POLITICA Letto 3977  |    Stampa articolo

Dissesto. Le prossime tappe. Prima di natale il consiglio comunale

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Ed ora che ne saranno delle nostre fatture? Quale sarà il futuro della città? Quale sarà il ruolo degli attuali amministratori? Sono solo alcune delle domande all’indomani della certificazione del dissesto finanziario da parte della Corte dei Conti. Ieri la città ha vissuto la pagina più triste della sua lunga storia politica ed amministrativa ed imprenditori, semplici cittadini, professionisti, imprese, apparivano basiti per quanto accaduto. Quali ora le prossime tappe?
Prima di Natale (oggi è prevista la conferenza dei capigruppo per decidere la data) dovrà riunirsi il consiglio comunale che avrà il compito di ratificare le decisione della Corte. In caso contrario (ma la maggioranza non lo farà), la stessa Corte comunicherà al Prefetto l’inadempienza e quest’ultimo provvederà allo scioglimento dell’assise. Gli effetti del crack saranno devastanti: non ci saranno aiuti dal governo centrale, il comune non potrà contrarre mutui, per le tasse locali le aliquote verranno innalzate (è già stato fatto nei giorni scorsi) nella misura massima consentita.
Ma problemi potrebbero verificarsi anche per il personale visto che l’ente è obbligato a rideterminare la dotazione organica rispetto ai rapporti medi dipendenti-popolazione.
La lunga e dettagliata relazione della Corte è impietosa: l’organo evidenzia anomalie non solo negli anni passati ma anche in questi dieci mesi del 2013 e sottolinea come la manovra correttiva individuata dall’attuale amministrazione sia insufficiente e tardiva e che, comunque, non garantirebbe il risanamento. Insomma la Corte ne ha per gli attuali amministratori ma anche per quelli degli anni passati.
Tra qualche giorno sindaco e giunta saranno affiancati da una apposita commissione formata da tre membri che avrà il compito di gestire i debiti pregressi.
La scure del dissesto, a quanto pare, sta già creando non pochi disservizi: la mensa scolastica non è stata attivata, il settore dei trasporti rischia la paralisi e la pubblica illuminazione funziona a singhiozzo.
La procedura di risanamento sarà affidata ad un organo straordinario di liquidazione composto da una commissione di tre membri, nominati fra magistrati a riposo della Corte dei Conti, della magistratura ordinaria, del Consiglio di Stato, fra funzionari dotati di un'idonea esperienza nel campo finanziario e contabile in servizio o in quiescenza del Ministero dell'Interno, del Tesoro, del Bilancio, fra i segretari ed i ragionieri comunali e provinciali, fra gli iscritti nel registro dei revisori contabili.

PUBBLICATO 12/12/2013





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 929  
Report raccolta differenziata 2018. Acri al 65,4%
In provincia di Cosenza il quantitativo totale di rifiuti differenziati ha superato, nel 2018, quello che ancora è conferito nelle modalità tradizionali. Per la prima volta da quanto il Catasto re ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 783  
Movimento 24 agosto di Pino Aprile. Pronti ad aderire anche molti acresi
Il Movimento 24 Agosto equità territoriale, presentato a Cosenza lo scorso ottobre, pare stia attirando l’attenzione di molti acresi tra cui anche quella di qualche consigliere comunale.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1343  
Lavoratori Lsu e dimostrazione di buona politica
Il lavoro quotidiano e costante ha consentito di ottenere un grande risultato arrivato dopo 20 anni di precariato e promesse vane. L’Amministrazione comunale. a guida Partito Democratico ha dato, p ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 588  
Focus. Il presidente della Fondazione Padula illustra la dodicesima edizione del Premio
Cinque giorni di dibattito, riflessioni, mostre, proiezioni, interviste, da martedì 19 a sabato 23 presso il palazzo Falcone va in scena la dodicesima edizione del Premio Padula.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 631  
Museo del Risorgimento. A che punto è?
Giusto tre anni fa, ottobre 2016, l’Amministrazione Comunale di allora, guidata da...
Leggi tutto