti seri e interessanti, sarebbe opportuno che i consiglieri non intervenissero per il solo scopo di mettersi in mostra e cercare visibilità.
Del resto, non è obbligatorio prendere la parola in consiglio comunale (infatti molti non lo fanno) e il gettone di retribuzione dipende dalla presenza e non giammai dal fatto se uno interviene o meno.
Per completezza di informazione ricordo al sig. Pettinato, che fa parte della maggioranza guidata da Tenuta, che il sottoscritto ha svolto il ruolo di addetto stampa solo dal 2003 al 2005 quando a guidare il comune vi era proprio Nicola Tenuta, il sindaco attuale, più volte bistrattato e denigrato dallo stesso Pettinato solo qualche anno fa attraverso volantini e comunicati stampa.

PUBBLICATO 04/12/2013





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 678  
Coronavirus in Calabria. I dati di sabato 4 aprile. Oltre diecimila tamponi, 49 decessi, + 8 positivi rispetto a ieri
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. In Calabria ad oggi sono stati effettuati 10.700 tamponi....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 146  
Silenzio in sala: la caduta della grande opera. Ispirato da “Il mondo salvato dai ragazzini” di Elsa Morante.
Eccolo! Il carrozzone! La Grande Opera! con le sue doppie quinte mobili e giranti. Eccolo!....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 365  
Crisi Sorical. Il Comune è in regola e pretende servizi ed investimenti
Come risaputo la Sorical è commissariata ed è guidata da Luigi Incarnato, nominato dalla giunta Oliverio....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 756  
Coronavirus in Calabria. I dati di venerdì 3 aprile. 9963 tamponi, 733 positivi, 45 decessi
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. In Calabria ad oggi sono stati effettuati 9963 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 733 (+42 rispetto a ieri), quelle negative sono ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1468  
Coronavirus nella provincia di Cosenza. Tutti i casi comune per comune. A San Lucido e Rogliano i numeri più alti
Di seguito pubblichiamo i casi di Coronavirus della provincia di Cosenza, comune per comune, esclusi i deceduti che sono in totale 12. Cosenza 6 ricoverati, 8 in isolamento domiciliare,
Leggi tutto