POLITICA Letto 4092  |    Stampa articolo

Comune. L’opposizione propone la rinuncia alle indennita’ ma la maggioranza non ci sta

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Con il Comune in dissesto finanziario, sarà difficile che l’amministrazione Tenuta metta in atto l’ambizioso progetto amministrativo previsto nella campagna elettorale della scorsa primavera. La giunta, difatti, ha le mani legate non potendo chiedere presti e mutui e con l’arrivo dei commissari (previsto per fine mese) la situazione sarà ancora più difficile. Da più parti, allora, viene chiesto alla Giunta comunale di rassegnare le dimissioni.
Che senso ha restare in carica senza poter prendere decisioni? Una richiesta, però, provocatrice visto che Tenuta ha vinto le elezioni ed ha il diritto, ma anche il dovere, di governare, seppure si tratti di ordinaria amministrazione. L’altra richiesta, invece, è più plausibile. L’ha avanzata nel corso dell’ultimo consiglio comunale Pino Capalbo, capogruppo Pd, che ha invitato il sindaco ed i quattro assessori a rinunciare alla propria indennità.
Considerata la grave situazione in cui si trovano le casse comunali, ha detto Capalbo, sarebbe opportuno che gli amministratori diano un esempio e rinuncino alla propria indennità mensile da devolvere alle fasce meno abbienti o ai servizi sociali.”
La proposta, messa ai voti, naturalmente è stata bocciata dalla maggioranza, anche da chi sta chiedendo sacrifici economici ai cittadini e sta predicando la politica dei risparmi e dei tagli su servizi e prestazioni.
A proposito di tagli, lodevole è anche l’iniziativa del consigliere di maggioranza, Viteritti che ha proposto di devolvere il trenta per cento del gettone di presenza del consiglio comunale (circa dieci euro) alle associazioni di volontariato. Lo stesso esponente dell’amministrazione Tenuta, però, commette subito dopo una gaffe quando lancia l’idea secondo la quale anche i passati amministratori devono restituire il gettone di presenza.
Una proposta schock che ha creato forte imbarazzo tra la stessa maggioranza ed ha messo in difficoltà anche il sindaco Tenuta tanto che lo stesso Viteritti è stato costretto a fare subito dietrofront.
Venerdì, intanto, torna a riunirsi il consiglio comunale che dovrà occuparsi, tra l’altro, di ordine pubblico e centrale a biomassa. Due consigli in appena tre giorni. Non era il caso di fare un’unica seduta e risparmiare, così, sui gettoni di presenza?

PUBBLICATO 23/01/2014





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 517  
Tra ecologia ed economia. HortusAcri nelle scuole
HortusAcri prosegue il tour nelleScuole e Licei di Acri, e nella società, incontrando docenti, studenti,imprenditori e operatori economici, promuovendo il ciclo “Caffè d’Impresa”, segnalando, inoltr ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3587  
La Locanda del poeta: autentica azienda agrituristica nella Sila Greca di Acri
Ci vuole coraggio, molto coraggio per voler fare l’allevatore quando si dispone di più di 22 ettari di bosco ma poco più di un ettaro di terreno coltivabile, ad una altitudine media di 1.078 m s.l.m ...
Leggi tutto

SPETTACOLI  |  LETTO 1842  
Antonia Cofone al Talent show 'The Coach'
È sempre un piacere quando qualcuno, appartenente alla nostra realtà, emerge per particolari abilità. E’ il caso di Antonia Cofone, ballerina e allieva della Maestra Mariangela Bifano, che partecipa ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1066  
Regionali. Promesse, impegni, consensi e ringraziamenti. Ed ora?
Crediamo che ognuno di voi, soprattutto chi segue con attenzione le vicende politiche ed ama le statistiche, abbia fatto questo semplicissimo calcolo; alle ultime Regionali, su 8800 voti validi, ben ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 474  
Coronavirus. A rischio 4,5 miliardi di spesa turistica
A rinunciare alle vacanze nel Belpaese potrebbero essere poco meno di 5 milioni di turisti.Quattro le regioni più minacciate dalla decrescita: Veneto, Toscana, Lazio e Lombardia.La proposta-provocaz ...
Leggi tutto