POLITICA Letto 3046  |    Stampa articolo

Vendola: “Calabria in macerie, la cultura del centro sinistra la risollevera’”

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
"Potere e speranza hanno divorziato tempo fa, facciamo in modo che ritornino ad essere almeno una coppia di fatto.” Con questa frase, con cui si è guadagnato una vera e propria standing ovation, Nichi Vendola ha concluso la manifestazione pubblica a sostegno del candidato locale al consiglio regionale, Alberto Vuono e di Mario Oliverio, candidato a governatore per il centro sinistra. Vendola non cita mai il collega Oliverio, piuttosto se la prende spesso con Scopelliti reo “di aver ridotto in macerie la Calabria”, accusa la ‘ndrangheta “presente in tutti i settori della vita pubblica”, e prende come esempio la sua Puglia in netta crescita dal 2004. La sala Falcone è piena e Vendola ammalia.
In questi ultimi anni – dice il leader di Sel – in Calabria c’è stato un potere arcigno e cattivo che non ha fatto crescere la regione diventata la vergogna dell’Italia sotto la gestione Scopelliti. Siete ultimi in tutto e le ricchezze che avete non sono state sfruttate adeguatamente.”
Vendola dimostra di conoscere a fondo la regione quando cita l’Aspromonte, il porto di Gioia Tauro, Polsi, la Sila, il mare, Crotone e Reggio Calabriaalla cui guida finalmente è tornata una persona onesta e per bene.”
Applausi. C’è spazio anche per il ponte dello stretto e Vendola lo ricorda con una frase per la quale è stato processato e assolto dopo la denuncia dei sindaci di Reggio Calabria e Messina, Scopelliti e Buzzanca: “vogliono unire due cosche piuttosto che due coste.”
Quindi le proposte: “la questione è solo culturale, se i calabresi vorranno la regione si risolleverà, basti che la nuova classe dirigente di centro sinistra sappia sfruttare le potenzialità, intercettare e spendere i fondi europei come abbiamo fatto in Puglia, creando sviluppo e posti di lavoro. Non è più il momento di fare gli omertosi e di avere paura a denunciare.”
Il finale è per una riflessione di carattere nazionale: “attenzione, i partiti di estrema destra stanno crescendo in tutta Europa, nazismo e fascismo, sono presenti e la nostra democrazia, senza lavoro, diritti, dignità, è a forte rischio.”





PUBBLICATO 10/11/2014





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 375  
Regionali. Ufficiale si vota il 26 gennaio
Qualche ora fa il presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, ha annunciato che a breve firmerà...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1572  
La vicenda di Grazia, parla Vincenzo Catanzariti
Ricordate la vicenda di Grazia Tripargoletti, la donna che per arrivare sul posto di lavoro (motorizzazione civile di Cosenza) in modo puntuale è costretta a dormire su una panchina e di cui si è oc ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 741  
Calabria Verde, stabilizzati 203 lavoratori LSU-LPU
L’Azienda Calabria Verde ha concluso il processo di stabilizzazione dei 203 dipendenti, facenti parte degli ex Lsu/Lpu, che nel mese di aprile 2016 erano transitati in Calabria Verde provenienti dal ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 264  
Frane e alluvioni. Il nuovo rapporto Ispra. Il 100% dei Comuni calabresi è a rischio
L’edizione 2018 del Rapporto sul dissesto idrogeologico in Italia, pubblicato dall’Ispra....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 545  
Report raccolta differenziata 2018. Acri al 65,4%
In provincia di Cosenza il quantitativo totale di rifiuti differenziati ha superato, nel 2018, quello che ancora è conferito nelle modalità tradizionali. Per la prima volta da quanto il Catasto re ...
Leggi tutto