POLITICA Letto 4749  |    Stampa articolo

I Trematerra e il calcio del mulo

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Le vicissitudini che stanno accompagnando un'atipica campagna elettorale per l'elezione di presidente e consiglio regionali, portano a compimento un rituale tipico della fine di un ciclo politico.
Si assiste allo stucchevole spettacolo del calcio del mulo, con mezze tacche pronte ad attuare l'ennesima trasformazione, ammainando bandiere e issandone altre. Magari le stesse sulle quali fino al giorno prima avevano rovesciato contumelie e frasi impronunciabili.
I Trematerra, Gino prima e Gino e Michele poi, per vent'anni hanno rappresentato l'immagine del potere.
Le loro anticamere sono state popolate da nani e ballerine, pronti, con la medesima disinvoltura, a difendere il potente al suo apogeo e gettarlo nel fango nel momento di massima difficoltà.
Ad Acri di queste figure ce ne sono a bizzeffe, ognuno pensi a chi vuole. E magari pensi pure agli indubbi benefici che la vicinanza ai Trematerra, talora strisciante fino all'umiliazione, ha procurato loro. Insomma una corte dei miracoli pronta a tutto perché buona a nulla.
Le recenti batoste elettorali hanno decisamente ridimensionato il peso specifico dei Trematerra e si respira l'atmosfera del crepuscolo.
Tuttavia la vischiosità di certi riprovevoli figuri pronti a saltare sul carro di Oliverio, o chi per lui, determina un certo umano ribrezzo.
Di questo scenario probabilmente Gino e Michele Trematerra sono gli unici responsabili. Se oggi raccolgono grame messi elettorali a queste altitudini è per le promesse che il loro potere emanava, quasi d'ufficio, clamorosamente disattese.
Si pensi all'ospedale. Oggi Gino e Michele vivono il paradosso di essere accusati ad Acri di non averlo difeso abbastanza, a Castrovillari di averlo fatto fin troppo.
Il recente congresso dell'Udc di Acri si è svolto in un clima a dir poco surreale: sembrava quasi di essere alle assise di un partito reduce da un filotto di vittorie elettorali.
Con l'eccezione di qualche impercettibile balbettio, si è deciso di spostare la polvere sotto il tappeto, senza dar vita a una severa autocritica sull'impressionante emorragia di consensi elettorali.
Questo rappresenta la cartina di tornasole della qualità morale di chi in questi anni si è sistematicamente genuflesso al cospetto del capo. Si è preferito, nel momento della difficoltà, abbandonare il potente per cercarne un altro, piuttosto che dirgli in faccia che stava sbagliando.
Testa alta e schiena dritta evidentemente non rientravano tra i connotati della carta d'identità del lacchè in fila in questi anni davanti alla porta di Gino prima e di Gino e Michele poi.

PUBBLICATO 04/11/2014





Ultime Notizie

CRONACA  |  LETTO 1062  
Sequestri per smaltimenti illecito di un frantoio
I carabinieri forestali di Acri hanno deferito all’autorità giudiziaria il proprietario...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 275  
Tanto buon umore e speranza in corsia
La cooperativa Teatro in note, ha promosso, presso il reparto di Oncologia e Psichiatria dell'ospedale Annunziata di Cosenza, l'iniziativa “Un sorriso in dono”, portando la musica nei reparti in cui ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 413  
Cammino Basiliano. Acri inserito nel percorso
L’Amministrazione Comunale, comunica alla cittadinanza che Acri è inserito ufficialmente nel percorso denominato “Cammino Basiliano”. Questo è stato possibile grazie all’immediato intervento dell’as ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 272  
La politica ondivaga della crisi
Si rimane esterrefatti di fronte allo spettacolo indecente offerto dalla politica ondivaga della profonda crisi che pervade oggi tutta la società italiana. Un esempio eclatante di questa crisi è sta ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 192  
La Shoah al Maca
La Giornata della Memoria, di lunedì 27 gennaio, getta una nuova luce sull’importante mostra retrospettiva “La materia della memoria” dedicata al maestro Giorgio Celiberti, a cura di Anselmo Villata ...
Leggi tutto