POLITICA Letto 4131  |    Stampa articolo

Oliverio si impegna per la Acri-Cosenza e per la Sibari-Sila

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
"Se diventerò presidente della Regione, mi impegnerò per portare a compimento la Acri-Cosenza e la Sibari-Sila.” Mario Oliverio, candidato alle Primarie del centro sinistra, infiamma la platea accorsa al palazzo Falcone in occasione del suo tour elettorale.
E quando si rivolge agli intervenuti, lo fa con commozione e gratificazione: “questa città mi ha sempre sostenuto con larghi consensi in ogni mia competizione elettorale, qui ho forti legami di amicizia e di stima, anche per questo, durante i dieci anni in cui sono stato presidente della Provincia, ho cercato di catalizzare più fondi possibili per fare uscire la città dall’isolamento. Al momento – ha aggiunto – la città è l’unica sopra i quindicimila abitanti che ancora non ha una rete viaria decente verso le aree più sviluppate. Nel 2007 la Provincia e la Regione hanno finanziato i primi lotti della Acri-Cosenza e della Sibari-sila, due arterie fondamentali per lo sviluppo del territorio ed ora occorre impegnarsi perché queste due opere strategiche siano terminate.”
Poi si toglie qualche sassolino: “gli appalti della Sibari-Sila sono stati effettuati alla luce del sole, chi sa qualcosa di illecito si rivolga alla magistratura.” La sala è piena e non mancano ex amministratori come Zanfino e Cristofaro.
Accanto ad Oliverio ci sono i consiglieri provinciali Fusaro, Zanfini e Giudiceandrea, il segretario Pd, Le Pera, ed il capogruppo consiliare locale, Capalbo.
Acri è sempre stata una città politicamente attenta e che ha contribuito fattivamente ai vari processi, sono certo che anche in questa fase cruciale non farà mancare il proprio apporto verso chi si è messo in campo per vincere una battaglia dura ma non impossibile. E’ il momento di una rivoluzione culturale ed economica visto che la Calabria è all’ultimo posto in tutti i settori, ha speso solo il 16% dei fondi europei 2007/2013 ed è commissariata nei settori più importanti come sanità, ambiente e rifiuti.”
In sala viene distribuita “dieci anni di fatti in poche parole”, ovvero la brochure di cento pagine che racchiude quanto realizzato alla guida della Provincia. “Abbiamo investito 500 milioni, di cui solo 80 strappati con le unghie alla Regione che in questi ultimi quattro anni si è dimostrata sorda ed insensibile. Abbiamo dato lavoro ad imprese e professionisti e risolto molte criticità.”
Poi una stoccata: “non avrò bisogno di tutor e tutele per governare, ho la giusta esperienza.” Ed infine porte chiuse all’Udc: “il Pd si presenta come alternativa al centro destra, quindi nessun accordo con chi ha governato la regione e condanno senza mezzi termini quanto accaduto a Vibo dove una parte del Pd ha stretto alleanze con Salerno, un esponente politico vicino a Scopelliti.




PUBBLICATO 18/09/2014





Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 150  
Il punto sulla Promozione. Il Belvedere allunga, l’Acri delude
Terza giornata di ritorno. Il Belvedere allunga grazie alla vittoria ed alle concomitanze...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 493  
Focus. Verso le regionali con il prof. Walter Nocito
Legge regionale, soglie di sbarramento, candidature, sondaggi, questioni da affrontare per il neo governatore, rischio astensionismo. Ne abbiamo parlato con Walter Nocitò docente di istituzioni di ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 658  
La Notte dei Licei al classico Julia. E venerdì prossimo si replica allo scientifico
Non c’erano dubbi sulla riuscita dell’evento! La Notte Nazionale del Liceo Classico ha registrato un numero di visitatori oltre le aspettative. Genitori, bambini, studenti, cittadini hanno partecipa ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 1328  
Focus. Autismo, associazione e progetti
Abbiamo incontrato Simona Ceccotti e Carmine Guido, rispettivamente presidente e vice presidente della associazione Agape' formata da famiglie con soggetti autistici. Con loro abbiamo parlato di co ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 859  
Biblioteca Frati Cappuccini. Dalla regione arrivano 100 mila euro
Grazie ad un emendamento del consigliere regionale, Giuseppe Aieta, il decreto sulla legge di stabilità prevede fondi anche per la città di Acri. Si tratta, in particolare, di 100 mila euro da dest ...
Leggi tutto