POLITICA Letto 3433  |    Stampa articolo

Estate 2014. Calo delle presenze nonostante le tante risorse

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Trascorso il Ferragosto, si può tracciare un primo bilancio. Almeno quello riguardo le presenze in città. I dati dicono che vi è stato un netto calo di turisti ed emigranti. Lo dicono anche i diretti interessati, commercianti e ristoratori, in primis.
La città, evidentemente, non attira. Non solo le persone a cui ha dato i natali ma anche chi risiede nei paesi limitrofi e men che meno i turisti. Eppure la città occupa una posizione geografica invidiabile, sita a pochi chilometri dalla Sila Grande e dal mar Ionio, immersa tra castagneti, pini e abeti, caratterizzata da aria salubre e temperature rigeneranti e da un’ottima enogastronomia.
Cosa c’è che non va? Chi ha governato in passato, ma anche chi lo sta facendo adesso, non è stato in grado di redigere un piano turistico e di inserire Acri nei grandi circuiti.
Eppure le tradizioni, le bellezze paesaggistiche, le strutture ricettive ed il patrimonio storico-culturale non mancano. Ogni anno che passa, però, la città registra un pauroso calo di presenze. Sono, oramai, lontani gli anni in cui, soprattutto nel mese di agosto, tornavano in città famiglie al completo, spesso anche con amici al seguito, originari di Acri ma residenti al centro-nord o all’estero.
In tantissimi hanno preferito non tornare nel proprio paese natio sia per le onerose spese di viaggio sia per l’assenza di affetti che per mancanza di attrattive. Anche gli studenti hanno scelto altre mete. E come dargli torto?
Pochi e di scarsa qualità gli spettacoli, musei per nulla segnalati sulle grandi riviste specializzate, così come i percorsi turistici culturali e naturalistici, sicchè il risultato negativo era ampiamente prevedibile. Solo a ridosso di Ferragosto la città è stata leggermente movimentata ma solo da gente di passaggio.
Toccata e fuga, nulla più e ciò ha influito, e non poco, anche sull’economia dell’intera città. Anche la mancanza di eventi di una certa importanza e l’approssimazione con la quale il Comune ha programmato e gestito i pochi in programma (molti annullati all’ultimo momento e senza pre avviso) hanno contribuito al calo di presenze. C’è di più.
Dopo undici anni l’anfiteatro è rimasto chiuso. La struttura, capace di contenere cinquemila persone, sin dal 2003, proprio con Tenuta sindaco, era stata polo di attrazione per tutti i calabresi grazie a spettacoli molto partecipati che hanno fatto conoscere la città in tutta la regione.
Occorre subito un’inversione di rotta al fine di evitare che Acri diventi un dormitorio, una sorta di città fantasma popolata sempre più da soli anziani e pensionati.

PUBBLICATO 23/08/2014





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 870  
I fatti della settimana. Le nuove mete degli acresi, le potenzialità non sfruttate, la mancanza di consapevolezza
Mercoledì scorso, presso il caffè letterario, si è parlato di turismo grazie ad un’iniziativa organizzata da Acri in Rete in cui è stato presentato il nuovo libro di Raffaele Rio,
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 604  
Là Mucone, sportello ATM: c'è il sostegno di Orlandino Greco
Trasformare gli impegni presi in atti reali, cercare di eliminare i disagi per dare servizi utili al territorio, significa migliorare la qualità della vita dei cittadini.
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1333  
Roma. La protesta sull’emergenza cinghiali. C’è anche Acri
Questa mattina centinaia di amministratori, in rappresentanza di molti comuni italiani, agricoltori, allevatori ed imprenditori si sono ritrovati a Roma, davanti a Montecitorio per sensibilizzare il ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1122  
La serietà dell’azienda non è in discussione
Nei giorni scorsi ritenemmo opportuno dare risalto ad una vicenda, accaduta a Cosenza....
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 537  
Libri. “Ritorno al turismo”, mercoledì la presentazione
E’ in programma mercoledì 6 novembre alle 18 presso il caffè letterario, la presentazione del libro di Raffaele Rio, “Ritorno al turismo”, edito da Rubettino.
Leggi tutto