POLITICA Letto 2523  |    Stampa articolo

Il Consiglio Comunale approva gli equilibri di bilancio

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Con undici voti a favore e tre contrari, il consiglio comunale, nella seduta di lunedì scorso, ha approvato gli equilibri di bilancio. La riunione, iniziata alle ore 17:30, è andata avanti fino alle tre di notte.
Secondo le direttive di legge, accanto agli equilibri di bilancio, va fatta una ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi.
L’inizio della discussione, che si è poi conclusa con il voto, ha visto quindi alternarsi tutti gli assessori, le cui relazioni hanno fatto il punto sull’attività dell’esecutivo guidato dal sindaco Nicola Tenuta.
Quest’ultimo è anche assessore al Bilancio. In questa veste è da tempo impegnato in una polemica con uno dei revisori dei conti, che anche in occasione degli equilibri non ha lesinato critiche all’esecutivo. Tenuta ha ripetuto che i conti e l’attività di giunta risentono inevitabilmente e pesantemente dalla grande sofferenza dei conti dell’ente, in attesa che la Corte dei Conti si pronunci sulla richiesta di adesione al piano di riequilibrio finanziario pluriennale, già approvato dal consiglio comunale.
In ogni caso, per il primo cittadino, se il piano dovesse essere approvato, con le dovute cautele, il risanamento si potrebbe già definire ben incamminato.
Sulla stessa linea un po’ tutta la maggioranza. Dai banchi delle opposizioni sono invece arrivate critiche durissime all’indirizzo della giunta, accusata di utilizzare dissesto e predissesto come pretesto per “dimostrare la propria incapacità”.
In quasi tutti gli interventi dei consiglieri ha fatto capolino la questione dei trasporti scolastici, con polemiche che si sono trascinate fino alla gara andata deserta per mancanza di offerte.
Alla fine si è convenuto di convocare al più presto una commissione ad hoc, che possa concludersi con una soluzione condivisa e che possa salvaguardare quantomeno i dodici lavoratori ex Lsu-Lpu, licenziati da Acritrasport, insieme ad altri dodici alla fine dello scorso giugno.
I lavoratori interessati lunedì erano presenti nella sala consiliare del Palazzo Sanseverino-Falcone.
Sono passati anche i punti sulla “rettifica catastale su un reliquato di terreno adiacente al fabbricato di Via Volturno, della signora Ritacco Silvana”, e “piano di lottizzazione in Acri alla località Ronzo, richiesta di delocalizzazione dei parcheggi”.
Nel primo caso il provvedimento non è stato votato dalle opposizioni, nel secondo invece si è registrato il voto contrario del consigliere di maggioranza Pietro Pettinato.

PUBBLICATO 01/10/2014





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1104  
Acri verso il Plastic Free
Il Sindaco e L’Amministrazione comunale da tempo lavorano nella direzione di sensibilizzare sul delicato tema dell'ambiente. Acri, ricordiamo, è stata la prima città in Italia a dichiarare l’emergen ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 981  
Le solite contraddizioni dell’amministrazione comunale
A seguito delle ultime vicende che hanno interessato la nostra comunità, abbiamo deciso di intervenire nuovamente nel dibattito politico in corso per condividere con la cittadinanza quelle che sono ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1052  
Acresi che non siamo altro
Quello che non manca a noi acresi è certamente l’originalità.Forse per questo, a volte....
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 464  
HortusAcri. Collaborazione con gli istituti scolastici per educare all'ambiente
Sono piccoli ma cresceranno! L’anno scolastico è partito da alcune settimane e Hortus Acri ha avviato il secondo anno di collaborazione con le scuole del territorio di Acri.
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 563  
I gravi ritardi e disagi su La Mucone
Una politica più incisiva e meno chiacchierona è quello di cui ha bisogno Acri....
Leggi tutto