POLITICA Letto 3806  |    Stampa articolo

Regionali. Udc. Dal walzer al lento (con Oliverio)

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
L’Udc, quindi, ha deciso. Con Ncd, ed a sostegno di Nico d’Ascola, tenterà di conquistare palazzo Alemanni. Un paio di considerazioni: dopo un giro di walzer, i centristi di Cesa hanno deciso di allearsi con Ncd del trio Quagliarello-Alfano-Gentile. Un accordo non facile e giunto dopo settimane di intense trattative. L’Udc ha dapprima cercato di allearsi con il Pd, provocando l’ira di iscritti, dirigenti e militanti democratici, poi si è rivolto a Fi ma la cosa non è andata in porto ed infine ha deciso di accordarsi con Ncd, ovvero Gentile, che i dirigenti centristi avevano sempre voluto evitare. Ed il futuro?
I maligni sono certi che l’Udc, una volta terminate le elezioni e se presenti in consiglio regionale, daranno una mano ad Oliverio, probabile Governatore della Calabria. Dal walzer al lento con Palla Palla, quindi, spesso criticato, bistrattato e mortificato da iscritti, dirigenti e militanti, soprattutto a livello locale. L’altro giorno il cosiddetto terzo polo ha aperto la campagna elettorale a Reggio Calabria. Un terzo polo, dunque, nato più per caso che per progetto, più per rifiuto altrui che per identità politica. Accanto a D’Ascola, noto ed apprezzato avvocato e persona per bene, c’erano Gaetano Quagliariello e Lorenzo Cesa. Il progetto di massima del Terzo Polo, secondo gli esperti, prevede in futuro un abbraccio governativo con il Pd. E ciò verrebbe confermato anche dalle prese di posizioni di Ncd e Udc che, all’indomani della presentazione delle liste, non hanno ritenuto opportuno “sparlare” del Pd  e delle sue liste. L’obiettivo unico e disperato è quello di  allearsi più tardi con il Pd.
In che modo si vedrà, le idee e gli escamotage non mancano. Insomma Udc e Ncd, non sono entrati dalla porta principale ma lo faranno da quella secondaria, con buona pace di iscritti e dirigenti locali che hanno sempre odiato, e continuano a farlo, Mario Oliverio. Meglio così, del resto sarebbe stato difficile spiegare, in campagna elettorale, ad iscritti e dirigenti, un accordo con il Pd (che l’Udc ha contributo a fare perdere alle elezioni comunali del 2013, votando Tenuta) o peggio ancora con Fi dei vari Chiappetta, Orsomarso e Occhiuto.
Il problema, semmai, è se Ncd e Udc supereranno l'8% (il 4% di lista) per entrare in consiglio ma, a quanto pare, il terzo Polo, in caso di mancato raggiungimento del quorum, sarà ugualmente accontentato da Oliverio.
Basta avere solo un po’ di pazienza mentre iscritti e dirigenti dovranno subire scelte sempre ostinate e criticate in passato.




Fonte Il Garantista

PUBBLICATO 29/10/2014





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 659  
Morte Fusaro. Assolto Micalizzi
In relazione all’articolo apparso sulla Vs. testata giornalistica on line in data 25 Marzo 2019, per mezzo del quale....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1561  
Vigili Urbani. Ecco il bando di Concorso. Scadenza domande il 19 dicembre
Il Comune di Acri rende noto che è indetto concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di 2 (due) posti, a tempo pieno e indeterminato di Istruttore - Agente di Polizia Locale - categoria C. ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 556  
Regionali. Ufficiale si vota il 26 gennaio
Qualche ora fa il presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, ha annunciato che a breve firmerà...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1840  
La vicenda di Grazia, parla Vincenzo Catanzariti
Ricordate la vicenda di Grazia Tripargoletti, la donna che per arrivare sul posto di lavoro (motorizzazione civile di Cosenza) in modo puntuale è costretta a dormire su una panchina e di cui si è oc ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 988  
Calabria Verde, stabilizzati 203 lavoratori LSU-LPU
L’Azienda Calabria Verde ha concluso il processo di stabilizzazione dei 203 dipendenti, facenti parte degli ex Lsu/Lpu, che nel mese di aprile 2016 erano transitati in Calabria Verde provenienti dal ...
Leggi tutto