POLITICA Letto 3256  |    Stampa articolo

Alleanza con l'UDC, mal di pancia nel PD

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Nei ritmi impazziti di un quadro politico che si misura sul metro delle ore piuttosto che dei giorni, non c’è tempo per una riflessione seria che coinvolga la platea di iscritti e simpatizzanti di un progetto o di un partito.
In attesa di comprendere l’evoluzione delle alleanze in vista delle Regionali di novembre archiviate le Primarie, quelli del Pd hanno appreso della eventualità, tutt’altro che remota, di un’alleanza con l’Udc.
Da queste parti Udc significa Gino e Michele Trematerra e un partito da sempre alternativo, a qualsiasi livello, nelle competizioni elettorali e nei progetti di governo.
Se poi ci mettiamo anche Mario Oliverio, sembra di continuare a rivivere un passato che non passa.
Sono ancora piuttosto vivide le polemiche che hanno messo l’uno contro gli altri, solo per fare un esempio, sui tracciati di SS60 e Sibari-Sila.
In quest’ultimo caso, addirittura l’accusa al Pd di aver voluto veicolare parte dei finanziamenti verso San Demetrio Corone, solo per fare un favore a Cesare Marini.
Trematerra e Oliverio, che per anni se le sono date di santa ragione, potrebbero convivere sotto lo stesso tetto: per quelli del Pd un boccone troppo amaro da mandar giù sull’altare della realpolitik.
“Che necessità c’è di imbarcare lo scudocrociato, quando ormai, anche per le difficoltà degli avversari, la meta della Regione sembra a portata di mano?”.
Questo autentico mantra nei giorni era l’ossessione nei capannelli di interdetti iscritti e simpatizzanti, in piazza come al bar, che magari hanno sostenuto Oliverio alle Primarie e ora devono subire pure gli sfottò di chi alle Primarie ha votato per Callipo.
Insomma, con un orecchio a Roma e uno Catanzaro, la speranza era che alla fine non ci si dovesse turare il naso e votare uno dei protagonisti principali della recente esperienza di governo regionale, ritenuta dal Pd, senza perifrasi, un autentico fallimento.
Eppure in passato, soprattutto a livello locale, non sono mancati gli abboccamenti.
Come quando sul finire dell’esperienza del centrosinistra al Comune, si tennero degli incontri per comprendere la possibilità di un percorso insieme, ma fu subito chiaro che si trattava di scaramucce, solo per dare un’impressione.
Sarebbe stato un capolavoro di retorica persuadere entrambi gli elettorali che da quel momento gli avversari di sempre sarebbero stati gli alleati migliori.
Insomma, continuare a parlar male del futuro alleato in consiglio comunale e presentarlo come affidabile nelle segreterie politiche sarebbe stato troppo. Non se ne fece nulla e, del resto era prevedibile.
Ora come allora ci sono troppe incrostazioni e i protagonisti sono gli stessi delle dure contrapposizioni degli ultimi anni.
Forse, dopo una necessaria decantazione e una rinnovata classe dirigente, in futuro qualche prospettiva potrà pure essere costruita, ma oggi appare difficile che i rispettivi elettorati possano comprendere.

PUBBLICATO 12/10/2014





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 16  
Regionali 2020. In città vince il centro destra
Terminiamo il nostro racconto sul voto regionale con quest’ ultimo scritto. Nei giorni scorsi...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 970  
Parco nazionale della Sila. Nominato il nuovo direttore
Nei giorni scorsi si è insediato il nuovo Direttore Domenico Cerminara, responsabile del Servizio Pianificazione, Programmazione, Tutela e Sviluppo dell’Ente Parco. Prende il posto di Giuseppe Luzzi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 505  
Enel produzione. Rischio sottodimensionamento. Giovedì sciopero
Anche gli operai di Enel produzione, quelli di via Pastrengo per intenderci, parteciperanno allo sciopero di giovedì prossimo. “La vertenza Enel Green Power dell'unità territoriale di Acri non tro ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 603  
Regionali 2020. I dieci candidati più votati nell’intera regione. Vince Irto
Tra i migliori dieci candidati ben otto sono del centro destra. Il primato spetta a Irto (Pd, nella foto), ex presidente del consiglio regionale, con 12568 voti a seguire Gallo (Fi) 12053 quindi Esp ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1342  
Complimenti vivissimi
Che strana gente siamo noi del Sud! Per carità, abbiamo molte virtù di cui andare fieri. Siamo orgogliosi (in particolare delle nostre origini), capaci, generosi, laboriosi, accoglienti.
Leggi tutto