POLITICA Letto 4807  |    Stampa articolo

Comune, arriva la Tasi

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Con una nota informativa apparsa sul sito istituzionale, il Comune informa che “da quest’anno entra in vigore il tributo per i servizi indivisibili (Tasi), una delle componenti della Iuc”.
L’imposta è dovuta “da chiunque possiede o detiene a qualsiasi titolo fabbricati (compresa l’abitazione principale e le relative pertinenze) e aree fabbricabili, mentre non è dovuta sui terreni agricoli. Se l’immobile è posseduto o detenuto da più soggetti, essi sono obbligati in solido all’adempimento dell’obbligazione tributaria”.
Nel caso in cui l’unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto di proprietà o usufrutto, l’imposta è dovuta nella misura del 30% dall’occupante, mentre il 70% viene versato dal titolare del diritto reale (proprietario o usufruttuario).
Il regolamento di riferimento è stato approvato dal consiglio comunale nello scorso mese di luglio.
La Tasi non deve essere versata sui terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina, sui terreni classificati o classificabili nelle Categorie da E/1 a E/9, sui fabbricati con destinazione ad usi culturali; sui fabbricati di proprietà della Santa Sede indicati nel Trattato Lateranense e quelli destinati esclusivamente all’esercizio di culto e relative pertinenze, sui fabbricati appartenenti agli Stati Esteri ed alle organizzazioni internazionali, sui fabbricati utilizzati destinati allo svolgimento con modalità non commerciali di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, di ricerca scientifica, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive.
La Tasi deve essere versata in due rate: versando il 50% del dovuto in acconto entro il 16 ottobre e il saldo entro il 16 dicembre oppure in unica soluzione il 16 dicembre.
La base imponibile utilizzata per il calcola della Tasi è la stessa prevista per l’Imu, quindi il valore imponibile dei fabbricati è pari alla rendita risultante il catasto e vigente dall’01 gennaio dell’anno di imposizione rivalutata del 5%; alla rendita rivalutata viene poi applicato il moltiplicatore previsto per la categoria catastale dell’immobile. Il Comune non invierà cartelle e ognuno dovrà procedere per proprio conto al calcolo.


- NOTA INFORMATIVA PAGAMENTO TASI 2014
- DELIBERA DI CONSIGLIO N.33 DEL 25.07.2014

PUBBLICATO 23/09/2014





Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 1983  
Consiglio comunale. Feraudo contro Gencarelli, la Prefettura risponde
“La Prefettura ha riscontrato il mio esposto contro il Presidente del Consiglio comunale. Ritengo tale intervento di particolare importanza e utile al fine di finalmente affermare nel consiglio comu ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 830  
Coronavirus in Calabria. I dati di lunedì 23 marzo. 292 positivi (+19)
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. Sono stati effettuati 3144 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 292 (+19 rispetto a ieri), quelle negative sono 2852. I casi positivi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1321  
Coronavirus. Ecco i punti di controllo per entrare in Calabria
Folla alla stazione ferroviaria di Paola, snodo importante per la provincia di Cosenza. I passeggeri sono stati tutti identificati, solo alcuni avevano l’autocertificazione compilata per comprovati ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1934  
Coronavirus. Nuova ordinanza del sindaco. Città blindata
Richiamate le ordinanze del presidente della regione Calabria e del Ministero della salute....
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1690  
La diffusione del Covid 19 in Italia: cronaca di un'epidemia
Non sono un medico, né tantomeno un virologo o un epidemiologo, né un esperto manager sanitario, per quanto in gioventù abbia anche avuto modo di occuparmi per alcuni anni di sanità pubblica, in qua ...
Leggi tutto