POLITICA Letto 3446  |    Stampa articolo

Alternativa Popolare si presenta e Cesa elogia Michele Trematerra

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Poche le sedie vuote in una pur ampia sala Falcone. Buona la prima di Alleanza Popolare Calabrese, ovvero Udc e Ncd assieme per tentare di conquistare palazzo Campanella. Si tratta della prima iniziativa pubblica e per questo vi era molta curiosità. Si parte da Acri, città dei Trematerra.
Molto Udc e poco Ncd,  però. C’è il segretario nazionale Udc, Lorenzo Cesa, il segretario regionale, Gino Trematerra ed il candidato capolista, Michele Trematerra, assessore regionale uscente.
Assenti i fratelli Gentile, c’è, invece, Nico d’Ascola, senatore Ncd e aspirante governatore. Ai presenti, molti provenienti dalla provincia, viene consegnata una brochure, ovvero un resoconto di quanto realizzato dal 2010 al 2014 dall’assessorato guidato da Michele Trematerra. In sala ci sono molti candidati, dirigenti di partito ma soprattutto uomini e donne, fedelissimi e fidati, piazzati nei posti strategici della regione e che ora, però, devono darne conto in termini di voti.
Trematerra (Michele) chiede un voto per continuare il suo ottimo lavoro intrapreso nel 2014 e dice: “dal 7% di capacità di spesa del 2010, la Calabria è arrivata al 70% in meno di quattro anni, diventando una delle più virtuose fra le regioni a obiettivo convergenza, e per molti versi alla pari di molte regioni a obiettivo competitività. Alternativa Popolare non vuole essere il terzo polo, bensì la prima a rompere con il sistema e a dimostrare d’essere scevra da ragionamenti di puro interesse personale, perché costituita da gente seria, responsabile e dalla schiena dritta, che ha voglia di battersi per l’equità sociale e perché i diritti siano garantiti a tutti e nella stessa maniera. Vogliamo mandare un segnale preciso al sistema politico e cioè che noi ci siamo e siamo pronti a darci da fare per far crescere il nostro Paese investendo sulla cultura, sulla ricerca e sull’innovazione.”
Cesa lo elogia e annuncia: “siamo certi che Michele continuerà a rappresentarci a livello istituzionale in caso contrario il partito avrà bisogno di lui.” Poi spiega: “occorre rifondare un grande partito di centro, moderato e cattolico.”
Gli fa eco D’Ascola: “Alternativa Popolare non vuole essere una sigla ma una vera e propria forza politica e la Calabria sarà laboratorio principale di questo esperimento da estendere a tutta la Nazione.” Chi si aspetta che l’aspirante governatore parli delle tante questioni calabre, resta deluso perché D’Ascola, forte del suo ruolo di senatore, parla di problemi di carattere nazionale e di matrimoni tra gay.
Quindi le stillettate a Fi: “un partito sempre più a destra, ci ha rifiutato, decidendo così di perdere le elezioni e la Ferro è stata lasciata sola ed allo sbando.”
Infine: “vogliamo essere un partito attento ai più deboli e per il ceto medio che ha fatto la storia d’Italia.” E’ la sera di Hallowen e Alternativa Popolare cerca di allontanare le streghe, ovvero il rischio di non raggiungere l’8%.








PUBBLICATO 02/11/2014





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 362  
Regionali. Ufficiale si vota il 26 gennaio
Qualche ora fa il presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, ha annunciato che a breve firmerà...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1568  
La vicenda di Grazia, parla Vincenzo Catanzariti
Ricordate la vicenda di Grazia Tripargoletti, la donna che per arrivare sul posto di lavoro (motorizzazione civile di Cosenza) in modo puntuale è costretta a dormire su una panchina e di cui si è oc ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 735  
Calabria Verde, stabilizzati 203 lavoratori LSU-LPU
L’Azienda Calabria Verde ha concluso il processo di stabilizzazione dei 203 dipendenti, facenti parte degli ex Lsu/Lpu, che nel mese di aprile 2016 erano transitati in Calabria Verde provenienti dal ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 259  
Frane e alluvioni. Il nuovo rapporto Ispra. Il 100% dei Comuni calabresi è a rischio
L’edizione 2018 del Rapporto sul dissesto idrogeologico in Italia, pubblicato dall’Ispra....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 541  
Report raccolta differenziata 2018. Acri al 65,4%
In provincia di Cosenza il quantitativo totale di rifiuti differenziati ha superato, nel 2018, quello che ancora è conferito nelle modalità tradizionali. Per la prima volta da quanto il Catasto re ...
Leggi tutto