POLITICA Letto 3868  |    Stampa articolo

Niente stipendi nè tredicesime. Il comune di Acri tira la cinghia

Foto © Acri In Rete
Giulia Zanfino
Stipendi comunali a rischio. Salari e tredicesime. Probabilmente l’Amministrazione comunale riuscirà a saldare il tutto solo dopo le Feste. La notizia, trapelata dagli uffici comunali, sta facendo inferocire i diretti interessati.
I conti di palazzo Gencarelli non tornano. Continuano a non tornare, nonostante il prestito di ben 15 milioni di euro che l’Ente ha chiesto alla cassa depositi e prestiti ed ottenuto per far fronte ai debiti fuori bilancio degli ultimi 13 anni. Una procedura che, come si ricorderà, salvò l’Ente dal dissesto finanziario paventato dalla Magistratura contabile.
Un paradosso, poi, se si pensa che il sindaco, Nicola Tenuta, è anche un commercialista molto noto negli ambienti di settore. Buste paghe che languono, proprio a ridosso delle feste natalizie. Luminarie assenti per lo stesso motivo.
Un Comune a tutti gli effetti sfasciato, nonostante le rassicurazioni colorite di demagogia e di politichese degli amministratori di turno. Una situazione allarmante se si pensa a quanto sarebbe bastato per sanare l’emorragia delle casse comunali negli ultimi decenni. Sarebbe bastato un pizzico di sano buon senso.
Si profilano tempi duri e magri sia per i dipendenti del Comune che per i cittadini. A stringere la cinghia, infatti, saranno anche gli stessi abitanti. Aumenti della tassa sui rifiuti fino al 300 per cento stanno per essere presi in considerazione dalla politica locale per pagare i conferimenti dell’anno corrente presso le discariche regionali. Certamente gli ultimi. Infatti, dal 31 dicembre in poi, secondo la nuova normativa regionale sui rifiuti, non sarà più possibile trasportare i rifiuti tal quali ma dovranno essere precedentemente pretrattati e differenziati.
Il Comune di Acri, a questa scadenza, ci è arrivata per il rotto della cuffia. Sta per partire la campagna di sensibilizzazione per l’inizio della differenziata fissata al 2 gennaio. Allora sarà già il 2015. Un nuovo anno. Quanto nuovo?

PUBBLICATO 14/12/2014





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 493  
Parco nazionale della Sila. Nominato il nuovo direttore
Nei giorni scorsi si è insediato il nuovo Direttore Domenico Cerminara, responsabile del Servizio Pianificazione, Programmazione, Tutela e Sviluppo dell’Ente Parco. Prende il posto di Giuseppe Luzzi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 312  
Enel produzione. Rischio sottodimensionamento. Giovedì sciopero
Anche gli operai di Enel produzione, quelli di via Pastrengo per intenderci, parteciperanno allo sciopero di giovedì prossimo. “La vertenza Enel Green Power dell'unità territoriale di Acri non tro ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 397  
Regionali 2020. I dieci candidati più votati nell’intera regione. Vince Irto
Tra i migliori dieci candidati ben otto sono del centro destra. Il primato spetta a Irto (Pd, nella foto), ex presidente del consiglio regionale, con 12568 voti a seguire Gallo (Fi) 12053 quindi Esp ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1082  
Complimenti vivissimi
Che strana gente siamo noi del Sud! Per carità, abbiamo molte virtù di cui andare fieri. Siamo orgogliosi (in particolare delle nostre origini), capaci, generosi, laboriosi, accoglienti.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2070  
Regionali 2020. Ecco il nuovo consiglio regionale
Santelli presidente grazie al 55,3% (449.705 voti). Maggioranza. Molinaro, Gallo, De Caprio, Caputo, Morrone, Graziano, Mancuso, Raso, Tallini, Esposito, Pietropaolo, Pitaro, Creazzo, Neri, Arruzzo ...
Leggi tutto