POLITICA Letto 4633  |    Stampa articolo

I Trematerra e il calcio del mulo

Foto © Acri In Rete
Piero Cirino
Le vicissitudini che stanno accompagnando un'atipica campagna elettorale per l'elezione di presidente e consiglio regionali, portano a compimento un rituale tipico della fine di un ciclo politico.
Si assiste allo stucchevole spettacolo del calcio del mulo, con mezze tacche pronte ad attuare l'ennesima trasformazione, ammainando bandiere e issandone altre. Magari le stesse sulle quali fino al giorno prima avevano rovesciato contumelie e frasi impronunciabili.
I Trematerra, Gino prima e Gino e Michele poi, per vent'anni hanno rappresentato l'immagine del potere.
Le loro anticamere sono state popolate da nani e ballerine, pronti, con la medesima disinvoltura, a difendere il potente al suo apogeo e gettarlo nel fango nel momento di massima difficoltà.
Ad Acri di queste figure ce ne sono a bizzeffe, ognuno pensi a chi vuole. E magari pensi pure agli indubbi benefici che la vicinanza ai Trematerra, talora strisciante fino all'umiliazione, ha procurato loro. Insomma una corte dei miracoli pronta a tutto perché buona a nulla.
Le recenti batoste elettorali hanno decisamente ridimensionato il peso specifico dei Trematerra e si respira l'atmosfera del crepuscolo.
Tuttavia la vischiosità di certi riprovevoli figuri pronti a saltare sul carro di Oliverio, o chi per lui, determina un certo umano ribrezzo.
Di questo scenario probabilmente Gino e Michele Trematerra sono gli unici responsabili. Se oggi raccolgono grame messi elettorali a queste altitudini è per le promesse che il loro potere emanava, quasi d'ufficio, clamorosamente disattese.
Si pensi all'ospedale. Oggi Gino e Michele vivono il paradosso di essere accusati ad Acri di non averlo difeso abbastanza, a Castrovillari di averlo fatto fin troppo.
Il recente congresso dell'Udc di Acri si è svolto in un clima a dir poco surreale: sembrava quasi di essere alle assise di un partito reduce da un filotto di vittorie elettorali.
Con l'eccezione di qualche impercettibile balbettio, si è deciso di spostare la polvere sotto il tappeto, senza dar vita a una severa autocritica sull'impressionante emorragia di consensi elettorali.
Questo rappresenta la cartina di tornasole della qualità morale di chi in questi anni si è sistematicamente genuflesso al cospetto del capo. Si è preferito, nel momento della difficoltà, abbandonare il potente per cercarne un altro, piuttosto che dirgli in faccia che stava sbagliando.
Testa alta e schiena dritta evidentemente non rientravano tra i connotati della carta d'identità del lacchè in fila in questi anni davanti alla porta di Gino prima e di Gino e Michele poi.

PUBBLICATO 04/11/2014





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 548  
La politica deve garantire e tutelare la salute dei cittadini
Ho sempre considerato la politica come uno strumento che deve solo ed esclusivamente migliorare le sorti di un territorio nonché la qualità della vita dei cittadini
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 937  
Morte Roselli. Decisione prevista per giovedì 14 novembre
Si è tenuta ieri, presso il Tribunale di Cosenza, davanti al giudice Francesca De Vuono, la discussione per il processo di Francesco Roselli deceduto il 29 giugno del 2014 presso l’Ospedale civile d ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1627  
Festa Sant’Angelo. Il programma
Domani, mercoledì 30, festa in onore di Sant’Angelo, compatrono della città, canonizzato nel 2017. Un anno importante in quanto ricorre il 350° anniversario della nascita
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2157  
Lavori pubblici. Sposato; burocrazia lenta, funzionari mediocri, politici lontani.
Gianfranco Sposato, amministratore unico e direttore tecnico della Sposato Costruzioni, fa sentire la sua voce. Michele Presta, giornalista de Il Corriere della Calabria, quotidiano on line calabr ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 718  
Trofeo Sant'Angelo, vince la coppia Oriolo-Palermo
Buona cornice di pubblico, apprezzamenti oltre le aspettative e tanto entusiasmo per la III edizione del Trofeo di Sant’Angelo, gara regionale a coppie, organizzata dal Gruppo bocciofilo Città di Ac ...
Leggi tutto