POLITICA Letto 3235  |    Stampa articolo

Tenuta. “Saro’ piu commissario che sindaco”. Si punta al fondo di rotazione

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Nei prossimi mesi sarò più commissario che sindaco.” L’affermazione del primo cittadino Tenuta non si lascia andare a molte interpretazioni. Tenuta l’ha detta nel corso dell’ultimo consiglio comunale, quello in cui è stato approvato il Piano di rientro finanziario.
In sostanza Tenuta, alla guida della città da poco più di un anno, è stato chiaro e preciso per fugare dubbi e perplessità ma soprattutto per dire alla città come stanno realmente le cose. “La situazione economica dell’Ente – ha detto tra l’altro – ci costringe ad effettuare molti sacrifici ma soprattutto a ridimensionare il programma elettorale.
Il Piano sarà articolato in otto anni e prevede tagli e risparmi a cui non possiamo sottrarci se vogliamo risanare l’Ente
.” Tenuta, quindi, è stato molto chiaro; gli acresi sono attesi da anni difficili in cui sarà impossibile pensare alla crescita se non intercettando i fondi europei.
Il problema, seppure molto grave, è stato sottovalutato o affrontato con superficialità”, ha detto ancora Tenutae dispiace che la mia amministrazione ne faccia le spese. Punteremo sulla riscossione dei tributi, sulle nuove entrate riguardo Iuc e Tasi, sulla rivisitazione degli estimi catastali, sulla vendita di immobili che non servono e sulla vendita di boschi.”
Il Piano, redatto grazie anche alla collaborazione gratuita di alcuni docenti dell’Unical, prevede il totale risanamento dell’Ente in otto anni ma una boccata di ossigeno potrebbe arrivare dal cosiddetto Fondo di rotazione statale per assicurare la stabilità degli enti locali. Esso prevede, per i Comuni in difficoltà, fondi da un minimo di 100,00 euro ad abitante ad un massimo di 300,00 euro.
L’amministrazione Tenuta si è già attivata richiedendo il minimo sicchè il Comune, da qui a breve, potrebbe ottenere poco meno di tre milioni. Quello che più preoccupa è il disavanzo di amministrazione che è pari a dodici milioni, di cui otto di debiti di fuori bilancio e quattro di tributi non più esigibili.
A ciò bisogna aggiungere altri otto milioni per debiti contratti con imprese, fornitori e professionisti. Insomma un quadro non certo sereno e rassicurante che penalizza l’intera città ma anche l’amministrazione Tenuta che non aveva certo immaginato di governare l’ordinario e fare a meno di progetti ambiziosi.
Il Piano, infine, ha avuto anche una valenza politica di non poco conto visto che non è stato votato né dal Pd né da un consigliere di maggioranza.

fonte Il Garantista

PUBBLICATO 11/08/2014





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 374  
Report raccolta differenziata 2018. Acri al 65,4%
In provincia di Cosenza il quantitativo totale di rifiuti differenziati ha superato, nel 2018, quello che ancora è conferito nelle modalità tradizionali. Per la prima volta da quanto il Catasto re ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 334  
Movimento 24 agosto di Pino Aprile. Pronti ad aderire anche molti acresi
Il Movimento 24 Agosto equità territoriale, presentato a Cosenza lo scorso ottobre, pare stia attirando l’attenzione di molti acresi tra cui anche quella di qualche consigliere comunale.
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 442  
Lavoratori Lsu e dimostrazione di buona politica
Il lavoro quotidiano e costante ha consentito di ottenere un grande risultato arrivato dopo 20 anni di precariato e promesse vane. L’Amministrazione comunale. a guida Partito Democratico ha dato, p ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 307  
Focus. Il presidente della Fondazione Padula illustra la dodicesima edizione del Premio
Cinque giorni di dibattito, riflessioni, mostre, proiezioni, interviste, da martedì 19 a sabato 23 presso il palazzo Falcone va in scena la dodicesima edizione del Premio Padula.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 390  
Museo del Risorgimento. A che punto è?
Giusto tre anni fa, ottobre 2016, l’Amministrazione Comunale di allora, guidata da...
Leggi tutto