POLITICA Letto 2498  |    Stampa articolo

Comune. Piano di rientro. Anche il collegio dei revisori solleva dubbi e rilievi

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il sindaco Tenuta è ottimista: “la città eviterà il dissesto finanziario ed il prossimo sarà l’anno della svolta.” L’anticipazione della cassa depositi e prestiti, pari a quindici milioni e mezzo (da restituire in trenta anni) ha permesso di pagare i debiti fuori bilancio accumulati fino al trentuno dicembre 2013 e rimborsare l’anticipazione alla tesoreria. Tuttavia la situazione resta critica anche perché le aliquote di alcuni tributi (tasi ed imu) restano ancora alte.
L’ultima seduta del consiglio comunale doveva approvare la rimodulazione del piano di rientro proprio in virtù dell’accreditamento dei fondi da parte della cassa depositi e prestiti. L’atto è stato approvato dalla sola maggioranza mentre l’opposizione ha abbandonato l’aula ad inizio dei lavori. Udc e Pd contestano all’esecutivo Tenuta lo scarso coinvolgimento nelle scelte ed i continui ritardi nella consegna dei documenti.
Ma Tenuta ed i suoi devono incassare anche le bacchettate del collegio dei revisori dei conti. Nel parere sulle modiche apportate al piano di riequilibrio, infatti, i tre professionisti sollevano alcuni dubbi; “ancora una volta questa amministrazione, non tenendo conto di un minimo di rispetto dei tempi di consegna per lo studio della documentazione, ci trasmette gli atti solo il giorno prima del consiglio e senza una relazione di sintesi in cui si motivano i contenuti delle modifiche.”
Quindi i consigli; “si invita l’ente ad assicurare con i proventi delle tariffe la copertura dei costi delle gestione del servizio rifiuti nonché dei servizi a domanda individuale, effettuare una rigorosa revisione della spesa con l’indicazione di obiettivi specifici di riduzione della stessa, verificare tutti i residui attivi e passivi ancora presenti nel bilancio, ridurre il costo del personale per effetto dei pensionamenti.”
I revisori, infine, sulla questione relativa alla vendita di immobili e terreni demaniali, fanno notare che “non fanno parte della rimodulazione e che il piano di dismissione necessita di chiarimenti.” Insomma, rilievi di non poco conto, e non è la prima volta che il collegio, soprattutto Laura Rosa, sottolinea incongruenze ma anche in questo caso il collegio esprime parere positivo.

PUBBLICATO 09/12/2014





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 526  
Regionali 2020. In città vince il centro destra
Terminiamo il nostro racconto sul voto regionale con quest’ ultimo scritto. Nei giorni scorsi ci siamo occupati delle preferenze dei candidati locali e dell’intera regione e dei voti presi dalle lis ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1083  
Parco nazionale della Sila. Nominato il nuovo direttore
Nei giorni scorsi si è insediato il nuovo Direttore Domenico Cerminara, responsabile del Servizio Pianificazione, Programmazione, Tutela e Sviluppo dell’Ente Parco. Prende il posto di Giuseppe Luzzi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 582  
Enel produzione. Rischio sottodimensionamento. Giovedì sciopero
Anche gli operai di Enel produzione, quelli di via Pastrengo per intenderci, parteciperanno allo sciopero di giovedì prossimo. “La vertenza Enel Green Power dell'unità territoriale di Acri non tro ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 676  
Regionali 2020. I dieci candidati più votati nell’intera regione. Vince Irto
Tra i migliori dieci candidati ben otto sono del centro destra. Il primato spetta a Irto (Pd, nella foto), ex presidente del consiglio regionale, con 12568 voti a seguire Gallo (Fi) 12053 quindi Esp ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1443  
Complimenti vivissimi
Che strana gente siamo noi del Sud! Per carità, abbiamo molte virtù di cui andare fieri. Siamo orgogliosi (in particolare delle nostre origini), capaci, generosi, laboriosi, accoglienti.
Leggi tutto