POLITICA Letto 3134  |    Stampa articolo

Vendola: “Calabria in macerie, la cultura del centro sinistra la risollevera’”

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
"Potere e speranza hanno divorziato tempo fa, facciamo in modo che ritornino ad essere almeno una coppia di fatto.” Con questa frase, con cui si è guadagnato una vera e propria standing ovation, Nichi Vendola ha concluso la manifestazione pubblica a sostegno del candidato locale al consiglio regionale, Alberto Vuono e di Mario Oliverio, candidato a governatore per il centro sinistra. Vendola non cita mai il collega Oliverio, piuttosto se la prende spesso con Scopelliti reo “di aver ridotto in macerie la Calabria”, accusa la ‘ndrangheta “presente in tutti i settori della vita pubblica”, e prende come esempio la sua Puglia in netta crescita dal 2004. La sala Falcone è piena e Vendola ammalia.
In questi ultimi anni – dice il leader di Sel – in Calabria c’è stato un potere arcigno e cattivo che non ha fatto crescere la regione diventata la vergogna dell’Italia sotto la gestione Scopelliti. Siete ultimi in tutto e le ricchezze che avete non sono state sfruttate adeguatamente.”
Vendola dimostra di conoscere a fondo la regione quando cita l’Aspromonte, il porto di Gioia Tauro, Polsi, la Sila, il mare, Crotone e Reggio Calabriaalla cui guida finalmente è tornata una persona onesta e per bene.”
Applausi. C’è spazio anche per il ponte dello stretto e Vendola lo ricorda con una frase per la quale è stato processato e assolto dopo la denuncia dei sindaci di Reggio Calabria e Messina, Scopelliti e Buzzanca: “vogliono unire due cosche piuttosto che due coste.”
Quindi le proposte: “la questione è solo culturale, se i calabresi vorranno la regione si risolleverà, basti che la nuova classe dirigente di centro sinistra sappia sfruttare le potenzialità, intercettare e spendere i fondi europei come abbiamo fatto in Puglia, creando sviluppo e posti di lavoro. Non è più il momento di fare gli omertosi e di avere paura a denunciare.”
Il finale è per una riflessione di carattere nazionale: “attenzione, i partiti di estrema destra stanno crescendo in tutta Europa, nazismo e fascismo, sono presenti e la nostra democrazia, senza lavoro, diritti, dignità, è a forte rischio.”





PUBBLICATO 10/11/2014





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 943  
Parco nazionale della Sila. Nominato il nuovo direttore
Nei giorni scorsi si è insediato il nuovo Direttore Domenico Cerminara, responsabile del Servizio Pianificazione, Programmazione, Tutela e Sviluppo dell’Ente Parco. Prende il posto di Giuseppe Luzzi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 492  
Enel produzione. Rischio sottodimensionamento. Giovedì sciopero
Anche gli operai di Enel produzione, quelli di via Pastrengo per intenderci, parteciperanno allo sciopero di giovedì prossimo. “La vertenza Enel Green Power dell'unità territoriale di Acri non tro ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 592  
Regionali 2020. I dieci candidati più votati nell’intera regione. Vince Irto
Tra i migliori dieci candidati ben otto sono del centro destra. Il primato spetta a Irto (Pd, nella foto), ex presidente del consiglio regionale, con 12568 voti a seguire Gallo (Fi) 12053 quindi Esp ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1329  
Complimenti vivissimi
Che strana gente siamo noi del Sud! Per carità, abbiamo molte virtù di cui andare fieri. Siamo orgogliosi (in particolare delle nostre origini), capaci, generosi, laboriosi, accoglienti.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2156  
Regionali 2020. Ecco il nuovo consiglio regionale
Santelli presidente grazie al 55,3% (449.705 voti). Maggioranza. Molinaro, Gallo, De Caprio, Caputo, Morrone, Graziano, Mancuso, Raso, Tallini, Esposito, Pietropaolo, Pitaro, Creazzo, Neri, Arruzzo ...
Leggi tutto