POLITICA Letto 5333  |    Stampa articolo

Regionali. L’impegno di Franz Caruso per sanita’ e infrastrutture e contro il consociativismo

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Questione morale, sanità, trasporti, sono stati alcuni dei temi trattati da Franz Caruso, candidato nella lista Pd, che ha tenuto un incontro molto partecipato al cinema. In sala vecchi e nuovi dirigenti ed iscritti del Psi ma anche molti esponenti del sindacato Uil. Sono intervenuti anche Gaetano Bruni, segretario locale del Psi, Luigi Incarnato, segretario regionale del Psi, Mario Bonacci, già consigliere comunale ed assessore al bilancio del Comune di Acri, Angelo Gencarelli, promotore del comitato elettorale pro Caruso.
Quest’’ultimo, già consigliere comunale Udc, ha precisato che la sua scelta di sostenere Caruso va al di là dei partiti ed è frutto di un rapporto personale di lunga durata. Riferendosi, poi, alle elezioni ha auspicato per tutti i calabresi e gli acresi di avere una Regione amica piuttosto che un amico alla Regione. Caruso infiamma subito la platea: “la Calabria è in ginocchio e deve cambiare negli uomini se vuole risollevarsi. La politica di questi ultimi anni non ha prodotto nulla anche per il vostro territorio e non mi risulta che noti esponenti istituzionali locali amici di Scopelliti abbiano portato vantaggi alla vostra città.” Partono i primi applausi.
E aggiunge: “io non prometto posti di lavoro ma solo impegno per tutelare i diritti della comunità ad iniziare da quello della salute ed una città come Acri non può restare senza un presidio sanitario.”
Altri applausi. Ed ancora: “diffidate da chi promette posti di lavoro e servizi o da chi si è già presa la delega di assessore, Oliverio ha vinto ma la squadra di governo sarà fatta a bocce ferme, io non accetterò inciuci con chi sta dall’altra parte perché uno dei drammi di questi ultimi anni è stato proprio il consociativismo tra maggioranza ed opposizione.”
C’è spazio anche per i lavori pubblici e il turismo: “conosco bene questa realtà che spero di rappresentare adeguatamente e ritengo che uno dei problemi da risolvere sia quello della viabilità con il finanziamento dell’altro lotto Acri-Cosenza, quindi occorre puntare sulle eccellenze che sono tante e di vario tipo, sul turismo religioso e sulle bellezze naturali, ciò significa valorizzare l’ambiente e creare lavoro.”





PUBBLICATO 17/11/2014





Ultime Notizie

LETTERA APERTA  |  LETTO 2896  
Ospedale. Mancano gli anestesisti, a pochi minuti intervento chirurgico rinviato
Di seguito pubblichiamo quanto inviatoci attraverso messenger da un nostro lettore. “Buongiorno direttore Saporito, scrivo per una situazione successa stamani in ospedale presso il reparto di chirur ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2499  
Tentato furto in un bar. Due condanne
Ha destato particolare scalpore la notizia del tentato furto subito dal titolare di un noto bar perché già vittima in passato di una rapina e per le modalità con cui è stato tentato l’atto predator ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1643  
Verso le regionali. Gencarelli, 'rappresentiamo la vera alternativa'
E’ uno dei due candidati locali (l’altro è Loredana Barillaro, ndr), ha 44 anni, residente in Acri ma originario di La Mucone, si occupa di sicurezza sui luoghi di lavoro con esperienze anche fuori ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 227  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che martedì 14 Gennaio 2020 dalle ore 07:30 alle ore 11:00 in via V. Baffi nei pressi del bar “Capriccio”, sarà presente un’autoe ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 760  
Storia della medicina popolare In Calabria
Ho letto con grande interesse e curiosità l’ultima pubblicazione di Abbruzzo e Conocchia, “La medicina popolare in calabria”, Edizioni Alimena-Orizzonti Meridionali, Cs 2019.
Leggi tutto