POLITICA Letto 4488  |    Stampa articolo

Roberto Occhiuto (fi) contro Michele Trematerra; “non ha tutelato il territorio e la citta’”

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
La candidata alla presidenza della Regione, Wanda Ferro, fa tappa nella città silana ed accanto a lei c’è il gotha regionale di Forza Italia; Ennio Morrone, Diego Tommasi, Pino Galati e Ioele Santelli, i consiglieri comunali, Milordo, Fabbricatore e Romagnino. A sostegno della Ferro c’è anche Raffaele Fitto, europarlamentare e c’è anche Roberto Occhiuto che qui non è certo uno sconosciuto.
Il deputato forzista, infatti, anche ad Acri può contare su un discreto seguito e nessuno ha dimenticato i rapporti politici e di amicizia, oramai tramontati, con Gino e Michele Trematerra. Rapporti passati e, quanto pare, già dimenticati sulla base di una irriconoscenza che in politica non può esistere. Durante il suo breve intervento, Occhiuto, senza mezzi termini, accusa chi in questi ultimi quattro anni di gestione Scopelliti non è riuscito a tutelare il territorio. Occhiuto non fa nessun nome ma è facilmente comprensibile che il destinatario dei suoi strali è proprio Michele Trematerra. Dice Occhiuto; “la città è stata rappresentata a livello istituzionale da un assessore di punta, braccio destro di Scopelliti, che non è riuscito a tutelare né il territorio né la città, non riuscendo a garantire importanti servizi come l’ospedale.”
Il cinema non è pieno ma gli applausi dei forzisti, e non solo (in sala anche ex Udc), sono tanti e rumorosi. A chi gli fa notare che l’attacco all’ex amico e compagno di partito, è pesante e che i Trematerra avevano tentato di stilare un accordo con Fi, Occhiuto risponde; “siamo in campagna elettorale, sono considerazioni politiche e non ho detto sciocchezze, l’Udc è venuto da noi ma alla fine non se ne è fatto nulla perché non la pensiamo allo stesso modo.”
Occhiuto, quindi, viene nella città dei Trematerra e li critica aspramente. Sembra trascorso molto tempo ma solo fino a qualche annetto fa Occhiuto e Trematerra salivano sullo stesso palco per incontri e campagne elettorali, a farsi elogi a vicenda ed al fine di portare acqua allo stesso mulino.
Eppure Occhiuto deve ringraziare proprio un esponente Udc se adesso siede al Parlamento. Come primo dei non eletti, infatti, nel giugno scorso ha preso il posto di Lorenzo Cesa che ha optato per il seggio europeo.
Ferro ammette: “il piano sanitario è da rivedere, come quello dei rifiuti e dei trasporti ed una città come Acri non può essere abbandonata.”  
Poi Fitto; “il Governo Renzi non sta mettendo in atto le promesse visto che le tasse sono ancora alte, i consumi vanno sempre più giù,  le famiglie e le imprese soffrono, occorre puntare sui numerosi fondi europei, ultima speranza per risollevare il Sud.” Ed infine: “al voto calabrese guarda con l’attenzione tutta Italia ma subito dopo il mio partito dovrà riorganizzarsi e incalzare di più il Governo.”



PUBBLICATO 18/11/2014





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 1043  
Acresi che non siamo altro
Quello che non manca a noi acresi è certamente l’originalità.Forse per questo, a volte....
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 457  
HortusAcri. Collaborazione con gli istituti scolastici per educare all'ambiente
Sono piccoli ma cresceranno! L’anno scolastico è partito da alcune settimane e Hortus Acri ha avviato il secondo anno di collaborazione con le scuole del territorio di Acri.
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 554  
I gravi ritardi e disagi su La Mucone
Una politica più incisiva e meno chiacchierona è quello di cui ha bisogno Acri....
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 672  
Semplicemente grazie
L'Associazione MediArtis e il gruppo Majorettes di Acri desiderano esprimere pubblicamente....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 961  
Ordinanze. Dal 15 novembre obbligo di catene a bordo o pneumatici da neve. Ecco i tratti interessati. C’è anche la s.s. 660
Mancano oramai pochi giorni. A partire da venerdì 15 novembre e fino al 15 aprile 2020....
Leggi tutto